La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 485 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Ecco, io sono Ornella Raiteri.

Ecco, io sono Ornella Raiteri ed ho scritto alcune poesie in un periodo della mia vita molto importante: in ospedale, in quel rifugio, dove non c' spazio e non c' tempo, come in una capsula spaziale, nel silenzio.
Cos ho potuto ascoltarmi, ho potuto guardare quello che c' e quello che non c', osservata sempre attentamente dal guardiano della morte.
Mi sentivo cos distaccata ed allora dal mio cuore congelato, sono usciti finalmente i miei canti d'amore, di tristezza, di contemplazione:
un canto d'amore per un cerbiatto da consolare, per tutti noi cerbiatti agli occhi di Dio
un canto d'amore per Federico, il mio medico, che mi ha curato non solo con le medicine, ma con la sua presenza e il suo sorriso ...
un canto di tristezza nel vedere la terra che muore, - un canto di tristezza nel vedere me stessa, che non riesce a superare tutte le difficolt (Dio, ti ringrazio per avermi dato le difficolt, segno del tuo amore, quelle difficolt che, superate, mi aiuteranno a scontare il mio debito karmico di questa e altre vite passate, sul pianeta terra e su altri)
un canto di tristezza e di angoscia, perch non so cosa ho fatto per offendere la grazia di Dio, di tristezza perch mi sono allontanata da Lui.
E ora mi sento vagare negli spazi cosmici tra pianeti e nebulose e lo cerco, lo chiamo in continuazione: PADRE, DAMMI TI PREGO LA TUA ENERGIA D'AMORE E DI PERDONO, PRENDI LA MIA MANO, I0 TI AMO!
E siccome io lo amo, io lo vedo e lo cerco e lo contemplo in tutti i cerbiatti, in tutti i pianeti, in tutte le stelle, in tutti i sorrisi, dappertutto lo posso trovare, ovunque, sempre.
E io cos non faccio altro che restituire a Dio, Padre dolcissimo, quello che Lui mi ha prestato.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Sento l'aria macabra e magica intorno a me e dentro me, in ogni cosa vi pace e serenit.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6551
Autori registrati
3084
Totali visite
10015364
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.