La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 04, 2017 | Da: Giulia Nardella
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 544 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Giulia Nardella

V' da viver, Lesbia mia, e amare:
che far del soldo solo che valgon
le chiacchiere tutte de' vecchi severi?
Ch i soli posson morire, e venire ancor;
e a noi il tramontar tutto de l'estinta                5
luce: un'eterna notte da dormir.
Dammi mille baci, poi cento,
poi mill'altri, poi cento ancor,
e poi mill'altri, poi cento ancor.
E poi, quand'avrem fatto le migliaia,      10
assiem le confonderemo, per mai saperne:
ch nessun male possa invidiare
dal saper di quanti essi baci sian.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Dalla raccolta inedita. " GLI SCALZACANI" Il Duca era di bocca buona, per era assai se trovava avanzi da mettere sotto i denti. Soltanto se andava ai pubblici macelli gli buttavano l due occhi di bestia o un pezzetto di trippa. Allora il Duca faceva Pasqua. Misero come era, senza casa, con gli abiti sbrindellati, faceva onore al suo nome

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6648
Autori registrati
3164
Totali visite
12447060
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.