La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 04, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 574 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Luca Conti

Il primo mondo

E stai danzando da morto
coi visi sporchi di fango nel buio.
Hai visto bestie da soma nel tunnel,
e dall'occhio al cuore
l'acre aroma della canna da zucchero
ti salito al cervello
(e nessuno ha descritto chi intento
a produrre).
Nel grande canale del Rajasthan
quarantamila operai
hanno lavorato trent'anni.
Nessuno di noi ha voluto vedere,
altri non hanno potuto:
nessuno di noi tornato.
La miniera d'oro di Serra Pelada in Brasile
con i suoi cinquantamila dannati
ha spremuto il ringhio della terra
che non poteva ballare.
Scorgi a Trinit dei Monti
imberbi dispersi
intenti a sperare
e gli eschimesi abituati a sparire
nel Peterak, il vento groenlandese
di bufera, i guerriglieri a sparare,
mani di pietra dell'indio a spirare.
Hai visto bestie da soma nel mondo,
e dall'occhio al cuore,
l'acre aroma della canna da zucchero
ti ha dato alla testa.
***

Gogna dell'urbe inurbana
Sul monociclo della mia attenzione
scorro per una citt svuotata,
dove l'inferno si tramuta in ghetto
ma i grattacieli sono il paradiso.

In via Heinrich Hertz ancra i palazzi
rossi ti cadono in testa.
Eppure sono dighe
allo straripare della fortezza
bruta per condivisa nefandezza.
Dopo il viadotto le strade si prdono:
attraverso una sabbia mobile,
come un guerrigliero di sedici anni
nella selva nebbiosa.
La mia casa sparita.
ora solo uno spiazzo
di ceneri vellutate e rottami.
E abbiamo i grotteschi soprannomi
di chi ha trascorso troppo tempo
in clandestinit.
Accade di gridare,
come se le nere acque
della citt industriale
riescano a intonare
e poi si spalanchino
in vitreo soprassalto
al Sole acuto Sole
che uscisse a generare,
il canto a compatire:
come se nella condizione
di chi troppo lontano
ci sia spazio ancora per l'avanzata.
(1995-97)
***

Tropical song
Rullano i tamburi le virt,
ma per nessuno.

Da qui a Tristan de Cunha
non un salto,
ma ci si pu andare,
da qui al satellite Luna
ho un progetto pronto,
che nasce dall'utilizzazione
delle risorse pi riposte,
delle rincorse pi rischiose.
Ora, qui
l'aspro gioco del vento
si fa cigolante senza direzione
sui pensieri d'autostrada,
frullato di pietra in citt.
Suscito rievocazioni blande
nei caff pieni di foto in bianconero
e di lettori arguti.
Su una metropolitana stridente,
scendendo alla fermata pi remota
con l'ossido di abitudine addosso,
ghignamo nei dissapori del traffico.
Mentre il Brasile butta in mare
il suo raccolto di caff, aqu
baja el peso, sube el queso
dame un beso, amor.
Altrove
alcuni paesi occidentali
fanno omaggio delle scorie nucleari
ad alcuni paesi tropicali,
poi decantano le doti del faggio
e la moralit:
che impongono ai paesi tropicali.
***

Aniene (seconda versione)
Tortuosi giri tra le palazzine.
Da un anno Tiziana s' tolta il vizio,
adesso cammina e parla veloce;
lo sa soltanto il cielo dei jazzisti
che traluce verso i campi assolati,
prismi sacri dall'etere turchino:
non si stancata di affrontare i giorni.
Hanno delegato le apparizioni
ai gabbiani radenti le terrazze
disadorne e impolverate di squame.
Nell'urbe cosmetica e avvelenata,
le fiere della strada ti rincorrono,
salire lentamente in ascensore
alla scala effe, interno ventuno:
in questo risiede il senso profondo
del trascorrere il tempo pilotato:
effetto previsto, morte per stress.

Le palme lese, le dita dall'ansia
catturatrici di un profilo; siamo
incatenati senza fondamenta
sul viadotto delle Valli squagliato
dal gas rovente inesploso e dal sole,
con ira innocente nell'atmosfera,
fuoco ondulante sul terreno nero.
I pomatini hanno lunghe e affusolate vetture,
prdono il tempo in vuote bietolate.
Un uomo si accinge al suo liquore,
il secondo, cerca una sigaretta.
Limpidissima terrizione di Calliope.
Non hanno scampo gli uomini dagli uomini!
i pomatini dai ladri di radio,
l'operaio illegale dalla iena,
il morente dal medico-faina,
la bigotta dalla suora-vampira.
Lo ha detto Il Menzognero riprendendo
Il Corriere di Pinocchio di ieri:
ci sono nuovi tipi di vacanza
e l'Italiano ne approfitter,
perch, basta, ora di finirla con i consumi
e hanno scoperto un nuovo rimedio per la calvizie
che tuttavia resta simbolo di virilit.
Nel mattino affumicato di smog
Mi sto a imballare di pappolate sul 58
per sdipanare la giornata planetaria,
piena di guerra, miseria e rifugiati.
Il fiume trascorre portando a spasso
i rifiuti dell'uomo, il consumato,
smegma urbano e lerciume di stracci,
siringhe e cadaveri naturali.
Disotto i sentieri acquidosi
il sussurratore di oscenit
guaisce con le pretese di chi
non ha mai disteso le braccia al sole:
ballare potrebbe, ma non ha fede.
Le rive conglomerano le storie.
Un canto di lode a chi non pu arrendersi.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ti prometto che sar il domani a farti capire quanto ti abbia amata oggi

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6542
Autori registrati
3081
Totali visite
9952532
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.