La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 721 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Gaio Valerio Catullo

67
Salute a te, porta,
cos cara a un buon marito,
a un padre:
ti benedica Giove.
Si dice che un tempo
tu abbia servito onestamente
il vecchio Balbo
finch visse in questa casa,
ma anche che tu abbia poi
disonorato questa fede,
quando, stecchito il vecchio,
hai stretto un altro vincolo.
Avanti, dimmi tutto.
Tu sei cambiata:
dov' finita
la tua proverbiale fedelt
al padrone?

La colpa non mia,
anche se dicono cos
(mi perdoni Cecilio
a cui ora appartengo).
Nessuno pu dire
che io abbia sulla coscienza
qualche peccato.
Ma per certa gente
sempre la porta
la causa di tutto
e qualunque malefatta si scopra
tutti mi gridano:
'porta, la colpa tua'.
Non basta dirlo:
una parola.
Dovresti fare in modo
che ognuno se ne rendesse conto.

E come?
Non gliene frega a nessuno
di saperlo.

Ma a me s:
avanti, dimmi come stanno le cose.

Primo: se dicono che quella
mi stata affidata vergine,
falso.
Non pu certo averla toccata
per primo il marito
con quel cosino pendente,
pi moscio di una bietola lessa,
che non ha mai sollevato
di tanto la sua tunica.
Sembra piuttosto
che sia stato il padre
a violare il letto del figlio,
disonorando
quella gente disgraziata.
Forse una passione insana
ardeva nel suo cuore sciagurato
o forse l'impotenza,
che rendeva sterile il figlio,
l'indusse a credere
che fosse necessario un piolo
capace di sciogliere
il nodo della vergine.

Un padre straordinario,
mi dici,
di una bont cos incredibile
da bagnare lui stesso
l'orto del figliolo.

Non tutto.
Sembra che sotto il castello chineo,
a Brescia,
attraversata pigramente
dalle acque gialle del Mella,
a Brescia,
l'amata madre della mia Verona,
si sappia ben altro;
di Postumio,
della passione di Cornelio,
coi quali, si mormora,
lei avrebbe consumato
infami adulteri.
'E tu come lo sai?'
si dir.
'Una porta non pu staccarsi
dalla soglia del padrone,
n origliare ci che dice la gente;
infissa nell'architrave
non fa altro
che aprire o chiudere la casa.'
Lo so, perch l'ho sentita parlare
a bassa voce, in un canto
con le sue servette
di queste vergogne,
e faceva i nomi
di quelli che ho detto,
convinta che non avessi
n orecchie n lingua.
Ed anche di un altro,
del quale non faccio il nome,
perch non aggrotti
le sue rosse sopracciglia.
un tipo alto,
che un tempo ha subto
un processo famoso
per il figlio inventato
da una falsa gestante.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Scritta dopo aver conversato con una sconosciuta che mi ha raccontato la sua vita ... Calamoresca una caletta del golfo di Salivoli - Piombino LI - furono i miei figli a chiamarla "Signora dello scoglio" visto che ignoro le sue generalit. (comunque la poesia in suo possesso)

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6540
Autori registrati
3080
Totali visite
9951766
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.