La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 716 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Ottavo Campale

O.C.13

E' giunta l'ora.
Come Socrate scolpito nel destino,
consumo l'ora del saluto
a passi brevi ed indolori,
qu e l
tra i versi ponderando
o maldicendo.
E' usanza
concepir nell'ave ad altri o tutti,
il rinnegar ritorno e pur speranze,
come tale fu per chi,
nell'unico suo orgoglio,
pronunci per ultimo
le strofe del saluto,
e poi cosparve del suo sangue
la cicuta.
Io, Decimo fottuto,
saluto in ultimo il mio nome
ed il vessillo,
rimandando ad altro tempo
soltanto il rinsavir
di mia morale.
Non un Addio che voglia odiare,
non un andar che possa ricucire,
e non un fulmine che acceso
illumini il volere.
Un passo, questo si;
l'andar oltre
che mortale mi permetto.
E saluto il tempo
addietro scorso,
fermo restando
al passo del mio istinto,
sorpreso per me stesso,
ma convinto.
E' proprio giunta l'ora,
adesso imploro.
E' il momento che rinnegar
non m' concesso,
e forse avanti,
producendo,
avr compreso.
Ma del socratico
conservo il mio destino,
come fine ultimo e coerente
di un disegno immateriale
concepito.
Vado solo ad altri sandali
sospinto,
guardando, nel saluto,
il duro laccio in cuoio
che scommise doloroso
il tenor delle mie tibie.
Rester
quel segno che comparve
ai primi passi,
come orgoglio mio non ultimo
(contrario al Saggio per sommaria debolezza),
ed antico testimone,
a soffrir il mai che fu
dell'io nativo,
nella schiera dei contenti.
E tutto questo per dir solo,
di corposa resistenza:
vado avanti.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Stessa Merda,Altro giorno
» Felice Pagnani - Belva
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ugo Perrotta - Supernova
» Celate in uno scrigno
» Giovanna Filizzola-Miscugli di sentimenti
» Francesco Esse - Solo
» Luna
» Davide Zocca-Un mondo perfetto


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
POESIA DI CARLA CONTI

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6629
Autori registrati
3144
Totali visite
11744671
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.