La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 1163 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Aiuto, ridatemi la pace, ho saputo che tra un po' si vota, ho
visto mucchi di spazzatura con tanto di etichetta DOC
"destra" e "sinistra". Di Pietro, i miei
ultimi ricordi lo vedevano trionfante in toga inchiodare alle
loro responsabilit gli "intoccabili", non pi il
PM implacabile ed adamantino come Cristallo di Rocca ma anzi ha
rischiato di finire lui stesso sul banco tra i corrotti e i
corruttori. Ora sembra che gli italiani siano divisi tra quelli
che lo credono innocente e quelli che sono convinti che il caro
Tonino sia solo un marpioncello terrone e poliziotto mancato. Ho
letto che alcuni giudici sono diventati imputati, che altri
invece si sono candidati , che Tizio accusa Caio di tradimento
mentre Caio accusa Tizio della stessa cosa. Tutta roba sempre
successa, nomi diversi, stesse situazioni.

Ma non questo che mi meraviglia, cose cos succedono da
sempre, n mi meraviglia che ci sia chi le scrive e chi le
legge.

Ma non vale la pena di parlare di questo, si finirebbe per
ripetere le stesse banalit che si sentono al bar tra persone
che ingannano le ora in attesa che la notte ponga una pausa alla
noia di vivere. C', per, un fatto che mi ha colpito, qualcosa
che mi pare nuovo e mi riferisco al caso Pacciani. In passato,
ogni fatto clamoroso di cronaca, specialmente quando riguardava
questioni di violenza sessuale, mobilitava subito l'interesse e
il popolo italiano si divideva in sostenitori dell'innocenza o
della colpevolezza dell'accusato. I primi dicevano che il
presunto colpevole era un'ottima persona, padre rispettabile e
integerrimo cittadino mentre l'opposta fazione sosteneva
trattarsi di un mostro perverso e crudele. Oggi, per il caso
Pacciani, gli schieramenti opposti sostengono tesi che sono molto
pi raffinate. Nessuno sostiene che Pacciani sia un padre
modello, un integerrimo cittadino che non pu aver commesso i
fatti, ma i contendenti sono divisi tra chi sostiene che un
essere cos perverso sicuramente colpevole di qualsiasi cosa
mentre gli altri sostengono che un conto abusare delle figlie
piccole, fare orge, e avere un'attivit sessuale senza limiti e
un altro andarsene in giro a uccidere coppiette.

Questo atteggiamento mi ha fatto riflettere e mi sono messo a
riguardare le altre cose cercando di capire quanto di nuovo mi
fosse sfuggito nell'atteggiamento degli italiani in questi ultimi
anni.

Il fatto di essere rimasto isolato dal flusso degli eventi per
tutto questo tempo, mentre mi ha fatto sentire un marziano ogni
qualvolta che qualcuno faceva un riferimento a qualcosa che
sembrava fosse nota a chiunque, mi ha dato il vantaggio di
accorgermi che ci sono dei cambiamenti in corso.

Forse si tratta solo di alternanze di cicli come quelli che
allargano e stringono le maglie della censura e non c' nulla di
veramente nuovo, ma forse qualcosa c'.



Talvolta, qualcuno dei miei studenti mi chiede un parere su
quello che la TV ha detto a proposito di Internet. Ovviamente non
avendo TV cerco di sapere dal mio interlocutore, che uno
studente di informatica, l'argomento su cui vuole il mio parere,
solitamente ricavo un racconto confuso, del tutto improbabile e
rinuncio a dare un qualsivoglia parere.

L'ipotesi che i giovani di oggi siano poco capaci a raccontare
con chiarezza quello che hanno visto e ascoltato caduta quando
ho visto l'abbondanza e la qualit dei riferimenti a Internet
che si fa sulla stampa sia quotidiana, sia settimanale dove gli
argomenti solitamente sono trattati con minore superficialit.

Qualcuno, giorni fa voleva convincermi che tra non molto i
computer costeranno pochissimo perch non avranno pi bisogno
del disco fisso perch con Internet non ce n' sar pi
bisogno. Aveva fatta sua una tesi sentita in TV e non si trattava
di una trasmissione dove solitamente fanno a gara a dire le cose
pi demenziali. Non ne parlerei qui se non fosse che questi
discorsi venivano da informatici e quindi c' molto mito da
sfatare anche tra noi.

