La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 569 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Marco Pedonesi
LUDVIGI E LE TRE DOMANDE

Dopo che al povero Ludvigi era seccata anche la pianta di fagiolo, non gli era rimasto che biascicar qualche rapa filacciosa condita di tanto in tanto con dei sagrati. Ed era proprio una pena vedere lui e la moglie, due scheletri sgovorati che parevano bruscole per strizzare le olive, ammicciati sulla panchetta davanti al camino, mentre bugnavano che non avevano una palanca per riempirsi il gubbio, che l'orto voleva l'omo morto e che potevano schiantare come ghiande, tanto non se ne sarebbe accorto nessuno.
"E tutto perch mi sono infognato con una donna pattumara e ingorda che m'ha disamorato anche lo straccivendolo!" gridava talvolta il vecchio agganghito come un rospo, dandosi una manata sulla fronte aggrinzita.
"O che straccivendolo delle mi' lacche?" rugava allora quella sentendosi insolentita. "La colpa de' missili: da vando enno iti lass, han foro tutte l'amosfere, la tera bell'e incrinata e 'un d pi neanco una pecchia".
Litigavano i due montanari, perch quando c' la miseria nera e la fame ti rende la testa dura come un pilloro, diventa fatale incolparsi a vicenda.
Fu cos che una sera il buon Dio, mosso a compassione nel sentire quei poveri cristi incarognirsi sulle proprie sventure, parl loro attraverso la canna fumaria.
"O miccioni, smettetela di compistare! Fatemi piuttosto tre domande, che altrettanti desideri io posso soddisfare".
Quelli ci manc nulla che crepassero dallo spavento, poi a poco a poco ripresero fiato e, fuori di s dalla contentezza, cominciarono a mulinare un'idea dopo l'altra, che le loro capocce presero a girare come un ritrecine.
La donna avrebbe voluto chiedere un bel palazzone, con tanto di servi e mille sgargiate da potersi ringogiare di fronte a quei fetenti di valligiani. Ma Ludvigi, che era un sempliciotto e non voleva complicarsi troppo la vita, a un certo punto disse: "Cara mia, ricordati che sei nata fico e di certo 'un morirai castagno. In quanto a me, tanto per non sape' n leggere n scrivere, m'accontenterei anco d'una braciolina di maiale".
E non aveva nemmeno finito di parlare, che sul nudo tavolo eccoti questa scodellata e bella fumante.
Ora la moglie, a vedere che quel collo torto t'aveva sprecato cos una domanda, guizz sulla panca che sembrava un buffardello. "Ti venisse un accidente!" gridava "O che t' venuto in mente di profergere, figlio d'un cane? Almeno sparisse la braciola e anco la tu' manaccia!"
Detto fatto, il piatto scomparve all'istante e la mano destra di Ludvigi cadde fredda stecchita sul pavimento. Vi potete immaginare la disperazione dell'uomo: cominci a piangere e a bestemmiare, perch rivoleva la sua mano e non voleva sentire n cristi n madonne.
La donna cerc di convincerlo in ogni modo che in fondo poteva restare anche mancino, in compenso, con la domanda rimasta, sarebbero diventati ricchi sfondati.
"Co' corbelli!" sbraitava lui sempre pi inviperito. E tanto disse, tanto fece, che l'ultima fu utilizzata affinch tutto tornasse come prima. Ma quando il montanaro ebbe di nuovo la mano attaccata al braccio, diede uno sgrugnone alla vecchia, che per poco non l'ammazzava. "Brutta sudicia che 'un se' altro," url, "con la sguscia che mi ritrovo, m'hai fatto anda' in pcini anco la braciola!"


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
IL MIO CUORE SULLE MONTAGNE Il mio cuore sulle montagne, il mio cuore non qui; il mio cuore sulle montagne alla caccia del cervo, alla caccia del cervo selvaggio e all'inseguimento del capriolo, il mio cuore sulle montagne, dovunque io vada

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9965559
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.