La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 20, 2016 | Da: IlariaAnima
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 828 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
IlariaAnima

Abbassa la voce, ti sentoanche se parli un po pi piano.
E non stringermi i polsi, mi fai male.
Non negarlo,
non la prima volta che ti accanisci contro di me.
So dove vuoi andare a parare:
quell'uomo solo un collega di lavoro,
quando ci hai visti insieme eravamo in pausa pranzo,
stavamo andando a prendere un caff.
Ma non lo vedi? Questa gelosia ti uccide.
e sta uccidendo anche me.

Abbassa la voce e lasciami, che mi fai male!
La bambina dorme.
Ricordi? La gioia nell'attenderla,
la frenesia nel comprare le tutine, le scarpette,
l'ansia durante il travaglio,
tu che la attendevi eccitato e preoccupato
nel sentirmi strillare in sala parto,
il dolore lancinante e l'immensa felicit nel vederla nascere.
I suoi occhi diventarono fin da subito ragione di vita per noi.
Ed in quegli occhi,
che io trovo la forza per andare avanti.
Non voglio che lei pensi male di suo padre,
una volta cresciuta.
Non dovr mai sapere del male che mi hai fatto.
Non deve sapere dei lividi sul mio corpo
e neanche della coltellata di un anno fa.
Non voglio dipinga suo padre come un mostro,
perch tu non sei un mostro, vero?
E adesso? Perch mi hai dato un pugno?
Solo perch straziata dal dolore,
sto sfogando il mio malessere?

Abbassa la voce, ti prego.
La nostra vicina sta bussando,
sono le due di notte e la gente vuole dormire.
Aprile, dille che va tutto bene,
che non mi stai facendo del male.
E' solo una piccola discussione,
una piccola incomprensione, una delle tante
e che terminer con noi due nel letto,
che facciamo l'amore.
Aspetta, prima di aprire la porta,
lascia che io pulisca
queste gocce di sangue da terra.
Non voglio che le veda.
Ti ho preso un regalo, sai? Va a vedere, l nell'armadio.
Era un regalo per il tuo compleanno, che tra due giorni.
nella scatola rossa, puoi prenderlo. un album
con le nostre fotografie.
Contiene attimi vividi di noi,
istanti di felicit, momenti in cui ci amavamo ancora,
perch tu non mi ami pi...vero?

Abbassa la voce, ti chiedo
e ti prego, lasciami!
Basta con gli schiaffi!
S lo so, so che non ti importa
di quel regalo.
Okay, ti ho mentito. Lo ammetto.
Quell'uomo non solo il mio collega di lavoro,
il mio migliore amico.
Gli avevo chiesto di accompagnarmi
a scegliere il tuo regalo,
avevo bisogno di un consiglio da uomo,
un supporto.
Volevo stupirti. Eravamo fuori dal negozio
di fotografia, quando ci hai visto.
Che c'? Non mi credi?

Abbassa la voce, te ne prego,
la vicina ha gi chiamato i carabinieri.
A momenti arriveranno.
So che non hai paura, so che sei arrabbiato.
Ti chiedo scusa.
E non dirmi che sono una troia.
Non ho mai smesso di amarti,
anche se avevo tutte le ragioni per farlo.
E ora che fai? Perch mi butti sul letto? Vuoi far l'amore?
E adesso? Perch hai preso il cuscino?
Fermo! Calmati. Rifletti.
Pensa a ci che abbiamo passato,
agli ostacoli superati,
alle battaglie vinte.
Non ci siamo mai arresi.
Ho rinnegato i miei genitori,
la mia famiglia, pur di averti accanto.
Ricordi? Non gli andavi a genio.
Ma io ero accecata dall'amore
e ora sono accecata da te.
Prima di farlo per aspetta, ho una cosa da dirti:
tra poco, quando sar tutto finito,
va da Chiara, nostra figlia,
falle una carezza e dille che sua madre
la ama tanto. E anche se non potr mai pi rivederla
dille che sono accanto a lei e che ci sar sempre.
Prenditi cura di lei, affinch ti ami
e sappia che suo padre non un mostro.

Abbassa la voce ora...me ne sto andando.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
pensieri all'alba

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6549
Autori registrati
3084
Totali visite
10013593
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.