La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 06, 2016 | Da: cikos ibolja
Categoria: Poesie ungheresi | Totali visite: 803 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
cikos ibolja
traduttrice della Babel Web Antologia pubblicata in varie lingue
A mélypont ünnepélye

Az ólak véres melegében
ki mer olvasni?
És ki mer
a lemenő nap szálkamezejében,
az ég dagálya és
a föld apálya idején
útrakelni, akárhová?

Ki mer
csukott szemmel megállani
ama mélyponton,
ott, ahol
mindíg akad egy utolsó legyintés,
háztető,
gyönyörü arc, vagy akár
egyetlen kéz, fejbólintás, kézmozdulat?

Ki tud
nyugodt szívvel belesimúlni
az álomba, mely túlcsap a gyerekkor
keservein s a tengert
marék vízként arcához emeli?

1972


La festa del punto basso

Chi osa leggere
nel caldo cruento della porcilaia?
E chi osa, nel prato
di schegge del sol che tramonta,
durante il flusso del cielo
e il riflusso della terra,
intraprendere ovunque un viaggio?

Chi osa fermarsi
ad occhi chiusi
in quel punto basso,
lŕ, dove
si trova sempre un ultimo cenno,
un tetto,
un viso stupendo, o vuoi
solamente una mano, un cenno di testa,
un movimento della mano?

Chi puň abbandonarsi
col cuore tranquillo al sonno,
che tracima oltre le amarezze
dell’infanzia, e il mare
come un pugno d’acqua al viso rialza?

1972


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie ungheresi più letti

» Attila József QUELLO CHE NASCONDI NEL CUORE
» Attila József MIA MADRE
» Petri György Búcsúzás
» Petri György Un ricordo
» Ady Endre - Versi di un ragazzo proletario
Gli ultimi Poesie ungheresi pubblicati

» Sebestyén Péter L'aeroplanino di carta racconta 3.
» Petrőczi Éva: Egy elhibázott este - Avagy Lilla kései utószava
» Oláh Tamás Osz
» Pilinszky János A mélypont ünnepélye
» Pilinszky János Egy életen keresztűl
» Attila József MIA MADRE


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
A' piedi del vecchio maniero che ingombrano l'edera e il rovo; dove abita un bruno sparviero, non altro, di vivo; che strilla e si leva, ed a spire poi torna, turbato nel covo, chi sa? dall'andare e venire d'un vecchio balivo:

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6573
» Autori registrati
3090
» Totali visite
10202461
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.