La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 17, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 472 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Volevo sentire la terra.


Volevo sentire la terra,
perch non parlava pi.
Una notte venne da me Simon Bolivar
e mi disse: "Vuoi sentire la terra?" lo dissi: S.
Cos mi sdraiai, come fece lui un tempo.
Ma lui disse: "No! lo sono ovale, tu sei rotonda". Cos
mi accovacciai di fianco e divenni rotonda.
Dalla mia bocca cominci ad uscire una schiuma
puzzolente del mare, dai miei occhi balene, pinguini
piangenti, dalle orecchie bugie e falsit di parole
bagnate di sangue. La mia bocca era vuota.
Poi sentii dolore nell'India e vicino alla coscia,
nella Polonia. Il cuore di Gerusalemme esplodeva,
dalla mia vagina uscivano strisciando lo Zaire,
il Senegal, il Brasile e l'Argentina; dal mio sedere prima
i cadaveri conosciuti, erano tanti, era una terribile
diarrea dolorosa, poi uscirono i suicidi passivi.
Dalla mia bocca uscivano le uova dei non-nati
e i sacchetti dei quasi nati.
Poi un dolore al fianco, era il fuoco che bruciava
il respiro, poi non entr pi aria nel mio naso e
stavo morendo e stavamo morendo...

Hasta siempre, Simon!!!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Come chiamare, Gellio, chi passa le sue notti a chiavarsi, tutto nudo, madre e sorella? Come chiamare chi vieta allo zio d'essere marito? Senti l'enormit dell'infamia che commette?

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
10000591
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.