La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie straniere tradotte | Totali visite: 2442 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li un
bella una tale certezza
ma l'incertezza pi bella

non conoscendosi, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da tempo potevano incrociarsi?

vorrei chiedere loro
se non ricordano -
una volta un faccia a faccia
in qualche porta girevole?
uno "scusi" nella ressa?
un "ha sbagliato numero" nella cornetta?
- ma conosco la risposta
no, non ricordano.

li stupirebbe molto sapere
che gi da parecchio tempo
il caso stava giocando con loro.

non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava, li allontanava,
gli tagliava la strada
e soffocando una risata
si scansava con un salto.

vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili
Forse tre anni fa
o lo scorso martedi
una fogliolina vol via
da una spalla a un'altra?
qualcosa fu perduto e qualcosa raccolto.
chiss, era forse la palla
tra i cespugli dell'infanzia?

vi furono maniglie e campanelli
su cui anzitempo
un tocco si posava sopra un tocco.
valigie accostate nel deposito bagagli.
una notte, forse, lo stesso sogno,
subito confuso al risveglio.

ogni inizio infatti
solo un seguito
e il libro degli eventi
sempre aperto a met.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie straniere tradotte più letti

» Gabriel Garcia Marquez - Lettera di Addio
» Emily Dickinson C' E' UNA CERTA INCLINAZIONE DI LUCE
» Pablo Neruda - Il tuo sorriso
» Nazim Hikmet CE UN ALBERO DENTRO DI ME
» Guatan Tavara PER ESSERE ALBERO
Gli ultimi Poesie straniere tradotte pubblicati

» Rumi - Cercando il tuo volto
» Eclipse
» Nazim Hikmet CE UN ALBERO DENTRO DI ME
» Nazim Hikmet PRIMA CHE BRUCI PARIGI
» Guatan Tavara DOVE NASCE IL GIORNO
» Guatan Tavara PER ESSERE ALBERO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
da Assurdi pensieri .... come parole Il mio sguardo proiettato dentro un volo senza tempo nel centro del fuoco dell'ignoto Le mie membra ardono i miei nervi non danno dolore

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9981656
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.