La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poeti francesi | Totali visite: 3490 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Mallarmé

VARI SONETTI

"Quando la legge, ombra fatale..."

Quando la legge, ombra fatale, minacciò,
Un Sogno antico, male che rode le mie vertebre,
Afflitto di perire sotto le volte funebri,
In me l'indubitabile sua ala ripiegò.

O fasto, sala d'ebano, dove un re si tentò
Con le ormai rattrappite morte ghirlande celebri,
Voi non siete che orgoglio mentito dalle tenebre
Innanzi al solitario che una fede abbagliò.

Sì, la Terra lontano laggiù da quest'orrore,
L'inconsueto mistero getta con gran chiarore
Sotto i secoli immondi che l'oscurano meno.

Lo spazio, si dilati o s'annulli, sereno
Ruota tra fuochi vili testimoni nel tedio
Che s'è d'un astro in festa illuminato il genio.

"Il verginale, il bello..."

Il verginale, il bello e il vivace presente
Con un colpo dell'ala ebbra ecco ci spezza
Il duro lago obliato chiuso dal trasparente
Ghiacciaio di quei voli che mai seppero altezza!

Un cigno d'altri giorni se stesso a ricordare
S'abbandona magnifico, ma ormai senza rimedio
Per non aver cantato la plaga ove migrare
Quando già dello sterile inverno splenda il tedio.

Questa bianca agonia inflitta dallo spazio
Al collo che lo nega lo scuoterà di strazio,
Ma non l'orror del suolo dove sta prigioniero.

Forma che dona ai luoghi il suo candor di giglio,
Il Cigno senza moto nell'inutile esiglio
Si veste del disprezzo d'un gelido pensiero.

"Fuggito il bel suicida..."

Fuggito il bel suicida vittoriosamente
Tizzo di gloria, spuma sanguigna, oro, tempesta!
O riso se laggiù la porpora s'appresta
A parare fastoso il mio sepolcro assente.

Come! non un brandello più di tanto splendore
S'attarda, è mezzanotte, all'ombra della nostra festa
Eccetto che il tesoro sontuoso d'una testa
Versa la noncuranza dolce senza lucore,

La tua così per sempre delizia! sì la tua
Sola che in sé ritenga degli svaniti cieli
Un po' del fanciullesco trionfo, acconciatura,

Quando con chiarità la posi sui guanciali
Come un casco guerriero d'imperatrice infante
Da cui rose cadrebbero a esserti somigliante.

"Le pure unghie di onice..."

Le pure unghie di onice levando verso i cieli
L'Angoscia a mezzanotte sostiene, lampadofora,
Arsi dalla Feníce i sogni vesperali
Che non furono accolti da cineraria anfora:

Valve qui nella vuota sala io non discerno,
Abolito gingillo d'inanità sonora
(Poi che il Maestro attinge i pianti dell'Averno
Con questo solo oggetto di che il Nulla s'onora).

Ma accanto alla vetrata aperta al nord un oro
Agonizza seguendo l'araldico decoro
Di licorni avventanti fuoco contro un'ondina,

Ella, defunta ignuda dentro lo specchio china,
Ancor che l'oblio chiuso nel quadro presto forse
Fissi lo scintillio settemplice dell'Orse.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poeti francesi più letti

» Charles Baudelaire INNO ALLA BELLEZZA
» Jacques Prévert M’ HA FATTA L’ AMORE
» Charles Baudelaire SPLEEN E IDEALE 1 • BENEDIZIONE
» Jacques Prevert MAI PIU’
» Arthur Rimbaud ALBA
Gli ultimi Poeti francesi pubblicati

» Jacques Prevert MAI PIU’
» Edmond Haracourt PARTIRE E’ UN PO’ MORIRE
» Guy De Maupassant LA MORTA
» Colin Muset SIGNOR CONTE HO SUONATO LA VIELLA
» Guillaume Apollinaire LA MEDUSA
» Stéphane Mallarmé VENTAGLIO


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Vorrei ballare nuda sotto la fresca pioggia primaverile lasciarmi travolgere dalle gocce che bagnano il mio corpo, farmi inondare da ciò che il cielo mi manda così precipitosamente senza lasciarmi nessun tempo

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6543
» Autori registrati
3082
» Totali visite
10003079
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.