La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 816 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Decimo Giunio Giovenale
LIBRO QUINTO - XIII
(il rimorso come punizione)

Ogni azione rivolta al male
disgusta anche chi la commette.
Questa la prima punizione:
nessun colpevole assolto
dalla propria coscienza,
neppure se per scellerato broglio
una sentenza iniqua del pretore
gli abbia dato ragione.
Ma cosa credi che pensi la gente,
Calvino mio, della scelleratezza
che hai da poco subito
e dell'infamia d'una fiducia tradita?
Certo, il tuo patrimonio non tanto esiguo
che il peso di cos irrilevante infortunio
ti sommerga, ma ci che tu sopporti
non poi tanto raro: capitato a molti,
un caso ormai banale,
uno dei tanti guai
che tra infiniti riserva la sorte.
Non piangiamoci su: il dolore
non deve in un uomo bruciare pi del giusto
e superare la ferita.
E tu, perch un amico non ti rende
un deposito sacrosanto,
sopporti a stento una briciola minima,
insignificante del pi lieve dei mali,
e di bile ti brucia il fegato?
Un uomo, nato sotto il console Fonteio
e che alle spalle s' lasciato sessant'anni,
pu ancora stupirsi di queste cose?
Non ti dunque servita a nulla o in meglio
tutta questa esperienza?
Grandi precetti nei libri divini
fornisce certo la sapienza
per vincere la sorte,
ma io considero felice anche chi,
avendo maestra la vita, della vita
impara a sopportare le molestie
senza studiare d'evitarne il giogo.

C' mai un giorno di festa tanto solenne
da impedire a un ladro di entrare in scena,
da impedire perfidie, frodi,
di trar guadagno da crimini d'ogni sorta
e di procurarsi denaro
con la spada o il veleno?
Rari sono gli onesti: contali,
non superano il numero
delle porte di Tebe
o delle foci del fecondo Nilo.
Il tempo in cui viviamo
peggiore dell'epoca del ferro
e alle sue nefandezze
la natura non ha trovato un nome
o un metallo dal quale derivarlo.
Noi invochiamo la fede di uomini e dei
con lo stesso clamore
dei postulanti, che a gran voce
applaudono Fesidio quando arringa.
Dimmi, vecchio fanciullino, non sai
che prurito mette addosso il denaro altrui?
non sai il ridere che fa
nella gente la tua ingenuit,
quando pretendi
che nessuno ti manchi di parola,
che tutti credano alla presenza di un nume
nei templi e sugli altari insanguinati?

Questi i costumi dei popoli arcaici,
prima che Saturno, deposto il suo diadema,
fuggendo impugnasse la falce contadina,
quando Giunone era ancora una verginella
e Giove un anonimo negli antri dell'Ida.
Allora oltre le nubi
non c'erano banchetti di Celesti,
col fanciullo troiano
e la bella sposina di Ercole
come coppieri, n Vulcano,
dopo aver tracannato il nettare,
si tergeva le braccia
affumicate nell'officina di Lipari.
Ogni dio pranzava da solo,
non c'era quell'orgia di numi
che esiste oggi e, lieto d'ospitarne pochi,
il firmamento pesava assai meno
sulle spalle dell'infelice Atlante.
Ancora non aveva avuto in sorte
il triste regno del profondo Averno
il torvo Plutone con la sua moglie siciliana;
non esistevan ruota, Furie, sasso
o pena del nero avvoltoio,
e senza re degli Inferi
ridenti erano le ombre.

La malvagit destava allora stupore:
si riteneva che fosse un delitto orrendo,
da espiare con la morte, se un giovane
di fronte a un vecchio non s'alzava in piedi
o non lo faceva un adolescente
di fronte a chi sfoggiava gi la barba,
malgrado in casa sua
il ragazzo possedesse pi fragole
e mucchi pi grandi di ghiande.
Bastavano quattro anni in pi
per incutere rispetto e la prima barba
s'accomunava a venerabile vecchiaia.
Oggi, se un amico non ricusa un deposito
e ti rende il vecchio sacchetto
con tutta la sua ruggine,
si grida a un miracolo d'onest,
degno dei Libri etruschi, sino a esigere
il sacrificio di un'agnella inghirlandata.
Vedere un uomo onesto e intemerato
non per me portento
diverso da un neonato bicefalo,
da pesci trovati con meraviglia
sotto un aratro o da una mula gravida;
e resto sbigottito
come se vedessi piovere pietre,
insediarsi sulla cima di un tempio
a grappolo d'uva uno sciame d'api
o rovesciarsi in mare
un fiume torrenziale
con strani gorghi e vortici di latte.

