La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 12, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 597 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Miraggio mancato

Perch il mio cuore
sta cos male?
Perch nella mia anima
il dolore permane?
Dentro me
c' un paesaggio desolato,
come uno scenario
di un conflitto
appena terminato
come una guerra
che appena andata via,
lasciando sulla terra
le sue cicatrici
lungo la scia.
Come piazze edifici
e fabbricati crollati,
sotto gli ordigni
potenti e detonati,
stanno i miei sogni
e speranze caduti,
sotto lo scoppio
di un miraggio mancato.
Mi aggiro tra morti e macerie
e un senso di tenebrosa pace
mi divora, sento un'ansia
ed un'inquietudine:
non so il domani cosa mi promette.
Chi verr a riempire
il mio cuore svuotato,
che sotto la pressione
si piega dolente?
Spero nella ricostruzione,
ma non riesco
a smaltire le rovine,
e non riesco pi a credere
perch dopo ogni prova
segue un fallimento,
dopo ogni sviluppo
procedono imperterriti
la guerra e il tormento
col loro fragore.
Poi si riversa il silenzio
dopo le detonazioni,
sento a stento il sibilo del vento,
un'aria grigia e tranquilla
mi rende stanco e sereno,
ed ho paura di pensare al domani!
La mia anima un paesaggio devastato,
il mio cuore una landa desolata
e ora ramingo giro per strada
vedo il tramonto di un'era finita,
che stenta a spirare
e far posto al nuovo
che stenta a venire!
Sognavo un grande amore
e ho un vuoto dentro al cuore,
si sente pesante quest'alito gelido
di un sentimento che appena
stato ammazzato,
di un miraggio mancato.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Cogli questo piccolo fiore e prendilo. Non indugiare! Temo che esso appassisca e cada nella polvere

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9999789
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.