La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 10, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 2246 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Gaio Giulio Fedro

IL CANE E IL LUPO

Libert quanto cara, in breve espongo.
Un Lupo, cui consunto ha lunga fame,
Un ben pasciuto Cane a sorte incontra:
Fermi si salutaro. Primo il Lupo:
Onde tal liscio, onde s lauto cibo,
Il ventre ti distese? Io pi robusto
Di te, a perir son da ria fame astretto.
Semplicemente il Can: Fia ugual tua sorte,
Se ugual servizio il mio padron nottenga.
E qual? Custode il d sia de la soglia
Da i ladri la magion guardi la notte.
Io son pronto; n boschi, e pioggia, e nevi
Soffrir m forza, e dura vita io meno;
Quanto pi agevol fora sotto il tetto
Viver agiato, e largamente pascermi?
Vien dunque meco. Nel cammin saccorge,
Che roso il Can da la catena ha il collo.
Onde ci, amico? Nulla. Amo saperlo.
Poich sembro feroce, il d mi legano
Perch allor dorma, e desto sia la notte:
Sciolto su limbrunir, vo dove voglio:
Bench nol chiegga, mi si porta il pane;
Da la mensa il padron lossa mi porge;
La famiglia gli avanzi; e se a taluno
Vien qualche cibo a noja, a me si getta:
Cos senza fatica empiomi il ventre.
Ma se daltrove andar mi vien talento,
Possolio far? O questo no! e tu goditi,
Cane, le tue venture: io non le curo.
Regnar non vo, se libertade io perdo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
GIROTONDO GROTTESCO Ti daremo un sorcio(*) imbottito sui monti e sulle valli, lo cucineremo con l'origano sui monti e sulle valli, ti daremo due scarpe rotte

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6527
Autori registrati
3076
Totali visite
9716562
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.