Ti hanno carpito con perfida frode
diecimila sesterzi:
di questo ti lamenti.
Cosa dovrebbe dire allora
chi ne avesse persi duecentomila,
dati sulla parola, come hai fatto tu?
o un altro che ne avesse persi ancor di pi,
tanti da riempire a stento un forziere
stipato sino all'orlo?
Se non c' nessun uomo che lo sappia,
la cosa pi facile del mondo
sbugiardare gli dei chiamati a testimone.
Guarda con che sicumera lo nega,
con che faccia impassibile t'imbroglia.
Giura per i raggi del Sole,
per i fulmini di Tarpeo,
per la lancia di Marte,
per i dardi di Apollo,
per le frecce e la faretra di Diana,
e per il tuo tridente, Nettuno, padre di Egeo;
e poi e poi vi aggiunge l'arco di Ercole,
il giavellotto di Minerva
e tutto l'arsenale delle armi celesti.
Se inoltre padre, ecco che grida:
'Possa io divorare la testa
del mio infelice figliolo,
lessata in guazzetto nell'aceto di Faro'.

C' chi d la colpa di tutto
ai capricci della fortuna
e crede che il mondo si muova senza guida alcuna,
che i giorni e gli anni si susseguano
solo per legge di natura:
per questo s'accosta senza timore
a qualsivoglia altare.
C' invece chi teme che al delitto segua la pena.
Costui crede che esistano gli dei,
per continua a spergiurare,
ragionando cos fra s:
'Iside faccia pure del mio corpo
quel che vuole e col suo sistro adirato
mi spenga gli occhi, purch anche accecato
possa tenermi quei quattrini
che sostengo di non avere:
valgono bene un po' di tisi,
una piaga purulenta, una gamba in meno.
Lada, ridotto in miseria, non esita
ad augurarsi la gotta dei ricchi,
anche se non ha bisogno di Antcira
o di Archgene: che gli serve infatti,
quando soffre la fame,
la gloria di un piede veloce
o un ramo d'ulivo di Pisa?
Per quanto sia terribile,
assai lenta senza dubbio l'ira dei numi:
se vogliono colpire
tutti quanti i colpevoli,
quando mai giungeranno sino a me?
Ma potrei anche incontrare un nume indulgente:
a colpe come questa
di solito si accorda venia.
Molti commettono crimini uguali,
ma con diversa sorte:
c' chi finisce in croce
e chi per quel delitto ottiene un trono'.

Cos libera il suo cuore smarrito
dal terrore della sua colpa orrenda,
pronto a precederti, se lo costringi,
davanti ai sacri altari ed anzi proprio lui
che a questi in malo modo ti trascina.
La faccia tosta in una causa ingiusta
tant' pi grande e pi passa per molti
come innocenza. Recita il suo mimo
come lo schiavo in fuga
dello spiritoso Catullo;
e tu, sventurato, gridi a gran voce,
che potresti vincere Stntore
o piuttosto come Marte in Omero:
'O Giove, ascolti queste cose
senza muovere labbro,
quando dovresti pur parlare,
anche se sei di marmo o bronzo?
Perch mai, sciolti i cartocci, poniamo
sulle tue braci sacri incensi,
fegato a pezzi di vitello
e bianche viscere di porco?
Come vedo, non c' differenza da fare
tra le vostre icone e la statua di Vagellio'.

