La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 702 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Il ciclo di Mab

Tu non mi chiedere,
-non lecito saperlo-
se io sappia dare un senso
a fatti,ricordi e persone.
Mi ritrovo a parlare tra me e me
di cose passate,immagini
che incominciano a susseguirsi
cos,un po confuse.
Dapprima la solita nostalgia,
poi un certo fastidio:
non riesco a trovare
ordine e senso.
1999,2001,2003
cerco di associare
fatti a mesi e anni,
tentando disperatamente
di capire quale sia stato
il periodo migliore,
quali siano invece
i mesi vuoti di ricordi,
passati,s,soprappensiero.

Mi ritrovo a dividere
la mia vita in periodi:
cosa stupida,mi dirai,
lo so,ma non puoi capire
quanto sia grande il fastidio
di chi non trova ordine.
E ogni volta,quando
questo patetico documentario
(o proiezione,come vuoi tu),
sembra essere arrivato
alla giusta successione
capisco che forse
le cose non sono
andate proprio cos

E allora lascio perdere,
di nuovo un po di tristezza,
un pizzico di dolcezza,
(alla fine,non c differenza)
poi tutto da capo.
Allimprovviso svaniscono i momenti magici,
ma sarei un coglione se ogni volta
mi ritrovassi con lamaro in bocca:
perci,Mab,smettiamola
di spaccarci la testa:
prima o poi tutte le cose,
anche le pi durevoli,
finiscono per corrompersi,
poi spariscono,finiscono
e si dimenticano.
Gioco crudele di una vita
crudelmente giocherellona.

Ma tu mi rispondi
con il tuo solito sarcasmo
e fingi di essere pi forte
di quanto veramente non sei.

Ogni tanto capiter anche a te
di affogare fra ricordi
e fatti presenti:
tu per fregatene,
sventra il cadavere del passato
e prendi i brandelli
che ti possono servire
per consolarti,s,
e vivere un po meglio.
Cerca di mantenerti salda,
non farti prendere
dalla frenetica preoccupazione
del futuro che incombe.
Non avere piet:
strappa a morsi
gli attimi del presente
per te pi appetitosi.

Non ridere se ti dico che,
quasi come guerrieri in un film,
ci troviamo a combattere
in una spianata coperta dalla nebbia:
tu perci pensa prima di tutto
a salvarti,poi ce ne sar
anche per gli altri.
Passato e poi presente,
sta attenta,ti dico!
Ma tu mi guardi
e di nuovo sorridi
pensando alle cazzate
che vado scrivendo:
forse lo sono,
ma ci che ora
considero e sento.
E dunque il presente:
ragiona,organizzati,
cerca di mantenere
cose e contatti,
non commettere
i miei errori:
il passato non torna.

Strana la mia teoria:
vita come moto elicoidale,
no,non una stronzata.
Un circolo dapprima:
situazioni presenti
sembrano ricalcare
il passato di cui ti ricordi.
Ma la variabile tempo
risolve lequazione:
le circostanze,credimi,
non sono costanti
ma variabili allinfinito.
E allora ecco
che i risultati cambiano:
il presente non
sempre termine noto,
dopo una piccola
circonferenza,non scherzo,
si ha un piccolo moto.
Poi di nuovo,incredibile,
fatti passati si ripresentano
circostanze un po diverse?
Bene:risultato variabile
e cambiamento.
La vita un continuo
susseguirsi di circoli
e spostamenti in avanti.
So che stupido
mia cara,ma davvero
la vita una moto
elicoidale
E ancora circoli
e ancora linee
ripetizioni,cose gi viste,
progresso e cambiamenti:
definiscile come vuoi,
ma queste sono le regole.

Unultima osservazione,
mia cara,potresti farmi:
ma tu pensi solo a te stesso?
Credimi,non voluto:
io ho provato a capire
come funziona il mondo.
Ma la societ cos
complicata,trionfa
il relativismo,troppe
le variabili in gioco.
Ambienti,ideologie,
educazione,storia,
credenze,sfortuna
e fortuna,sentimenti
e casualit,
tutto si complica
e si nasconde:
come puoi pretendere
di spiegare
quello che sembra
non riguardarti?
Non ho proposte,
ideali,convinzioni:
non ho nulla di certo:
come posso trovare
la soluzione?
Perci tiriamoci insieme,
ti dico solo:
stammi bene!


(Testo inviato da Mattia Suardi)


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Stessa Merda,Altro giorno
» Felice Pagnani - Belva
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ugo Perrotta - Supernova
» Celate in uno scrigno
» Giovanna Filizzola-Miscugli di sentimenti
» Francesco Esse - Solo
» Luna
» Davide Zocca-Un mondo perfetto


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
64 Un tempo i pini cresciuti in vetta al Pelio solcarono, si dice, le onde limpide di Nettuno sino alla foce del Fasi, alle terre di Ete, quando un pugno di giovani, i pi forti degli Argivi, decisi a sottrarre il vello d'oro ai Colchi, affrontarono a forza il mare con la loro nave battendo l'azzurra distesa coi remi d'abete. La dea che abita sulle acropoli costru per loro una macchina che volava al primo vento,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6629
Autori registrati
3143
Totali visite
11728527
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.