La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poeti francesi | Totali visite: 804 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Arthur Rimbaud

Le Illuminazioni - Poemi in prosa
CITTA


Sono citta! E' un popolo per il quale si sono innalzati questi Allegani e questi Libani di sogno! Casine di cristallo e di legno si muovono su rotaie e carrucole invisibili. I vecchi crateri cinti di colossi e di palmizi di rame ruggiscono melodiosamente. nei fuochi. Feste d'amore suonano sui canali appesi dietro le casine. La caccia degli scampanii grida nelle gole. Corporazioni di cantori giganti accorrono in vesti e orifiammi splendidi come la luce delle cime. Sulle piattaforme, in mezzo agli abissi, gli Orlandi suonano il loro coraggio. Sulle passerelle dell'abisso e i tetti degli alberghi l'ardore del cielo pavesa le antenne. Il crollo delle apoteosi raggiunge i campi delle altezze, ove le Centaure serafiche fanno evoluzioni fra le valanghe. Al disopra del livello delle pi alte creste, un mare turbato dalla nascita eterna di Venere, carico di flotte corali e dei rumore delle perle e delle conche preziose, il mare s'incupisce talvolta con scoppi mortali. Sui versanti, muggono messi di fiori grandi come le nostre armi e le nostre coppe. Cortei di Mab in vesti fulve, opaline, salgono dalle forre. Lass, con le zampe nella cascata e nei rovi, i cervi poppano Diana. Le Baccanti dei sobborghi singhiozzano e la luna arde e urla. Venere entra nelle caverne dei fabbri e degli eremiti. Gruppi di campanili cantano le idee dei popoli. Dai castelli costruiti in osso esce la musica ignota. Tutte le leggende evolvono e gli slanci s'avventano nei borghi. Il paradiso degli uragani si inabissa. I selvaggi ballano senza posa la Festa della Notte. E per un'ora io sono disceso nel movimento di un boulevard di Bagdad, ove compagnie hanno cantato la gioia del lavoro nuovo, sotto una brezza densa, aggirandosi senza poter eludere i favolosi fantasmi dei monti dove abbiamo dovuto ritrovarci.
Quali braccia buone, quale ora bella mi restituiranno quella regione da cui vengono i miei sonni e i miei minimi movimenti?


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poeti francesi più letti

» Charles Baudelaire INNO ALLA BELLEZZA
» Jacques Prvert M HA FATTA L AMORE
» Charles Baudelaire SPLEEN E IDEALE 1 BENEDIZIONE
» Jacques Prevert MAI PIU
» Arthur Rimbaud ALBA
Gli ultimi Poeti francesi pubblicati

» Jacques Prevert MAI PIU
» Edmond Haracourt PARTIRE E UN PO MORIRE
» Guy De Maupassant LA MORTA
» Colin Muset SIGNOR CONTE HO SUONATO LA VIELLA
» Guillaume Apollinaire LA MEDUSA
» Stphane Mallarm VENTAGLIO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La corte del Leone El Leone, ch' Re de la Foresta, disse un giorno a la moje: - Come mai, tu che sei tanto onesta, hai fatto entr 'na Vacca ne la Corte?

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9965546
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.