La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 16, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poeti francesi | Totali visite: 879 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Arthur Rimbaud

Le Illuminazioni - Poemi in prosa
METROPOLITANA


Dallo stretto d'indaco ai mari d'Ossian, sulla sabbia rosea e arancione che lav il cielo vinoso, sono or ora saliti, incrociandosi, boulevards di cri- stallo immediatamente occupati da giovani famiglie povere che si alimentano dai fruttivendoli. Nulla di ricco. - La citt.
Dal deserto di bitume fuggono in linea retta, sbandandosi con gli strati di bruma digradanti in bande orribili nel cielo che s'incurva, arretra e scende, formato dal pi sinistro fumo nero che possa fare l'Oceano in lutto, gli elmetti, le ruote, le barche, le groppe. - La battaglia.

Alza la testa: quel ponte di legno, arcato; quegli ultimi orti; quelle maschere colorite sotto la lanterna frustata dalla fredda notte; l'ondina grulla dalla veste frusciante, ai piedi dei fiume; quei crani luminosi nelle piantagioni di piselli, e le altre fantasmagorie. - La campagna.

Quelle strade orlate di cancelli e di muri che contengono appena i loro boschetti, e gli atroci fiori che si chiamerebbero cuori e sorelle, damasco dannante di languore, - possessi di fantastiche aristocrazie ultrarenane, giapponesi, guaran, atte ancora a ricevere la musica degli antichi, - e vi sono alberghi che, per sempre, non s'aprono gi pi; - vi sono principesse e, se non sei troppo oppresso, lo studio degli astri. - li cielo.

La mattina in cui, con Lei, vi dibatteste fra quegli splendori di neve, quelle labbra verdi, quegli specchi, quelle bandiere nere e quei raggi azzurri, e quei profumi purpurei dei sole dei poli. - La tua forza.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poeti francesi più letti

» Charles Baudelaire INNO ALLA BELLEZZA
» Jacques Prvert M HA FATTA L AMORE
» Charles Baudelaire SPLEEN E IDEALE 1 BENEDIZIONE
» Jacques Prevert MAI PIU
» Arthur Rimbaud ALBA
Gli ultimi Poeti francesi pubblicati

» Jacques Prevert MAI PIU
» Edmond Haracourt PARTIRE E UN PO MORIRE
» Guy De Maupassant LA MORTA
» Colin Muset SIGNOR CONTE HO SUONATO LA VIELLA
» Guillaume Apollinaire LA MEDUSA
» Stphane Mallarm VENTAGLIO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Voglio lasciarmi andare

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9969834
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.