Ascolta invece che conforti
potrebbe darti chi
non ha letto i Cinici e i dogmi degli Stoici,
diversi solo per la tunica,
e chi non ha mai studiato Epicuro,
pago delle verdure del suo orticello.
Dai grandi medici si facciano curare
i malati in pericolo di vita:
tu puoi anche affidare le tue vene
a un discepolo di Filippo.
Se mi dimostri che mai accaduto al mondo
un fatto cos detestabile,
mi cucir la bocca; lascer
che ti percuota il petto a pugni,
che ti illividisca la faccia a suon di schiaffi:
quando capita una disgrazia,
si deve chiudere la porta
e dentro casa versar lacrime
sui quattrini perduti
con gemiti e lamenti pi strazianti
che per un funerale;
nessuno in questi casi
pu fingere il dolore,
limitandosi a lacerare l'orlo
della propria veste o a spremere gli occhi
per farne sgorgare una lacrima:
il denaro perduto
va pianto con lacrime vere.
Ma se tu vedi i tribunali pieni
di simili lamenti, se tu senti
che i debitori, dopo che la parte avversa
ha riletto dieci volte il contratto,
dichiarano che la cambiale falsa
e non vale pi di cartaccia,
mentre ad accusarli la loro firma
e la gemma pi bella di sardonica
custodita in uno scrigno d'avorio,
proprio tu, gioia mia,
credi d'essere un caso a parte,
perch figlio d'una gallina bianca,
e noi miserabili polli
nati da uova guaste?
Se volgi gli occhi a ben maggiori crimini,
tu soffri un torto che un'inezia,
che non merita un travaso di bile.

Pensa al sicario prezzolato,
agli incendi dolosi
appiccati con lo zolfo a una porta
che in un attimo prende fuoco;
e pensa a quelli che da un tempio antico
trafugano le grandi coppe
dalla ruggine veneranda,
le offerte dei fedeli
o le corone donate dai re di un tempo;
e se di questi non ne vedi,
c' di certo il ladruncolo sacrilego
che raschia la doratura a una coscia d'Ercole
o magari alla faccia di Nettuno,
che strappa a Castore una foglia d'oro:
[non credi che, abituato com',
esiterebbe a fondere tutto il Tonante?]
Pensa a chi fabbrica e smercia il veleno,
e a chi meriterebbe
d'esser gettato a mare
chiuso in una pelle di bue
con una scimmia innocente dal fato avverso.

Minima parte questa dei delitti
che Gallico, prefetto di citt,
deve ascoltare da mattina a sera.
Se vuoi conoscere i costumi umani,
basta una sola casa:
restaci pochi giorni e, venutone via,
vedi se hai il coraggio di dirti infelice.
Chi si meraviglia se vede in Alpi
un gozzo gonfio o a Mroe tette
pi grosse di un poppante paffutello?
Chi si stupisce
degli occhi azzurri dei germani,
dei loro capelli biondi coi riccioli
impomatati in ciocche attorcigliate?
[Certo, perch per tutti loro
la natura comune.]
Di fronte all'improvviso strepito
di una nube di uccelli traci
il guerriero pigmeo
afferra le sue armi in miniatura,
ma in un attimo, inferiore al nemico,
viene ghermito e trascinato in cielo
dagli artigli adunchi d'una feroce gru.
Se tu vedessi tutto ci da noi,
scoppieresti a ridere, ma laggi,
dove scontri del genere
sono teatro quotidiano,
nessuno ride, perch tutta la trib
non supera in altezza un piede.

