La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: febbraio 27, 2014 | Da: Redazione
Categoria: Poesie ungheresi | Totali visite: 1191 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Endre Adry 22/11/1877 Căuaș Romania 27/01/1919 Budapest Ungheria

IO SONO PARENTE DELLA MORTE

Io sono parente della Morte,
Amo lamore che svanisce,
Amo baciare,
Chi se ne va.

Amo le rose malate,
Bramose quando sfiorite, le donne,
I lucenti, i malinconici
Tempi dautunno.

Amo delle ore tristi
Lo spettrale, monitorio richiamo,
Della grande Morte, della santa Morte
Il sosia giocoso.

Amo chi in partenza,
Chi piange e chi si sveglia,
E nei freddi mattini brinati
I campi.

Amo la stanca rinuncia,
Il pianto senza lacrime e la pace,
Di saggi, poeti, malati
Il rifugio.

Amo chi deluso,
Chi invalido, chi si fermato,
Chi non crede, chi malinconico:
Il mondo.

Io sono parente della Morte,
Amo lamore che svanisce,
Amo baciare,
Chi se ne va.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie ungheresi più letti

» Attila Jzsef QUELLO CHE NASCONDI NEL CUORE
» Attila Jzsef MIA MADRE
» Petri Gyrgy Bcszs
» Petri Gyrgy Un ricordo
» Ady Endre - Versi di un ragazzo proletario
Gli ultimi Poesie ungheresi pubblicati

» Sebestyn Pter L'aeroplanino di carta racconta 3.
» Petrőczi va: Egy elhibzott este - Avagy Lilla ksei utszava
» Olh Tams Osz
» Pilinszky Jnos A mlypont nneplye
» Pilinszky Jnos Egy leten keresztűl
» Attila Jzsef MIA MADRE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
pine letali, spine pungenti tali sono le zie e le parenti. (*) E' la risposta volgare al nepotes ne putes.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6527
Autori registrati
3074
Totali visite
9706063
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.