La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: maggio 29, 2018 | Da: stefano medel
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 157 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
stefano medel

La sera mi prende,
come una vecchia amica,
sempre ritrovata;
e cerco di allontanare il giorno,
con le sue storture,
e il dolore,
langoscia,
laffanno;
non voglio pensarci,
voglio scordare il giorno
incombente,
respirare di sollievo,
dimenticare i problemi,
isolarmi dal mondo,
non pensare,
non cogitare,
stare fuori dalla mischia,
dimenticare.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» stefano medel-nevicata
» Claudio Spinosa Quando il microfono
» Antonio Di Simone - Natura
» Francymazz215003 - Guerra per la pace
» Volo (con te Angela)
» Fernanda D'Amore - Farfalle


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La mano toglie la tenda al mondo scopre saturno e venere. Fanno l'amore! La campanula china sul sole, sbava ruggiada! Col secchiello ramato colgo la bava sulla terra bruciata. I miei occhi non potrebbero essere piu' spenti. Pi lontani. Il folletto dorme. Nell'orbita si muove, e il secchiello colmo di ponti di cristallo nel fetore lucica. Dall'esterno un lupo sbrana il folletto, il cappellino intarlato vola, tintinni sul fango le dolci braccieta si agitano.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6741
Autori registrati
3199
Totali visite
13852685
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.