La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 499 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Bartolomeo Di Monaco
ULDERICO E LAURINA

Molti anni fa, subito dopo la guerra, quando le rovine e la miseria affliggevano ancora la gente, viveva a Montuolo - un grazioso paese vicino a Lucca - un uomo molto ricco, di nome Ulderico; aveva terre, case e denaro in gran quantit; durante la guerra si era ancora di pi arricchito, e correva voce che forse non vi era all'intorno alcuno che si potesse dire egualmente fortunato.
Lui lo sapeva, se ne gloriava e quando passava sul suo calesse godeva al pensiero della molta invidia che riusciva a destare.
In paese poteva dirsi il padrone.
Era per avanti con gli anni e da qualche tempo gli era venuto il desiderio di prendere moglie.
Donne ne aveva avute di ogni specie: bionde, rosse, brune, gialle, nere, grasse, magre. Tutti lo sapevano libertino, e quando in paese si voleva vedere una bella donna, non si doveva fare altro che appostarsi davanti all'uscio della sua casa.
I pi giovani si leccavano le labbra, assaporavano con la fantasia quei frutti proibiti.
Ma ora, forse per l'et, sentiva il bisogno di avere tutta per s una donna che lo accudisse, lo comprendesse, con cui confidarsi e alla quale dare la sua fiducia.
La voleva per anche giovane e bella, poich si sentiva ancora uomo vigoroso che poteva accontentare in tutto una giovane moglie.
Ne parl con gli amici. Alcuni gli davano ragione, poteva permetterselo per tanti motivi e soprattutto perch era ricco e ancora uomo piacente; altri cercavano di farlo desistere: prenditi la donna quando ne hai voglia e sceglila l per l secondo il piacere del momento, poi rimandala a casa sua. La moglie un impiastro, ti gira sempre intorno; e vuol sapere cosa fai, e vuol sapere dove vai, e quando nervosa e quando imbronciata e quando non la coccoli abbastanza, e quando non sei contento di lei. Insomma, un vero tormento che ti metti per casa, gli dicevano. Non sei pi libero di fare niente. gelosa se non la guardi abbastanza, ti fa cornuto se gli stai troppo addosso.
Ma Ulderico sentiva di averne bisogno e che non doveva essere quel gran male se era vero che la maggior parte degli uomini a questo mondo si sposa.
Preg gli amici di aiutarlo nell'impresa; li avrebbe ricompensati con molto denaro.
E gli amici si misero subito al lavoro; batterono il paese e la citt in cerca di una giovane che rispondesse ai desideri di Ulderico.
Anche lui si dette da fare, e occhiava tutte le pollastrelle che gli capitavano a tiro; ma questa gli pareva troppo vecchia, quella troppo grassa, quest'altra un po' civettuola, quell'altra troppo musona; insomma pi di trenta ne vide da s e pi di cinquanta furono quelle che gli portarono innanzi i compagni, snidate dalla citt e da tutta la campagna.
Finalmente ecco che un amico un giorno gli dice:
"Ulderico, oggi ti porto con me a conoscere la tua sposa."
"Ne ho viste tante e vedr anche questa, ma comincio a disperare di trovarne una come m'intendo io."
"Son sicuro che questa la volta buona, caro Ulderico, e ti giuro che se non fossi gi sposato, la giovinetta sarebbe la moglie ideale anche per me. Non ha ancora vent'anni, ha un musetto cos garbato da incantare perfino i serpenti, occhietti vispi e neri, e una figurina ben modellata da lasciarci piantati gli occhi, una di quelle statuine, ti dico, che ti metti l a girarle intorno e non ti stancheresti mai di rimirarla. Ma questa, a differenza, viva e vegeta, e mi hanno detto anche che sa fare di tutto in casa e se prende a ben volere il marito, gli si assoggetta come un cagnolino. Vieni con me Ulderico e non ti pentirai di avermi dato ascolto."
Immaginatevi l'anziano libertino a sentire tali descrizioni della ragazza!
Dette subito ordine di preparare il calesse e se ne part in tutta fretta con l'amico, diretto a un certo paese non molto distante da l.
La ragazza valeva davvero tanta premura. Era cos graziosa che si poteva senz'altro dire che nei dintorni ve ne erano pochissime come lei; soltanto che l'amico, d'accordo con gli altri compagni, voleva fare un bel tiro a Ulderico e la ragazza, per la verit, non era affatto quella sposa ideale che il poveretto cercava.
