La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 29, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 503 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Terra - 2

Amore amore mio
Occhi profondi e verdi come il mare
Acqua che scorre limpida nelle tue iridi amare
Io cerco la luce delle tue pupille nella carne scivolosa del mondo
In ogni sguardo in ogni sogno che non sia il mio
Inutile scempio di carne violenta
Tu riposi nella lontananza della tua rabbia
Del tuo non perdono ed io non so piangere
Non so dimenticare
Come te
La tua voce spaccata dal dolore un balsamo
Di velluto per la mia anima spalancata sull'infamia
Ed io ti amo come la prima luce della primavera
Nonostante il male
Che ci divide e che ci attrae
Che prende il mano il mondo e ci gioca
Come un abile tennista.
In questo osceno gioco delle parti che ci consegna
A due rive separate.
Amore vuol dire amare
Amare vuol dire sperare
Sperare vuol dire guardarti nella luce incrinata del giorno
Che ti consegna viva e tremante al mio sguardo immondo.
E se un giorno mi diranno che sbagliavo
Alla luce dei tuoi occhi li porter
Chiedendo loro in buona fede
Come possono nonostante quella luce ragionare.
E se un giorno mi diranno hai ragione
Li porter ad ascoltare il tuo respiro
Chiedendo loro come possono
E in nome di quale principio
Di fronte al sacro giudicare.
In questa mattinata di un settembre generoso
Con la muta dei cani che abbaia sotto casa
Io regalo alle tue spalle ed al mondo
Il peso che la mia anima ha sgravato
Tu ne farai ghirlande da deporre
Sull'altare dei giorni morti
Il mondo ne faccia quel che vuole
E anche se dovesse coltivarci campi
Nascerebbe comunque e sempre amore.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» biancanevo - passa il tempo
» Felice Pagnani - Belva
» Felice Pagnani IL MIO AMORE . .
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Ruggiero - Passeggiata notturna il due di Novembre
» Ruggiero - Basta una Carezza
» Ruggiero - A mia Madre! L'utimo saluto
» Ruggiero - Il pianto della luna
» ocram 61 - delirio
» ocram61


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Raccolta di poesie 2007.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9974422
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.