La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 886 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Decimo Gaio Giovenale
Libro Quarto - XII
(per il ritorno di un amico)

Giorno pi dolce del mio compleanno
questo per me, Corvino,
in cui un verde altare attende in festa
le vittime promesse ai numi.
A Giunone regina porto una candida agnella
e un'altra di vello uguale alla dea
che combatte con la Grgone maura.
Ma non lontano la vittima destinata
a Giove Tarpeo irrequieta scuote
la fune quant' lunga e agita le corna:
un vitello impetuoso,
maturo ormai, tutto asperso di vino,
per l'altare del tempio,
un vitello che si vergogna
di succhiare le poppe della madre
e gi tormenta i tronchi col turgore delle corna.
Se avessi un patrimonio ingente
da compensare il mio affetto,
immolerei un toro pi grasso di Ispulla,
attardato dalla sua stessa mole,
e non nutrito nei prati qui intorno,
ma d'una razza che riveli
i pascoli fiorenti del Clitumno,
e con un collo
che solo un sacerdote altissimo
fosse in grado di colpire, perch
qui festeggio il ritorno di un amico
tuttora sgomento per gli orrori subiti
e incredulo d'essere ancora vivo.

Oltre ai rischi del mare
scampato ai colpi del fulmine.
Come una sola nube
tenebre dense nascosero il cielo
e una vampa improvvisa s'abbatt sugli alberi:
tutti se ne credettero colpiti,
pensando sbigottiti che non c' naufragio
paragonabile all'incendio delle vele.
Lo stesso spaventoso orrore
d'una tempesta scatenata nei poemi.
Ma ascolta il periglio che ne segu
e abbine pi piet;
anche se traversie del genere,
per quanto atroci, sian ben note a tutti,
come dimostrano nei templi
gli innumerevoli ex voto:
chi non sa che Iside la manna dei pittori?
Un accidente simile
capitato appunto al mio Catullo.

Quando ormai l'acqua aveva invaso
quasi tutto lo scafo
e i flutti, battendo di volta in volta
sull'uno o l'altro fianco della nave,
facevano ondeggiare l'albero,
senza che potesse porvi rimedio
l'esperienza del vecchio timoniere,
Catullo, cercando un compromesso coi venti,
cominci a disfarsi del carico,
come fa il castoro che da solo si castra
per potersi salvare a spese dei testicoli,
di cui benissimo conosce
le virt mediche.
'Gettate a mare tutto il mio bagaglio, tutto',
gridava, deciso a privarsi
anche delle cose pi belle,
una veste di porpora
degna di un raffinato Mecenate,
e altre del colore che la natura
diede al gregge con erbe prodigiose,
con le virt segrete di mirabili sorgenti
e del clima di Andalusia.
E non esita a gettare gli argenti,
i piatti cesellati da Partenio,
un cratere della capacit di un'urna,
in grado di saziar la sete a Folo
o alla moglie di Fusco; e ancora
catini, vasellame a mucchi
e coppe cesellate,
nelle quali aveva bevuto
quello scaltro compratore di Olinto.
Ma oggi chi altri e in quale parte del mondo
avrebbe l'animo di preferire
la vita all'argento, la salvezza agli averi?
[Non per vivere che certa gente
ammassa patrimoni,
ma, accecata dall'avarizia,
solo per questi vive.]

