La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 5306 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Marco Valerio Marziale
Epigrammi

Libro Dodicesimo

18 IL SOGGIORNO A BILBILI

Mentre inquieto forse errando vai
nella Suburra piena di schiamazzi
o vai su per il colle, o Giovenale,
di Diana regina;
mentre per le soglie dei potenti
la toga, che pur ti fa sudare,
ti ventila un pochino
e aggravan la fatica del cammino
il Celio maggiore ed il minore;
la mia Bilbili, dove son tornato,
terra superba per le sue miniere
d'oro e di ferro,
dopo molti dicembri mi ha riavuto
ed ha fatto di me un contadino.
Qui con un piacevole lavoro
e senza faticare come un tempo,
io me la spasso tra Platea e Boterdo
- questi sono i nomi pi importanti
nelle terre celtibere -:
qui godo di un sonno lungo e duro,
spesso non interrotto all'ora terza,
cos mi rifaccio dell'insonnia
a Roma sopportata per trent'anni.
Qui non si fa uso della toga;
quando la chiedo, mi si d una veste
prendendola da una sedia rotta
posta vicino al letto;
quando mi alzo mi accoglie il camino
alimentato da un mucchio di legname
del vicino lecceto.
Intorno al camino sono appese
molte pentole rustiche.
Poi viene a trovarmi un cacciatore
che tu vorresti avere
in una selva del tutto riservata;
l'imberbe fattor distribuisce
le razioni di vitto
e chiede ai servi che i capelli lunghi
si facciano tagliare.
Cos mi piace vivere e morire.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
» Orazio Ricorda Odi, II, 3
» Gaio Valerio Catullo 46 primavera, tornano i giorni miti
» Gaio Valerio Catullo 56 Scherzo cos divertente
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

» Catullo - Quaeris quot mihi basiationes
» Catullo - Vivamus, mea Lesbia
» Lucius Apuleius BRIGID
» Sulpicia E GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
» Orazio LlBRO III
» Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
descrive il modo pi sincero di come possibile donare

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6746
Autori registrati
3202
Totali visite
14169910
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.