La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 18, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 768 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
... e poi ci sono i muri
dove lasciamo i pianti
dove sbattiamo la testa
senza guardare
senza sentire
muri invalicabili
spessi come montagne
muri che tolgono la vista
che sovrastano
che nascondono il cielo
muri eretti a proteggerci
muri per non parlare
muri per non sognare
muri dentro
freddi come pietre
pesanti come il buio
muri sempre muri
muri a dividere
muri messi a confine
a delineare il mio e il tuo
muri
muri
muri e ancora muri ...
ma ci sono anche altri muri
muri che sorreggono
muri caldi baciati dal sole
muri che ti abbracciano
che proteggono
che hanno calore
muri di pietra antica
che portano memorie
muri nuovi dove metterci la via
muri colorati
dipinti
allegri
muri da dipingere
con le impronte di una vita
muri dove appendere ricordi
muri come fogli di cielo
dove scrivere pensieri
muri dove si posano le ali dei sogni
muri pieni di verde
aggrappato avvinghiato
in un amplesso fecondo
muri
muri
muri e ancora muri ...
e quelli di gomma
di cristallo
di metallo
muri messi a barriera
muri sorridenti come una dentiera
muri sdentati come merli di un castello
muri da scalare
da scavalcare
da saltare
muri da salirci
muri in cui sedersi
muri come osservatori sul mondo
avamposti delle nostre esistenze
muri dove tamburellano le gambe
dondolanti nel vuoto
muri per attendere
muri per sorprendere
muri che ti mettono al muro
muri dove da bambini
con l'avambraccio appoggiato
si contava fino a cento
muri che da ragazzi si graffiava
per inciderci cuori
con impressi i primi amori
muri con affissi manifesti
bizzarri o seriosi
muri pieni di facce
allargate di promesse
piene di cerone
a celare l'imbroglione
muri vestiti eleganti
con le calze e i tacchi a spillo
o di donne in mutande
muri intraprendenti
pieni di consigli
che ti amicano
e fai questo o quello
muri
muri
muri e ancora muri
muri strisciati
muri dove son perite delle vite
muri maestri
muri divisori
muri contenitori
muri come trampolino
da spiccare il volo
muri da appoggiarvi le spalle
e tirare un sospiro di sollievo
perch la vista al di l del muro
solo di orizzonte sconfinato
dove nessun muro lo ha delimitato
e vi spazia libero ogni pensiero
che vuol volare
oltre
in alto
al di sopra di ogni muro ...
e poi basta muri
muniamoci di mazza
abbattiamoli tutti
soprattutto quelli che
impediscono
bloccano
smorzano
l'ardore della vita!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Dice, e l'aria alle sue dolci parole sibila d'ali, e l'irta siepe fiora. Altro il savio potrebbe; altro non vuole; pago se il ciel gli canta e il suol gli odora; suoi. nunzi manda alla nativa aurora, a biondi capi intreccia sue corone.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9958404
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.