Aveva tanti mai corteggiatori (e quell'amico era uno di loro) che prima o poi a qualcuno aveva ceduto le sue grazie, e senza pentirsi, giacch la cosa le era piaciuta la prima volta e continuava a piacerle; furba come una volpe, pochi riuscivano a ingraziarsela se lei non voleva, ed erano rari quelli che le potevano stare alla pari in astuzia e malizia.
Sapeva fare la coccolina quand'era il caso, e sapeva farla tanto bene che sembrava quella la sua vera natura; tirava fuori le unghie, invece, quand'erano in gioco i suoi interessi; le piaceva il denaro ed era attratta dagli uomini che ne avevano.
Perci, quando l'amico corteggiatore le narr il proponimento di Ulderico e descrisse con dovizia di particolari le sue ricchezze, la leggiadra Laurina (questo era il suo nome) si offr di diventare la moglie tanto desiderata.
"Dovrai essere dolce come lo zucchero e remissiva come una schiava."
"Non trover di meglio a questo mondo, come vero che ricco sfondato."
Quando giunsero al paese, perci, trovarono Laurina bell'e preparata alla parte; infatti stava sciorinando dei panni appena lavati. Canticchiava e l'allegria la rendeva ancora pi bella.
Ulderico dapprima non volle farsi vedere; con l'amico la osserv di nascosto, e Laurina, da furba qual era, sapendosi rimirata, faceva certe moine che Ulderico usc da quell'appostamento stregato. Aveva il sangue alla testa e non vedeva l'ora di stringere tra le sue braccia quel corpicino delizioso.
In quattro e quattr'otto, senza perdersi in preamboli, si present alla ragazza e chiese di sposarla.
Laurina si finse sorpresa e vergognosa; divent tutta rossa e si nascose il viso con un fazzoletto che stava sciorinando al sole.
"Sono ancora troppo giovane. Eppoi i miei genitori non mi lascerebbero venir via di casa, ora che il mio aiuto indispensabile; sono cos vecchi..."
"Discorrer con loro. Aggiuster ogni cosa."
"Non sono certa di essere una buona moglie."
"Lo sarete, di questo garantisco io" intervenne l'amico.
"Certo che sarete per me una buona moglie. Me ne intendo io di donne" aggiunse Ulderico.
Dopo un tira e molla che dur per pi giorni (i genitori acconsentirono, naturalmente, ma Laurina dichiarava a bella posta di sentirsi indegna) venne combinato il matrimonio, che si celebr di l a pochi giorni con un grande accorrere di gente e soprattutto di tutti gli amici di Ulderico, che non vollero perdersi lo spettacolo da loro stessi preparato.
Ulderico, elegante e impettito, entr in chiesa con il solo pensiero di potersi poi godere quella mogliettina; Laurina con quello invece di mettere le mani su di un patrimonio che le avrebbe assicurato agiatezza e capricci.
"Questo vecchio rimbambito, so io come rigirarmelo" pens, mentre il prete benediceva le fedi nuziali.
Uscirono sotto una pioggia di riso, di grida, di applausi.
Gli amici confidarono a Ulderico di invidiargli quella sposa cos fresca e modesta. Fecero, strizzandogli l'occhio, qualche allusione alle gioie che lo sposo avrebbe assaporato quella prima notte.
Ulderico lasci intendere che in quel giorno non si sarebbe scambiato con nessun altro al mondo, tanto era felice.
La notte fu tale e quale Ulderico l'aveva immaginata.
La sposina non gli fece mancare proprio nulla, ed ora con il tale garbo, ora con la talaltra maniera, riusc a soddisfare in tutto e per tutto il consumato Ulderico, che fu lieto di trovarsi di fronte ad una giovane che mostrava di non avere alcuna inibizione.
"Mi aspettavo che tu fossi vergognosa" le disse ad un certo punto, ma lei fu subito lesta:
"Sei il mio adoratissimo sposo, che amo e che voglio far felice."
A Ulderico non pass per la mente dove e come quella pollastrella avesse imparato tanta arte e, da vero sciocco, credette che fosse una felice combinazione della sorte.
La mattina dopo spalanc le finestre e respir a pieni polmoni, tutto felice.
Qualche amico era gi sotto ad aspettarlo.
"Come va, Ulderico? E che lo domando a fare, si vede bene che stanotte non hai chiuso occhio."
"Una vera fortuna, Venanzio. Non mi poteva capitare una sposa migliore."
