La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 460 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Raccogli quei fiori



Raccogli quei fiori
che ti hanno spezzato.
Cammini ancora sul greto
d'un fiume che butta
su se stesso acqua
mal sana.
Accogli l'idea:
quell'aratro ha reciso
il tuo amore.
Spargi ancora sementi
ma sbagli se torni
a farlo nello stesso luogo.
[x me]

Despota, ti odio!
ma non posso fare
a meno di amarti.
Forza, comanda le mie
mani ed il mio
cuore.
Avrai soltanto un beneficio mortale.
Mortale come scoprir d'essere poi.
[x me]

La spuma cresce le mie pupille cercano luce la testa gira un rumore sordo mi colpisce alla nuca La spuma esce mischiata a viscidume dal mio stomaco serro il respiro mi sento soffocare nelle viscere Cado a terra le mie membra si raggomitalano su loro stesse come ragni stuzzicati da tizzoni ardenti Non capisco pi nulla forse sto morendo grido il nome di mia madre e non lo sento sar in me o non riesco pi a sentire? Giunge una sirena vedo ondeggiare come un lieve strato d'acqua il marmo e dopo il buio.
Quanto pu far male una parola
[x me]

Una parola non detta
un gioco di incomprensioni
perverso che preludeva solo
al distacco.
1000 kilometri e +
che dolce non averti vicino!
[x non mi ha capito subito]

Il mio orologio scandiva il tempo
Il mio cuore scandiva il mio amore
Il nostro respiro congiunto la nostra passione.
Ora innanzi e nudi dei nostri segreti al freddo d'una
notte d'ottobre
rimbalziamo parole ricche di rimorso e di affetto
ma la pi brutta non fu mai detta: addio
Ora so cosa trover
riunendo le stelle.
Il tuo nome forse.
[x chi la intende non come me]

PRIMO GIORNO
"temo che lui non mi amer pi"
"temo che lei ora non si ricordi pi del suo amore"
SECONDO GIORNO
"che bello se ora fosse qui..."
"chiss se mi pensa..."
TERZO GIORNO
"se dovessi perderla non saprei come fare"
"se lo perdo mi struggerei l'animo!"
QUARTO GIORNO
"non capisco perch non riesco a fermare la mancanza"
"questa canzone...il suo profumo....i suoi occhi su questa foto.....mi manca!"
ULTIMO GIORNO
"penso veramente che le dovrei dire...."
"...ti amo !"
[x 2 che neppure Dio separer]

Guarda quel fiore
L che fa capolino dalla cenere
Che bello vero?
Tu credi nell'amore?
Lo so non c'entra...
Per guardalo: i suoi petali fini umidi di rugiada
E' vero! sembra stia versando lacrime.
Che tenero e flebile essere
Nato nella cenere
Anche a me verrebbe voglia di accudirlo
Immagina a come doveva essere rigoglioso il campo prima dell'incendio
Ora cresciuto da solo nutrendosi di mera disperazione
Ora stanco di rifiuti
Vuole vivere
Che gioia vederglielo fare.
[x chi soffre per me]


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
"Di dove viene" dicevi "questa strana tristezza che sale come il mare sulla roccia nera e nuda?" - Quando il nostro cuore ha fatto la sua vendemmia, vivere non che male. un segreto noto a tutti,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9999748
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.