La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: novembre 03, 2016 | Da: cikos ibolja
Categoria: Poesie ungheresi | Totali visite: 973 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
cikos ibolja
traduttrice della Babel Web Antologia pubblicata in varie lingue
Egy elhibázott este - avagy Lilla kései utószava

.................................... ,,Amott Anákreonnak
.................................... Kellő danái vannak
.................................... Kaskámba, friss eperrel"
.................................... (Csokonai Vitéz Mihály: A boldogság)

Tudd meg, most végre,
jó Mihályom,
túl életünkön,
s rég túl a halálon,
hogy A boldogság
estje nékem
korántsem volt színig gyönyör.

Igaz a friss eperből is
juttattál számba egyet-egyet,
ám, hogy verslábat nyeldekeljek
az volt a cél, a fő, a nagy.
Sok-sok kanál poézis
egy-egy falat gyümölccsel:
elhibázott arány ez itt,
és minden költők
közös vétke,
kik azt hiszik,
a párjuk éhe
(aki korántsem égi lény!)
könnyen csitulhat ilyetén.

Nem mondhattam el
akkor néked ezt,
(a múzsa-szerep kötelez!)
de most, hogy Almás, s Debrecen
földjében külön porladunk,
halld hát, Komárom bús Anákreonja:

több eper regényünket többre vitte volna.

Una serata sbagliata – ossia epilogo tardivo di Lilla

…………..”Di lŕ nel canestro
…………..Con i canti di Anacreonte
……….….Ci sono le fragole fresche!”
.………….(Csokonai Vitéz Mihály: La felicitŕ)

Sappi, infine
mio buon Mihály,
oltre la nostra vita,
molto oltre la nostra morte,
che la serata
della Felicitŕ
non č stata puro piacere.

E’ vero, che dalle fragole fresche
alcune mi avevi messo in bocca,
ma per deglutire il piede metrico,
questo era l’obiettivo, il primario, il supremo.

Moltissimi cucchiai di poesie
con qualche boccata di frutta:
č una proporzione sbagliata questa,
č il peccato comune
di tutti i poeti,
che credono
che la fame dell’amata,
(che non č un essere celestiale)
in questo modo con facilitŕ si placa.

Tutto questo allora
non potei raccontarti,
(il ruolo della musa obbliga!)
ma ora, che nella terra di Almás
e Debrecen riposiamo separatamente
odi dunque, mesto Anacreonte di Komárom:

con piů fragole, il nostro romanzo
avrebbe raggiunto maggior successo.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie ungheresi più letti

» Attila József QUELLO CHE NASCONDI NEL CUORE
» Attila József MIA MADRE
» Petri György Búcsúzás
» Petri György Un ricordo
» Ady Endre - Versi di un ragazzo proletario
Gli ultimi Poesie ungheresi pubblicati

» Sebestyén Péter L'aeroplanino di carta racconta 3.
» Petrőczi Éva: Egy elhibázott este - Avagy Lilla kései utószava
» Oláh Tamás Osz
» Pilinszky János A mélypont ünnepélye
» Pilinszky János Egy életen keresztűl
» Attila József MIA MADRE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Staccia staccia la farina la signora Mariolina staccia bene staccia male staccia prima di Natale.

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6573
» Autori registrati
3091
» Totali visite
10217339
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.