E infatti i primi tempi furono rose e fiori. I due erano visti sempre insieme a passeggio per il paese, una coppia davvero ben assortita. E quando lui era al lavoro, lei restava in casa a sfaccendare, batteva i panni e li stendeva alla finestra, e spazzava, rifaceva i letti, preparava il desinare, accudiva al bel giardino.
Le notti poi, furono tutte tali e quali alla prima.
Ulderico si sentiva come stregato dalla donna; ogni volta che la sera gli stava accanto, il sangue si rimescolava, e avvertiva di non poter pi fare a meno di lei.
In questo modo Laurina, a poco a poco, lo ebbe in pugno; le sue grazie la resero padrona anzich schiava e bastava che lei mettesse il broncio per un rimprovero dello sposo, che questi subito cercava in ogni modo di riparare. Le si faceva intorno e non smetteva di piagnucolare finch la donna non lo aveva perdonato.
Erano queste le migliori occasioni per farsi regalare i doni pi desiderati: preziose collane, vestiti, anelli, bracciali, gite di piacere nei posti pi belli del mondo, anche luoghi lontani. A volte stavano fuori per mesi e nessuno sapeva dove fossero andati.
Pass qualche anno e Laurina si era gi levata molti capricci; Ulderico non aveva pi potere su di lei, anche se credeva di averne.
Quel corpicino desiderato lo rendeva il vero schiavo dei due.
Laurina pens quindi giunto il momento di ricominciare ad avere qualche amante; ricordava il tempo in cui un bell'uomo la faceva innamorare e torn a cercarne, cominciando da quegli amici di Ulderico che gi l'avevano conosciuta.
Oh, seppe fare tutto cos bene di nascosto che nessuno sospett mai di nulla!
Ancora andavano in giro insieme i due sposi; ancora, anche se pi di rado, Ulderico aveva le sue notti di soddisfazioni.
Gli amici che si trovarono favoriti dalla bella Laurina, lodavano in cuor loro il giorno in cui avevano avuto l'idea di dare in sposa la giovane al vecchio Ulderico. Ora non dovevano andare lontano per spegnere i loro ardori amorosi!
Trascorsero altri anni, e mentre Ulderico invecchiava a vista d'occhio, Laurina si faceva sempre pi bella e si accresceva il numero dei suoi corteggiatori.
Ora non si nascondeva pi ed era successo anche che s'era portato in casa l'amante, mentre il vecchio era fuori per affari.
Accadde cos che un giorno Ulderico scopr la tresca.
Dapprima la sospett, incontrando qualche volta al cancello uno o l'altro dei suoi amici che usciva da casa sua.
Qualche saluto furtivo, qualche scusa che apparve posticcia al vecchio, ed ecco che un giorno qualcuno con una confidenza apr definitivamente gli occhi a Ulderico.
Non fatic nemmeno molto ad ottenere la confessione di Laurina, anzi questa al primo brontolio del vecchio ammise tutto quanto.
"Cosa credevi?" rispose inviperita "che mi accontentassi d'un uomo vecchio come te? Guardami, sono molto pi giovane e sono ancora bella; ho anch'io i miei diritti. Si vive una volta sola, caro il mio Ulderico."
"Bada a come parli."
"Parlo, parlo e so quel che dico. Ti faccio mancare forse qualcosa? Hai da lamentarti come marito, o invece non anche troppo quello che ti do?"
Sapeva Laurina che tanto l'uomo l'aveva ben accalappiato con le sue moine e quel che gli dava era pi che bastevole, e Ulderico ormai non ne poteva pi fare a meno.
"Se non ti va, bisogna che ti accontenti" concluse.
Il vecchio, che diveniva color paonazzo dalla bile, non ebbe mai il coraggio di dirle che la scacciava di casa e che poteva tornarsene al suo paese a fare la sgualdrina.
Si sentiva attaccato a lei, avvinghiato dalla lussuria.
Dove avrebbe trovato, alla sua et, una donna tanto bella, che si sottomettesse ai suoi capricci amorosi?
Cos, dopo i primi mesi in cui era scontroso, brontolone, sempre corrucciato, Laurina, con moine e scherzi sapientemente dosati, riusc ad accattivarselo di nuovo; lui le sorrise e da quel giorno lasci correre, non dette pi ascolto alle chiacchiere, ai pettegolezzi e pens che in fondo in fondo era meglio far finta di niente.
Laurina, per qualche diavoleria, era intanto diventata ancora pi bella; vivace nel carattere, furba e attenta, aveva guadagnato nel corpo una bellezza procace, in cui l'occhio del lussurioso riusciva a perdersi in sogni, in smanie. Quando usciva per strada, tutti gli sguardi erano per lei, e Laurina sembrava gustarli uno ad uno, misurarne il calore, l'intensit sul suo corpo.
