La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 475 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Il folletto Slim.

Il folletto Slim correva forsennato tra le felci e i ciclamini.
Ogni tanto inciampava e ruzzolava, poi si rialzava e ritornava a correre.
Nel cielo grandi nuvoloni neri, gonfi di pioggia;
ogni tanto un lampo, un tuono.
Ma dove andava il folletto Slim, cos trafelato?
Andava a ritirare il bucato che aveva steso la mattina tra un fungo e l'altro. Questo bucato era un bucato un po' speciale:
n magliettine,
n pantaloncini,
n calzini,
ma i sogni di una bambina;
mentre correva, cantava:
"Rebecca sogna il mare e disegna paesi e nuvole capovolte:
sei come una farfalla nella sera, sei come una farfalla nella sera".
Il folletto Slim arriv in tempo, prese i sogni,
ma cadde con il sedere in una pozzanghera e si strapp i pantaloncini,
ma il bucato era salvo.
Arriv poco dopo un colibr,
era incaricato di controllare che il lavoro fosse fatto alla perfezione,
quel bucato speciale doveva innanzitutto essere ben asciugato,
poi stirato, piegato e riposto nel cassettone.
Stava gi arrivando la sera e la piccola Rebecca
nel suo lettino si addormentava.
Il colibr allora prese nel suo beccuccio
un sogno da portare alla bambina, un sogno da non dimenticare mai.
Il colibr vol via con il suo prezioso carico.
Cosa sognerai stanotte, piccola Rebecca?
Sognerai un colibr con il tuo sogno,
o sognerai il folletto Slim, che si ricuce i suoi pantaloncini rotti?
Buona notte!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ricordi di Natali passati.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9962872
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.