La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 11, 2016 | Da: francogobbo13
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 1017 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
francogobbo13
poesie quasi tutte in dialetto veneto
na luce

In tera de Poenia, da l in fondo,
xe parto na luce, che g illumin el mondo.

On prte operaio che scrivea poesie,
poesie, que vere, e no come e mie,

el ghea na passion dentro al so cuore:
ghe gavaria piasesto fare lattore.

So i sentiri de montagna el voea caminare
ma queo par Roma el g dovo ciapre.

I Cardini se ga riuno tuti in conclve,
sari dentro l co do colpi de cive.

A xente xe in piassa tutti l da vissin
col naso parria che varda el camn,

on urlo se sente, a vose no manca,
desso el camin, ga na bea fumata bianca.

In piassa S.Piero, tutti l che bate e man,
xe sta fato on papa, che vien da lontn,

davanti a finestra, co uno al so fianco,
se ga present on omo, vesto de bianco.

I cardini, l tuti in fila,
i g fato Papa Karol Voitila,

col nome de Giovanni Paolo secondo,
daea finestra el g parl a tuto el mondo,

alsando che man forti e benedte
disendo:se sbalio, mi corigerte.

El ga port, col soriso e amore,
a ogni nassion, a pase de nostro Signore.

I so brassi forti ga rabalt qualche muro,
on dispeto a qualcuno el ga fato de sicuro.

In piassa S.Piero, chel d, el se g accorto,
che pi de qualcuno, voea vedarlo morto,

e man dea Madona lo ga salv,
coss a so mission so a tera el ga continu,
anca perdonando chi g spar.

El g riuno tute e reijon, anca i Ebri,
disendo: voemose ben, semo tuti fradi.

El ghe disa ai zovani, co na vose sicura:
versighe e porte a Cristo, no st ver paura.

Par lultimo viajo el xe sta ciam
e da quea finestra el me g saiud.

Ghe xe tanta xente so a piassa sta sera,
co in man na candea, tuti fa na preghiera.

Saiudemo sta luce vegna da lontn,
sventoeando tuti el fassoeto co a man.

Al so funerae, i xe tuti quanti in corto,
ghe xe anca el vento che sfoja el Vango.

De a Vergine Santa el xe sto el so manto
intanto qu in tera, i voe xa farlo Santo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Carmine Ianniello - Stagno
» Carmine Ianniello - Orizzonte
» Gattina
» Lasciami trovare un attimo
» Chemistry is life
» Adieu - Risveglio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
IL PICCOLO PRINCIPE Tutti i capitoli Un tempo lontano, quando avevo sei anni, in un libro sulle foreste primordiali, intitolato Storie vissute della natura, vidi un magnifico disegno. Rappresentava un serpente boa nellatto di inghiottire un animale. Eccovi la copia del disegno

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6779
Autori registrati
8080
Totali visite
17967051
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.