La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
» Più lette
» Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
» Disegni
» Sito Poesia
» In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
» Nome » E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: dicembre 20, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 6426 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Charlie Chaplin, Dal film Il grande dittatore

DISCORSO ALL’ UMANITA’

Mi dispiace, ma io non voglio fare l’imperatore.
Non voglio né governare né comandare nessuno.
Vorrei aiutare tutti:
ebrei, ariani, uomini neri e bianchi.
Tutti noi esseri umani dovremmo unirci, aiutarci sempre,
dovremmo godere della felicità del prossimo.
Non odiarci e disprezzarci l’un l’altro.
In questo mondo c’è posto per tutti.
La natura è ricca e sufficiente per tutti noi.
La vita può essere felice e magnifica,
ma noi l’abbiamo dimenticato.
L’avidità ha avvelenato i nostri cuori,
fatto precipitare il mondo nell’odio,
condotti a passo d’oca verso le cose più abiette.
Abbiamo i mezzi per spaziare,
ma ci siamo chiusi in noi stessi.
La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà,
la scienza ci ha trasformati in cinici,
l’abilità ci ha resi duri e cattivi.
Pensiamo troppo e sentiamo poco.
Più che macchine ci serve umanità,
più che abilità ci serve bontà e gentilezza.
Senza queste qualità
la vita è vuota e violenta e tutto è perduto.
L’aviazione e la radio hanno avvicinato la gente,
la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà dell’uomo,
reclama la fratellanza universale.
L’unione dell’umanità!
Persino ora la mia voce raggiunge milioni di persone.
Milioni di uomini, donne, bambini disperati,
vittime di un sistema
che impone agli uomini di segregare,
umiliare e torturare gente innocente.
A coloro che ci odiano io dico: non disperate!
Perché l’avidità che ci comanda è soltanto un male passeggero,
come la pochezza di uomini che temono le meraviglie del progresso umano.
L’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori.
Il potere che hanno tolto al popolo, al popolo tornerà.
E qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa.
Soldati! Non cedete a dei bruti,
uomini che vi comandano e che vi disprezzano,
che vi limitano, uomini che vi dicono cosa dire,
cosa fare, cosa pensare e come vivere!
Che vi irregimentano, vi condizionano,
vi trattano come bestie!
Voi vi consegnate a questa gente senza un’anima!
Uomini macchine con macchine al posto del cervello e del cuore.
Ma voi non siete macchine!
Voi non siete bestie!
Siete uomini!
Voi portate l’amore dell’umanità nel cuore.
Voi non odiate.
Coloro che odiano sono solo quelli che non hanno l’amore altrui.
Soldati, non difendete la schiavitù,
ma la libertà!
Ricordate che nel Vangelo di Luca è scritto:
«Il Regno di Dio è nel cuore dell’Uomo».
Non di un solo uomo,
ma nel cuore di tutti gli uomini.
Voi, il popolo,
avete la forza di creare le macchine,
il progresso e la felicità.
Voi, il popolo,
avete la forza di fare si che la vita sia bella e libera.
Voi che potete fare di questa vita una splendida avventura.
Soldati, in nome della democrazia, uniamo queste forze.
Uniamoci tutti! Combattiamo tutti per un mondo nuovo,
che dia a tutti un lavoro,
ai giovani la speranza,
ai vecchi la serenità
ed alle donne la sicurezza.
Promettendovi queste cose degli uomini sono andati al potere.
Mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno.
E non ne daranno conto a nessuno.
Forse i dittatori sono liberi perché rendono schiavo il popolo.
Combattiamo per mantenere quelle promesse.
Per abbattere i confini e le barriere.
Combattiamo per eliminare l’avidità e l’odio.
Un mondo ragionevole in cui la scienza ed il progress
o diano a tutti gli uomini il benessere.
Soldati! Nel nome della democrazia siate tutti uniti!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft L’ESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA’ 3
» Saint Germain PENSARE E’ CREARE 5
» SAINT GERMAIN L’Autorità 12
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» Preghiera alla Luna
» Davide Zocca- Vercelli
» Giovanni G. A. Tozzi - Monologo di un macigno
» La nostra vita segreta
» L'aquilone
» monik elena _ io e te


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Quando ascolto questa musica comprendo che nel intimo profondo di noi esseri umani, qualcosa di divino e' presente, e' in quel aureo luogo,

    Statistiche generali
» Pubblicazioni
6755
» Autori registrati
3226
» Totali visite
14975488
» Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.