La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poeti francesi | Totali visite: 2632 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Arthur Rimbaud

Le Illuminazioni - Poemi in prosa
INFANZIA


I
Questo idolo, occhi neri e crine giallo, senza parenti n corte, pi nobile della favola, messicano e fiammingo; il suo dominio, azzurro e verzura insolenti, si stende su spiagge nominate, per onde senza vascelli, dai nomi ferocemente greci, slavi, celtici.

Sull'argine della foresta - i fiori di sogno tintinnano, scoppiano, lampeggiano - la fanciulla dalle labbra d'arancio, le ginocchia incrociate nel limpido diluvio che sgorga dai prati, nudit che ombreggiano, attraversano e abbigliano gli arcobaleni, la flora, il mare.

Dame che girano sulle terrazze vicine al mare, fanciulle e gigantesse, superbe negre nel muschio verdegrigio, gioielli ritti sul suolo grasso dei boschetti e di giardinetti sgelati - giovani madri e grandi suore dagli sguardi pieni di pellegrinaggi, sultane, principesse dall'incesso e dai costumi tirannici, piccole straniere e persone dolcemente infelici.

Che noia, l'ora del caro corpo e caro cuore!

II
E' lei, la piccola morta, dietro i rosai. - La giovine mamma trapassata discende la scalca. - Il cadesse del cugino stride sulla sabbia. - Il fratellino ( nelle Indie) l, davanti al tramonto, sul prato di narcisi. I vecchi che sono stati sepolti, in piedi, nel bastione delle viole.

Lo sciame delle foglie d'oro circonda la casa dei generale. Sono nel Mezzogiorno. Si segue la strada rossa per giungere alla locanda vuota. Il castello in vendita; le persiane sono staccate. - Il curato avr portato via la chiave della chiesa. - Intorno al parco le casine dei custodi sono disabitate. Le palizzate son tanto alte che se ne vedono soltanto le cime scricchiolanti. D'altronde non c' nulla da vedere l dentro.

I prati risalgono ai casali senza galli, senza incudini. La chiusa sollevata. Oh, i calvari e i mulini del deserto, le isole e i pagliai!

III
Fiori magici ronzavano, i pendii li cullavano. Si aggiravano bestie di un'eleganza favolosa. Le nubi s'ammassavano sull'alto mare fatto di una eternit di calde lacrime.

IV
Nel bosco c' un uccello, il suo canto vi ferma e vi fa arrossire.

C' un orologio che non suona.

C' un botro con un nido di bestie bianche.

Ce una cattedrale che scende e un lago che sale.

C' una carrozzina abbandonata nel bosco, o che scende per il sentiero correndo. adorna di nastri.

C' una comitiva di Piccoli commedianti in costume, scorti sulla strada attraverso il margine del bosco. -

C' infine, quando si ha fame e sete, qualcuno che vi scaccia.

V
lo sono il santo, in preghiera sulla terrazza, mentre le bestie pascolano fino al mare di Palestina.

Sono il dotto dalla poltrona cupa. I rami e la pioggia si avventano alla finestra della biblioteca.

Sono il pedone della strada maestra attraverso i boschi nani; il rumore delle chiuse copre quello dei miei passi. Vedo lungamente il malinconico bucato d'oro dei tramonto.

Sarei volentieri il fanciullo abbandonato sulla diga lanciata verso l'alto mare, il piccolo servo che segue il viale la cui fronte tocca il cielo.

I sentieri sono aspri. I poggi si coprono di ginestre. L'aria immobile. Come son lontani gli uccelli e le fontil Non pu essere che la fine del mondo, andando avanti.

VI
Mi si appgioni finalmente questa tomba, imbiancata a calce e con le righe dei cemento in rilievo, lontanissimo sotto la terra.

Appoggio i gomiti sul tavolo; la lampada illumina vivissimamente questi giornali che sono tanto idiota da rileggere, questi libri privi d'interesse.

A una distanza enorme al disopra della mia sala sotterranea sorgono le case, si accumulano le brume. Il fango rosso o nero. Citt mostruosa, notte senza fine!

Meno in alto, vi sono fogne. Ai lati, null'altro che lo spessore del globo. Forse gli abissi d'azzuro, pozzi di fuoco? Forse su questi piani che s'incontrano lune e comete, mari e favole.

Nelle ore d'amarezza, m'immagino sfere di zaffiro, di metallo. Sono padrone del silenzio. Perch mai una parvenza di spiraglio s'illividirebbe all'angolo della volta ?


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poeti francesi più letti

» Charles Baudelaire INNO ALLA BELLEZZA
» Jacques Prvert M HA FATTA L AMORE
» Charles Baudelaire SPLEEN E IDEALE 1 BENEDIZIONE
» Jacques Prevert MAI PIU
» Arthur Rimbaud ALBA
Gli ultimi Poeti francesi pubblicati

» Jacques Prevert MAI PIU
» Edmond Haracourt PARTIRE E UN PO MORIRE
» Guy De Maupassant LA MORTA
» Colin Muset SIGNOR CONTE HO SUONATO LA VIELLA
» Guillaume Apollinaire LA MEDUSA
» Stphane Mallarm VENTAGLIO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
In acque palustri in gelidi rivi navigava da anni il tuo cuore. Dimentico di calde onde di assolate carezze si infrangeva su scogli di dolore.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9985048
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.