La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 2672 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Marco Valerio Marziale
Epigrammi

Libro Dodicesimo

18 IL SOGGIORNO A BILBILI

Mentre inquieto forse errando vai
nella Suburra piena di schiamazzi
o vai su per il colle, o Giovenale,
di Diana regina;
mentre per le soglie dei potenti
la toga, che pur ti fa sudare,
ti ventila un pochino
e aggravan la fatica del cammino
il Celio maggiore ed il minore;
la mia Bilbili, dove son tornato,
terra superba per le sue miniere
d'oro e di ferro,
dopo molti dicembri mi ha riavuto
ed ha fatto di me un contadino.
Qui con un piacevole lavoro
e senza faticare come un tempo,
io me la spasso tra Platea e Boterdo
- questi sono i nomi pi importanti
nelle terre celtibere -:
qui godo di un sonno lungo e duro,
spesso non interrotto all'ora terza,
cos mi rifaccio dell'insonnia
a Roma sopportata per trent'anni.
Qui non si fa uso della toga;
quando la chiedo, mi si d una veste
prendendola da una sedia rotta
posta vicino al letto;
quando mi alzo mi accoglie il camino
alimentato da un mucchio di legname
del vicino lecceto.
Intorno al camino sono appese
molte pentole rustiche.
Poi viene a trovarmi un cacciatore
che tu vorresti avere
in una selva del tutto riservata;
l'imberbe fattor distribuisce
le razioni di vitto
e chiede ai servi che i capelli lunghi
si facciano tagliare.
Cos mi piace vivere e morire.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
W H E R E SHALL I GO ? WHY SHOULD I GIVE ? WHEN SHALL I D I E ? WHOM SHOULD I LOVE? WHAT SHALL I DO?

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9968314
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.