Cominciamo col dire che nel costo di un computer il disco fisso
non incide mai pi del 10/15% del costo complessivo, quindi non
vedo come togliendo un disco fisso il costo di un PC dovrebbe
diventare irrisorio. Ma anche volendo ammettere, per assurdo, che
questo fosse possibile, mi domando quanto mi costerebbe avere un
disco su Internet visto che io uso il PC non meno di otto ore nei
giorni feriali e il doppio nei festivi e prefestivi. Inoltre,
come la mettiamo con il transfer rate di un modem che, nell'ora
di punta, quando si tenta di fare un download di un file scende a
pochi byte al minuto? Infine di quanti terabyte dovrebbero essere
la capacit dei dischi del server che dovranno servire
50/100.000 utenti? E' nemmeno si pu ipotizzare che gli utenti
si collegheranno in ore diverse perch tutti, dal momento in cui
accendono a quello in cui spengono dovranno restare connessi con
Internet da cui dipendono per funzionare. Questo significa anche
che ci vorr una linea telefonica dedicata al PC altrimenti in
casa nessuno potr pi fare o ricevere telefonate. Ma non
finita, come la mettiamo con i programmi utilizzati? Se questi li
mette a disposizione il provider, i produttori di software si
troveranno un mercato ristretto a poche decine di clienti che
concentreranno un tale potere dalle conseguenze inimmaginabili.
Inoltre, chi garantisce l'integrit dei dati degli utenti, come
potr essere salvaguardata la loro riservatezza dall'intrusione
di estranei?

E' vero, stato detto che questo non per subito, che ci
vorr del tempo. Allora se la mettiamo in questi termini e non
poniamo limiti alla fantasia sono possibili tante altre ipotesi
pi plausibili di questa per le quali vale la pena di prepararsi
per tempo.

Ma ci sono ancora cose pi attuali da dire che invece vengono
trascurate perch non sono cos stimolanti come dire che i
provider di Internet sono alla disperata ricerca di abbonati, che
gli investimenti fatti sono tali da mettere a repentaglio la loro
esistenza a breve e medio termine, che per ora tutto fumo e
niente arrosto.

Sissignori, le cose stanno proprio come dico io, Internet si sta
rivelando un gran fisco almeno qui da noi. Non mi baso su dati
ufficiali o meno provenienti da societ specializzate che
nemmeno credo esistano, non ho fatto inchieste, mi sono limitato
a chiedere ai miei amici, informatici da sempre, che uso fanno di
internet. Molti hanno fatto una capatina nel cyberspazio ma poi
hanno abbandonato. Mentre alcuni ritengono che la perdita di
tempo che comporta una ricerca su Internet non ripaghi, una
esigua minoranza usa regolarmente Internet traendone reali
vantaggi per il proprio lavoro.

Ma la cosa pi importante non l'ho ancora detta, molti hanno
trovato complicato il rapporto con Internet e hanno abbandonato
pur riconoscendone l'indubbia utilit.

Ora, se un informatico esperto, ammettiamo pure poco motivato,
trova complicato muoversi per Internet, cosa sar mai di un neo
utente che non ha mai confrontato la sua intelligenza con quella
di un PC, un neo utente che non sia stato frustrato
dall'astrusit con la quale risponde un PC e non sia stato
attraversato da dubbi sulle sue capacit cognitive?

Allora ho sentito qualche amico che dall'informatica toccato
solo di striscio e che si dotato di PC anche per andare per
Internet, bene qui la situazione drammatica c' chi ha
tentato per mesi di collegarsi utilizzando gli abbonamenti che si
vendono in edicola senza essere riuscito ad altro che a
raddoppiare il costo della bolletta telefonica, a complicare i
rapporti con i figli che per qualche mese non hanno pi avuto
accesso al telefono di casa e ad accumulare seri dubbi sulle
proprie capacit. Eppure a leggere sui giornali sembra che
andare per Internet sia lo sport pi diffuso in Italia, sembra
che le casalinghe oramai cucinino solo ricette prese da Newsgroup
di Alta Cucina e che trascurino la pulizia della casa perch
passano tutto il tempo a corrispondere con colleghe di tutto il
mondo, o a studiare le FAQ che l'MTI, il mitico istituto di
tecnologia americano, mette a disposizione di grandi e piccini.



Infine, da qualche giorno sono stato assalito da un dubbio che mi
spinge a tornare al pi presto al riparo dall'informazione.

Ogni volta che la stampa, la radio, la televisione si occupano di
qualcosa che conosco bene, riscontro che lo fanno in modo confuso
se non addirittura sbagliato. Allora mi sono chiesto se tutto le
informazioni vengano trattate con la stessa imprecisione. Nel
corso di una teleconferenza ho esposto ad amico utente di
internet, valente medico e altrettanto valente informatico, i
miei dubbi. Bene, lui mi ha confermato che anche quando si
trattano argomenti medici di cui lui esperto, l'informazione
errata la regola e la verit l'eccezione.


Felice Pagnani - L'UOMO E L'INFORMATICA - maggio 1996 - Micro
& Personal Computer



 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» SAINT GERMAIN LAutorit 12
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» Preghiera alla Luna
» Davide Zocca- Odio l'nfibulazione ( English )
» Giovanni G. A. Tozzi - Monologo di un macigno
» La nostra vita segreta
» L'aquilone
» monik elena _ io e te


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Con Bolffio Con traduzione Mi e Bolffio, de fazza un de l'altro, col bianco de la tovia in mezo, su i goti e el fiasco in fianco, parlemo insieme. Bolffio de 'na piazza de Gorzia el me conta,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6778
Autori registrati
8035
Totali visite
17688067
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.