Ulderico dovette sopportare ancora di pi e un giorno, lui in casa, dovette far finta di niente quando Laurina si chiuse in camera con l'amante!
Divenne a poco a poco una cosa normale, un'abitudine quasi giornaliera.
Qualcuno ora lo salutava chiedendo notizie della moglie: "Come sta Laurina, sempre in gamba, eh?" e Ulderico vi leggeva l'intenzione, l'ammiccamento.
Ma come poteva liberarsi da quella incresciosa situazione?
Gli amici ormai lo schernivano:
"Ma che dici Ulderico! Ti lamenti di Laurina, ma se tutto il paese ne parla cos bene!"
" una donna che ha molte qualit."
"Non dice mai di no al prossimo. sempre pronta a donare."
Una notte Ulderico non rientr a casa; malinconico, scoraggiato, trov una camera in una locanda lontana dal suo paese, e l certe volte prese a fermarsi.
Tentava di liberarsi della donna; starne lontano forse gli avrebbe giovato a prendere una decisione. Per non durava molto il tentativo, poich l'uomo si sentiva diabolicamente legato a quelle arti amorose.
E cos una notte torn precipitosamente a casa, ma trov il suo posto occupato.
"Tornatene da dove sei venuto" gli grid da dietro la porta Laurina.
La mattina dopo ci fu una bella sfuriata.
"Maledetta sgualdrina. Sei la mia rovina, mi farai crepare anzitempo."
E lei zitta, e ogni tanto:
"Hai finito? Cos impari a star fuori la notte; che credevi, che non avessi qualcuno da farmi scaldare il letto?"
"Tu sia maledetta e sia maledetta questa casa" concluse gridando Ulderico.
E da quel giorno non usc pi di casa; si arred una stanza tutta per s e vi si rinchiuse giorno e notte.
A Laurina non parve vero. Si sent autorizzata a far tutto ci che voleva. E lo fece.
Ulderico si ammal presto; e una sera, che era l'ultima della sua vita, mentre Laurina, con accanto l'amante, si era chinata su di lui per sentire se ancora respirava, lo ud bisbigliare:
"Non ti dar pace, sgualdrina. Per il resto della tua vita, ti far ricordare di me."
Detto questo, spir, mentre Laurina con un'alzata di spalle si riportava in camera il compare.
Dopo qualche tempo, cominciarono ad accadere cose strane in quella casa.
Chi c'era stato e aveva visto raccontava che, mentre egli se ne stava in camera con Laurina, ad un tratto si udivano dei rumori, poi dei passi nel corridoio ben distinti, si apriva la porta della stanza, ma nessuno compariva; i due disgraziati restavano seduti sul letto con gli occhi sbarrati dalla paura; qualcuno strappava loro le coperte e sghignazzava, finch l'amante, alla fine, non scappava mezzo nudo e terrorizzato.
Solo Laurina restava come inebetita, ricordando le parole del vecchio.
Il fatto si ripet molte volte e cos tutti seppero che Ulderico tornava la notte a vendicarsi.
Laurina dapprima non si rassegn; visit fattucchiere e stregoni in cerca di un rimedio alla sciagura, ma quando i giovani l'abbandonarono e non vollero pi saperne del suo letto, si vide davvero disperata.
Si adatt ai pi anziani, poi ai vecchi soli che non avevano donne da frequentare. Ma anche a questi accaddero quegli straordinari eventi e non resistettero a lungo.
Per farla corta, Laurina fu costretta a vivere sola, e ogni sera a sentirsi comparire dinanzi l'invisibile presenza, che la tormentava coi dispetti e le paure pi atroci.
Ne mor; e c' chi dice che quel pomeriggio Ulderico apparve come in carne ed ossa, le si accost e mentre Laurina emetteva l'ultimo respiro, qualcuno lo sent esclamare:
"Finalmente!"
Da quel giorno, nessuno abit pi la vecchia casa.
Chi ci aveva provato, raccontava di aver sentito per le stanze muoversi come un filo d'aria e percepito degli strani bisbigli.
Altri sostennero, invece, che con la morte di Laurina, Ulderico se n'era andato per sempre; tuttavia non una sola persona ebbe pi il coraggio di mettervi piede.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Tante volte ho sospeso il solitario piacere per attendere te, donna, in amplesso amoroso; ma faticosa la cura di doverti cercare; troppa paura di stare per te esclusivo.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9977765
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.