La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: luglio 21, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie latine | Totali visite: 632 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Il più grande sito italiano di poesie e racconti. La casa della poesia non avrà mai porte.
Marco Valerio Marziale
Epigrammi

Libro Dodicesimo


32 • IL TRASLOCO DI VACERRA

Ahi, Vacerra, grande vituperio
delle calende di luglio, t'ho veduto,
ho visto i tuoi miseri bagagli
che non sono stati trattenuti
in cambio di due anni di pigione!
Li portava tua moglie che sul capo
ha sette capelli color rame,
tua madre coi capelli tutti bianchi,
tua sorella di ciccia arrotondata.
Le ho credute Furie fuoruscite
dalle infernali tenebre di Dite.
Tu, il mendicante Iro dei tuoi tempi,
rinsecchito dal freddo e dalla fame,
pallido più di un bosso già invecchiato,
andavi dietro a loro.
Avresti detto che dislocasse via
tutto il monte d'Aricia.
Sfilava un lettuccio con tre piedi,
un tavolino con due soli piedi
e, con una lanterna e una scodella
di legno di corniolo, un orinale
rotto-slabbrato gocciolava in via.
Seguiva uno scaldino ch'era sparso
di verderame ed era sostenuto
da un collo d'anfora.
L'odore nauseante di una tazza,
quale non si saprebbe comparare
con quello d'un vivaio
di acque marine ristagnanti,
attestava
che questa avesse contenuto
delle acciughe o immangiabili sardelle.
Non vi mancava
un pezzo di formaggio di Tolosa,
né una corona di menta già scurita
e vecchia di quattr'anni,
né reste spelacchiate
prive di agli e di cipolle,
né la marmitta della madre, piena
di disgustante resina con cui
si depilan le donne del Summerio.
Perché cercare casa e farti beffe
degli amministratori, o Vacerra,
dal momento che tu puoi alloggiare
senza nulla pagare?
Questa processione di bagagli
ben s'addice a un ponte
dove i mendicanti stan di casa.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie latine più letti

Marco Valerio Marziale Libro Nono Marco Valerio Marziale Epigrammi Libro Nono 100 • DESIDERIO D'UNA TOGA NUOVA
Sulpicia E’ GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
Marco Valerio Marziale IL DONO DI POLLA
Orazio Carpe Diem
Marco Valerio Marziale EPICEDIO PER LA PICCOLA EROTION
Gli ultimi Poesie latine pubblicati

Quinto Orazio Flacco TEMPO DI MARITO
Ovidio QUANDO RISORGE
Lucius Apuleius BRIGID
Sulpicia E’ GIUNTO FINALMENTE IL MIO AMORE
Orazio LlBRO III
Gaio Giulio Fedro IL CANE E IL LUPO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Sempre e poi sempre, o vecchio o giovane torno a avvertire: una montagna notturna e al balcone una donna silenziosa, bianca una strada al chiaro di luna in lieve pendio e ciò mi lacera il cuore nel petto atterrito di struggimento.

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
5885
» Autori registrati
284
» Totali visite
1930233
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.