Senza risparmio si gettano in mare
anche gli oggetti d'uso,
ma il pericolo non s'attenua.
Nell'incalzare della furia avversa
si decide allora di abbattere
con l'ascia l'albero maestro,
togliendosi cos dalle difficolt:
quando null'altro resta
per salvare la nave,
espediente estremo non v' che mutilarla.
Vai, dunque, e affida ai venti la tua vita
alla merc d'un legno monco:
dalla morte ti separano quattro
o sette dita, se pi larga la fiancata;
ma con le reti, il pane e l'otre pieno
non dimenticare di prendere la scure
in caso di tempesta.
Ma poi, quando placato il mare si distese
e un tempo pi propizio
per la sorte dei naviganti
ebbe il sopravvento su venti e flutti,
e rasserenate le Parche
stami pi favorevoli
filarono di lana bianca,
ecco che non pi forte d'una brezza
si alza un vento leggero
e la nave malconcia
coi suoi poveri mezzi,
pochi panni distesi
e la sola vela di prora,
ritorna a navigare.
Cos al calare delle stelle
col sole si riaffaccia la speranza.
Alta nel cielo allora appare
la vetta cara a Iulo
e preferita a Lavinio, citt della matrigna;
vetta a cui diede il nome la candida scrofa,
che con la sua mirabile fertilit,
trenta poppe, incredibile prodigio,
riemp di gioia i frigi.
E finalmente la nave entra in porto
tra i due moli, il faro Tirreno
e gli argini che si protendono sul mare aperto,
lasciando alle spalle l'Italia:
non esiste in natura porto
che meriti altrettanta ammirazione.
Ma per la sua nave cos smembrata
il pilota cerca il bacino pi interno,
un'insenatura tanto tranquilla,
che potrebbe navigarla persino
un canotto di Baia,
dove i marinai col capo rasato,
finalmente al sicuro,
si divertono a narrare infiorandole
le peripezie loro.
Ragazzi, avanti, all'opera,
in silenzio e con animo propizio;
appendete corone al tempio
e infarinate di farro i coltelli,
ornate i teneri altari di verdi zolle.
Vi seguir e compiuto, come giusto,
il rito sacro, a casa torner,
dove piccole statuette,
illuminate da tremuli ceri,
riceveranno coroncine.
L placher il Giove di casa mia,
offrir incenso ai miei Lari paterni
e intorno sparger viole d'ogni colore.
Tutto illuminato, di lunghi rami
si rianima la porta
e in segno di festa sin dal mattino
risplendono lucerne.

Non sospettare malizie, Corvino:
Catullo, per il cui ritorno
innalzo tanti altari,
ha tre piccoli eredi.
Vorrei vedere chi per un amico,
cos poco proficuo, immolerebbe
anche solo una gallina ammalata
sul punto di chiudere gli occhi;
ma questa ancora una spesa eccessiva:
per il proprio padre non si sacrifica
oggi neanche una quaglia.
Se invece avvertono il calore della febbre
Gallitta e Pacio, ricchi e senza figli,
tutto il portico si riveste
di tavolette votive conformi ai riti,
non manca chi promette d'immolare cento buoi,
solo perch da noi
non ci sono elefanti in vendita
e questo animale nel Lazio
e sotto il nostro cielo
proprio non nasce;
importato dal paese dei mori,
se pascola tra gli alberi dei Rtuli
o nelle campagne di Turno,
come parte degli armenti di Cesare,
non pu servire per usi privati;
anche se i suoi antenati ubbidivano
al punico Annibale, ai nostri duci
e al re dei Molossi, portando,
elemento decisivo in battaglia,
interi reparti sul loro dorso
e torri mobili d'assalto.
Certo, gente come Novio o Pacuvio Istro
non esiterebbe un istante
a trascinare all'ara tutto quell'avorio
per immolarlo ai Lari di Gallitta,
unica vittima degna di cos grandi numi
e di chi insegue i loro testamenti.
Il secondo, poi, se potesse,
voterebbe al sacrificio tra i servi suoi
i pi robusti e i pi belli d'aspetto,
circonderebbe di bende la fronte
di schiavi e ancelle, e se in famiglia avesse
una vergine Ifigenia,
la destinerebbe agli altari,
anche senza speranza
che furtiva, come nella tragedia,
una cerva prendesse il posto suo.

E bravo il mio concittadino:
mille navi non valgono
un testamento come quello.
Se il malato scamper a Libitina,
dopo un omaggio cos sorprendente,
preso nella rete, distrugger
il vecchio testamento e in breve
forse lascer tutto quanto
a Pacuvio, a lui solo,
che se ne andr superbo tra i rivali vinti.
Vedi dunque che val pure la pena
di sgozzare la fanciulla di Micene.
L'augurio mio: lunga vita a Pacuvio,
tanta quanta ne visse Nestore,
possieda quanto ha rubato Nerone,
raggiunga col suo oro le montagne;
ma non ami nessuno
e da nessuno sia amato mai.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Il silenzio dell'Io ogn'ora ha parlato, inquieto oratore delle cose lasciate. Un manto di gelo ha steso sull'Io, distolto da s nel muto sentire.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9989036
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.