La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 11, 2016 | Da: francogobbo13
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 333 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
francogobbo13
poesie quasi tutte in dialetto veneto
na luce

In tera de Poenia, da l in fondo,
xe parto na luce, che g illumin el mondo.

On prte operaio che scrivea poesie,
poesie, que vere, e no come e mie,

el ghea na passion dentro al so cuore:
ghe gavaria piasesto fare lattore.

So i sentiri de montagna el voea caminare
ma queo par Roma el g dovo ciapre.

I Cardini se ga riuno tuti in conclve,
sari dentro l co do colpi de cive.

A xente xe in piassa tutti l da vissin
col naso parria che varda el camn,

on urlo se sente, a vose no manca,
desso el camin, ga na bea fumata bianca.

In piassa S.Piero, tutti l che bate e man,
xe sta fato on papa, che vien da lontn,

davanti a finestra, co uno al so fianco,
se ga present on omo, vesto de bianco.

I cardini, l tuti in fila,
i g fato Papa Karol Voitila,

col nome de Giovanni Paolo secondo,
daea finestra el g parl a tuto el mondo,

alsando che man forti e benedte
disendo:se sbalio, mi corigerte.

El ga port, col soriso e amore,
a ogni nassion, a pase de nostro Signore.

I so brassi forti ga rabalt qualche muro,
on dispeto a qualcuno el ga fato de sicuro.

In piassa S.Piero, chel d, el se g accorto,
che pi de qualcuno, voea vedarlo morto,

e man dea Madona lo ga salv,
coss a so mission so a tera el ga continu,
anca perdonando chi g spar.

El g riuno tute e reijon, anca i Ebri,
disendo: voemose ben, semo tuti fradi.

El ghe disa ai zovani, co na vose sicura:
versighe e porte a Cristo, no st ver paura.

Par lultimo viajo el xe sta ciam
e da quea finestra el me g saiud.

Ghe xe tanta xente so a piassa sta sera,
co in man na candea, tuti fa na preghiera.

Saiudemo sta luce vegna da lontn,
sventoeando tuti el fassoeto co a man.

Al so funerae, i xe tuti quanti in corto,
ghe xe anca el vento che sfoja el Vango.

De a Vergine Santa el xe sto el so manto
intanto qu in tera, i voe xa farlo Santo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Zampilli da fenditure di roccia nuda, acquetta che cade e scorre in pendenza. Rivolo di fluido trasparente, fluisce. Ruscello scivola sul velluto di ghiaia e azzurrino pende, cammina, schiuma fruscia e va via.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9980888
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.