La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: aprile 01, 2014 | Da: Redazione
Categoria: Poesie russe | Totali visite: 8093 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Alexander Puskin 06/061799 Mosca – 10/02/1837 San Pietroburgo Russia

SI E’ SPENTO

Si è spento l'astro del giorno;
Sull'azzurro mare è scesa la nebbia della sera.
Stormisci, stormisci, vela obbediente,
Agitati sotto di me, cupo oceano.
Io vedo la riva lontana,
I paesi incantati delle terre del mezzogiorno;
Là io tendo con emozione e nostalgia,
Inebriato dal ricordo:
Lo sento: negli occhi di nuovo le lacrime;
L'anima ribolle e si placa;
Intorno a me vola un noto sogno;
Ho ricordato il folle amore degli anni passati,
E tutto ciò che ho sofferto, e tutto ciò che è caro al cuore,
L'inganno estenuante di speranze e desideri....
Stormisci, stormisci, vela obbediente,
Agitati sotto di me, cupo oceano.
Vola, vascello, portami verso le plaghe lontane
Sul tempestoso capriccio degli ingannevoli mari,
Ma non portarmi alle tristi rive
Della mia patria nebbiosa,
Del paese dove, alla fiamma delle passioni,
Primamente si sono accesi i sentimenti,
Dove in segreto le tenere Muse mi hanno sorriso,
Dove presto fra le tempeste sfiorì
La mia giovinezza perduta,
Dove mi tradì la gioia dalle ali leggere
Abbandonando il freddo cuore alla sofferenza.
Cercatore di nuove impressioni,
Sono fuggito lontano da voi, mie terre patrie;
Sono fuggito da voi, allievi dei piaceri,
Fugaci amici di una fugace giovinezza;
E voi, amiche di peccaminosi errori,
Alle quali senza amore ho sacrificato me stesso,
La pace, la gloria, la libertà e l'anima,
Anche voi ho dimenticato, giovani traditrici,
Amiche misteriose della mia primavera dorata,
Anche voi ho dimenticato..... Ma le antiche ferite del cuore,
Le ferite profonde dell'amore, niente le ha curate....
Stormisci, stormisci, vela obbediente,
Agitati sotto di me, cupo oceano...


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie russe più letti

» Alexander Puskin SI E’ SPENTO
» Marina Ivanovna Cvetaeva CHE M’IMPORTA LE NUVOLE E LE STEPPE
» Lina Kostenko IERI NELLA PIOGGIO E’ PASSATO DA ME BLOK
» Marina Ivanovna Cvetaeva IO SO LA VERITA’
» Marina Cvetaeva NELL’ ORA CHE IL MIO CARO FRATELLO
Gli ultimi Poesie russe pubblicati

» Alexander Puskin LA TOMBA DI ANACHERONTE
» Alexander Puskin SI E’ SPENTO
» Boris Pasternak NATALE
» Boris Pasternak IN OGNI COSA
» Anna Achmatova STRINSI LE MANI SOTTO IL VELO OSCURO
» Anna Achmatova VENEZIA


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Pianefforte 'e notte Nu pianefforte 'e notte sona luntanamente, e 'a museca se sente pe ll'aria suspirà. È ll'una: dorme 'o vico

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6745
» Autori registrati
3201
» Totali visite
14054616
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.