'Quella testa spergiura
per il suo scellerato imbroglio
non subir dunque pena di sorta?'
Supponi che venga qui trascinato
in pesanti catene e che tu possa
mandarlo a morte come meglio credi
(pu lo sdegno pretendere di pi?):
il tuo danno rimane inalterato
e il deposito non ti verr certo
restituito; per soddisfazione,
ahim odiosa, non avrai
che il poco sangue di un capo mozzato.
'Ma la vendetta piacere pi dolce
della stessa vita...' Lascialo dire
agli imbecilli, a chi scoppia di rabbia
per un niente o per futili motivi:
[ogni pretesto, per quanto irrisorio,
sufficiente a suscitarne l'ira].
Non lo dice Crisippo,
non lo dice Talete nella sua mitezza,
e neppure il vecchio che visse
vicino al dolce Imetto:
mai avrebbe dato all'accusatore
una goccia della cicuta
che ricevette nel crudele carcere.
[La saggezza, cos feconda,
che a tutti insegna ci che giusto,
disseccher in noi vizi ed errori.]
La vendetta in ogni caso piacere
di gente meschina, di animi gretti
e malsani. Ne vuoi la prova?
nessuno gode pi della vendetta
di una femmina. Ma perch tu pensi
che restino impuniti
quelli che la coscienza del male compiuto
rende costernati e che, col tormento in cuore
del carnefice, un occulto staffile
logora di sorde ferite?
Portare in petto notte e giorno
un testimone pena atroce
e assai pi cruda di quelle inventate
dai feroci Cedicio e Radamanto.
A uno spartano, incerto
se trattenere un deposito o no,
coprendo la sua frode con un giuramento,
la vate Pizia rispose che mai
sarebbe rimasto impunito:
voleva infatti sapere il pensiero
di Apollo e se il nume avrebbe assentito al crimine.
Dunque fu per paura, non per onest,
che lui restitu il maltolto.
Tuttavia la profezia dell'oracolo
si dimostr in tutto degna del tempio
e infallibile: mor infatti
con tutti i figli, la famiglia
e i parenti per quanto fossero lontani.

Questa la pena che attende chi ha solo
l'intenzione di compiere un delitto:
chi lo medita in segreto fra s
come se l'avesse gi commesso.
Figurarsi poi se lo realizza.
Ansia perpetua lo divora,
anche quand' l'ora di pranzo,
senza requie, cos che non riesce a inghiottire
e il cibo gli si impasta nella gola,
secca come per un morbo, e tra i denti;
l'infelice sputa il vino che beve
e gli pare disgustoso persino
un Albano pregiato invecchiato negli anni;
e se poi gliene offri del migliore,
d'una ragnatela di rughe
gli si aggrinza la fronte,
come se avesse bevuto un Falerno inacidito.
Se per caso di notte
l'angoscia gli concede un breve sonno
e, dopo essersi girato e rigirato nel letto,
riposano le membra, all'improvviso
in sogno vede il tempio
e gli altari del nume profanato;
ma quel che peggio,
nell'incubo che gli gronda sudore,
vede te, e la tua immagine, maestosa
e pi grande di quella umana,
lo terrorizza e lo costringe
impaurito a confessare.

Eccoli: tremano e impallidiscono ad ogni lampo;
se poi tuona, al primo rombo del cielo
crollano esanimi, quasi che il fulmine
non cadesse a terra per caso
o per furia di venti,
ma per fare irato giustizia.
Non gli venuto danno? E gi paventano
con maggiore angoscia la prossima tempesta,
come se questo sereno fosse solo una tregua.
In pi, se li assale un dolore al fianco
e la febbre non li lascia dormire,
pensano che a inviare al loro corpo
quei morbi sia una divinit sdegnata,
convinti che sian questi
i macigni e le frecce degli dei.
Non osano promettere una pecora
al santuario o una cresta di gallo ai Lari:
cosa infatti pu sperare un colpevole
quando cade ammalato?
quale vittima non pi di lui
degna di rimanere in vita?

[Volubile e quasi sempre incostante
la natura dei malvagi.]
Quando commettono un delitto
sono privi di dubbi: solo a crimine compiuto
cominciano a distinguere il bene dal male.
Ma, incapace di mutare e ormai incallita,
l'indole loro li riporta
alle pratiche che avevano condannato.
Chi mai ha posto un limite alla colpa?
chi mai ha ritrovato
la forza di arrossire,
una volta che l'abbia espulsa
dalla fronte indurita?
Esiste forse un uomo
che si accontenti di una sola infamia?
Il tuo furfante finir
per porre il piede in qualche trappola
e dovr soffrire l'uncino
del carcere duro, una rupe dell'Egeo
o gli scogli affollati d'illustri esiliati.
E allora tu potrai godere
dell'amaro castigo
inflitto all'uomo che detesti,
e soddisfatto riconoscerai,
finalmente, che non esiste nume
sordo e men che meno cieco come Tiresia.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
LA POLITICA Ner modo de pens c' un gran divario: mi' padre democratico cristiano, e, siccome impiegato ar Vaticano, tutte le sere recita er rosario;

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9975542
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.