La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 29, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 764 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Iridina e il mare


C'era una volta un raggio di sole che era innamorato di una goccia di pioggia. Un pomeriggio d'estate il cielo si oscur e il sole fu costretto a rimanere nascosto dietro una nuvola.La pioggia cominci a scendere, goccia dopo goccia.
Il raggio di sole, riconoscendo la goccia di cui era innamorato, decise di uscire allo scoperto e di manifestarle il suo amore.
Allora, la luce e la goccia si abbracciarono e dal loro incontro nacque
un meraviglioso arcobaleno chiamato Iridina.
Tutte le creature ammiravano quel fascio di strisce colorate e si complimentavano con il cielo che, avendola creata,non poteva essere obiettivo con lei e non poteva giudicare la sua bellezza.
Anche Iridina era curiosa di vedersi e di conoscere la propria immagine ma non aveva uno specchio e non sapeva come guardarsi.
Non vedeva i suoi sette colori cos come si mostravano nel cielo, uno accanto all'altro, e non riusciva a capire di che colore fosse veramente la sua anima.
I sette colori si tenevano per mano ma spesso litigavano tra di loro per cercare di convincere Iridina: "Sono io che ti rendo cos bella, Iridino- esclam l'indaco-quindi la tua anima deve per forza avere il mio colore".
"No, ti sbagli , sono io che coloro la tua immagine"- ribad l'arancione.
"Ma cosa state dicendo-grid il rosso-sono io il colore pi vivace".
E cos gli altri colori.
Iridina si stanc e volle sapere con certezza qual era il colore della sua anima.
Lei amava l'indaco ed era convinta che la sua anima fosse di quel colore ma senza uno specchio non poteva averne certezza.
Allora, decise di andare in giro per il mondo alla ricerca della sua vera identit finch un giorno incontr un'onda del mare: "Iridina, cosa cerchi?".
Rispose l'arcobaleno: "Non riesco a capire chi sono e come sono. Non ho uno specchio e non posso vedermi".
Allora il mare rispose : " A cosa ti serve uno specchio?Non hai gi deciso tu chi sei?
Anche se tu avessi uno specchio vedresti solo la parte di te che vuoi vedere ma il resto rimarrebbe nascosto ai tuoi occhi. Cos se sei convinta che il colore della tua anima sia l'indaco, vedrai la tua immagine di quel colore, se invece sei convinta che la tua anima sia arancione la vedrai cos".
"Come posso fare, allora, per capire come sono veramente?"-disse Iridina, sconsolata.
Il mare le sugger: "Noi siamo lo specchio degli altri e gli altri sono il nostro specchio. L'importante guardare e lasciarsi guardare. E' da questo sguardo reciproco che ognuno di noi si arricchisce. Lasciati guardare e vedrai come ti vedono gli altri".

Domand Iridina: "E se mi accorgessi che la mia anima non ha il colore indaco? O se scoprissi che non ha un solo colore?E se non mi piacessi cos come veramente sono?".
Il mare la rassicur: "Non bisogna mai temere di mostrarsi agli altri cos come siamo, con le nostre debolezze e le nostre paure. Specchiati pure negli altri e parla e chiedi ma lasciali anche parlare e rispondere. Accetta o rifiuta quello che hanno da dirti ma lascia che esprimano le loro opinioni.Incontrati o scontrati se necessario ma rispetta sempre i pensieri che non sono uguali ai tuoi".
Il mare la mise alla prova e la invit a specchiarsi in lui.
Iridina si specchio nell'acqua e rimase delusa. L'onda era in movimento e l'immagine dell'arcobaleno riflessa in quell'acqua appariva deformata.
No, non sono cos- si allarm Iridina.
Allora il mare la rimprover:"Non ti ho forse detto di accettare e rispettare i punti di vista degli altri?
E poi,io non ho affermato che sei cos .Ti ho fatto vedere come tu appari ai miei occhi. Io sono in movimento e vedo la tua immagine contorta. Se ti specchi in me quando non sono agitato ti vedr diversamente. Controlla pure".
Allora il mare chiese al vento di calmarsi per un istante.
Iridina si specchio di nuovo nell'acqua e per riflesso guard meglio se stessa : al posto di quell'immagine deformata vide un meraviglioso arcobaleno e scopr che la sua anima aveva sette colori diversi.

A volte, bisogna avere il coraggio di specchiarsi negli altri con il rischio o la piacevole sorpresa di scoprire colori o forme che non avevamo visto prima o che non sapevamo di avere.



Caterina Famularo


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Felicit un motorino che non si ferma mai

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6542
Autori registrati
3081
Totali visite
9956187
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.