La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 701 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
I sogni non muoiono all'alba

La macchina correva veloce sull'asfalto bagnato. La grande arteria che porta fuori Torino si snodava nell'ampio viale alberato, lasciandosi alle spalle i grossi alveari della periferia. Dal finestrino aperto, l'aria fresca della notte recava l'odore della pioggia recente che si mescolava con quello della sigaretta accesa, un puntino rosso nel buio. Tra una boccata e l'altra, Bruno parlava, parlava... raccontava di s della sua vita in Sicilia, dei suoi amici e soprattutto delle sue amiche. Donne e ragazze, anche ragazzine, che lo avevano voluto, che si erano buttate tra le sue braccia e lo avevano coinvolto in storie brevi o lunghe. Ma lui non voleva legami, non gli interessava una vita normale, scandita da lavoro, casa, famiglia. Dalla vita voleva di pi: emozioni e sensazioni sempre nuove, libert di essere se stesso, sempre.
Con le sue parole, avvalorava la sensazione che Luciana aveva avuto dal primo momento che lo aveva incontrato: era un giovane diverso dagli altri, quasi narcisistico. Attraente come pu esserlo un giovane siciliano dalla carnagione chiara, con il volto ombrato da un velo di barba e gli occhi scuri e vivaci dietro gli occhialini da intellettuale, il corpo prestante ed efebico nei jeans aderenti, in contrasto con i capelli leggermente spruzzati d'argento, si lasciava amare, lasciava alle donne l'iniziativa, lui si limitava a guardarle con quello sguardo lontano e languido, senza muovere un dito, come aveva fatto con lei.
E Luciana era quasi impazzita, quella mattina, disorientata dal suo comportamento.

Era arrivato da Palermo per conoscerla personalmente, dopo circa due settimane che si incontravano ogni sera su una chat, ma in Internet le aveva dato tutt'altra impressione.
Nella stanza della poesia di C6 avevano incominciato a dialogare e poi avevano proseguito in una finestra privata, scoprendo di avere in comune una necessit quasi fisica di allontanarsi dalla realt per vivere il sogno, l'illusione, la fantasia, i desideri irrealizzabili della vita. Ogni sera si davano appuntamento in rete, improvvisavano versi e mettevano a nudo il proprio animo, scoprendone le pieghe pi segrete, in un'atmosfera complice e intrigante, che li avvolgeva in un alone magico. Ben presto quest'intimit romantica cominci a evolvere in un sottile gioco allusivo e sensuale, mantenendosi sempre su un piano poetico che coinvolgeva Luciana sempre pi e le faceva apprezzare la delicatezza d'animo di Bruno e anche una certa timidezza nel dichiarare apertamente l'attrazione che provava per lei. Era Luciana a incoraggiarlo, conducendo il gioco su un terreno sempre pi concreto, eccitata dal pensiero di avere a che fare con un ragazzo introverso e senza molta esperienza: proprio quello che ci voleva, dopo la sua separazione da un marito anche troppo esperto e donnaiolo, che l'aveva fatta tanto soffrire
Non aveva osato dichiarare la sua vera et. Si era regalata dieci anni e anche cos ne aveva sempre nove pi di Bruno, che non aveva ancora compiuto 28 anni.. Ma lui era un'entit dietro lo schermo, era pura fantasia e non l'avrebbe mai scoperto. Invece una notte le disse che sarebbe venuto di passaggio nella sua citt per conoscerla personalmente.
Una lama sottile le trapass il cuore, mozzandole il respiro, ma ormai doveva assolutamente dirgli che non era una giovane signora, ma una donna, anche se ancora piacente e desiderosa di amare. Confess l'inganno, piangendo sul sogno svanito prima ancora di sbocciare. Non si aspettava che Bruno, dopo il primo momento di delusione e di rabbia, le dicesse che sarebbe venuto ugualmente. Ormai voleva conoscerla, perch intendeva comunque realizzare quel sogno.
Si prepar con cura all'incontro: gonna corta, giacca di pelle nera, tacchi alti che mettevano in risalto le sue gambe lunghe e slanciate. I capelli biondo-cenere scendevano morbidi sulle spalle accarezzandole le guance e gli occhi azzurri dietro le lenti brillavano di eccitazione, come una ragazzina al primo appuntamento.
Non si aspettava troppe effusioni, ma nemmeno lo sguardo frettoloso e superficiale che la sfior appena, quando alla stazione si riconobbero subito.
Delusa, lo accompagn all'albergo che gli aveva prenotato e, sotto lo sguardo sornione del portiere, sal con lui in camera. Anche qui non si aspettava certo che l'avrebbe assalita su due piedi, ma almeno uno sguardo complice, un'allusione alle loro serate romantiche e intriganti. In fondo, accompagnarlo in camera equivaleva a un invito...Invece, niente.
Non aveva fatto un gesto per sfiorarla, non un cenno per farle capire di desiderarla, non un bacio, nulla... Era uscita frustrata e delusa, convinta di non piacergli e chiedendosi come avrebbero potuto occupare senza troppo imbarazzo quei quattro giorni di permanenza nella sua citt. Elenc mentalmente chiese e musei, inclusi i palazzi pi rappresentativi della Torino barocca.
A casa, mentre riviveva quell'incontro, metteva in discussione tutto quello che credeva di avere avvertito in lui, in quelle notti magiche, ma che ora le sembravano frutto della sua fantasia... Eppure, le conversazioni in chat erano reali, quel feeling era esistito, eccome! E' timido, si diceva per darsi una spiegazione...e per continuare a sognare.

Ma quale timidezza? Mentre Luciana guidava, persa in questi pensieri, Bruno stava passando in rassegna le donne che aveva avuto, scherzava e ne parlava con distacco misto a compiacimento tutto maschile. Luciana scopriva un uomo totalmente diverso da come lo aveva immaginato, enigmatico e sfuggente, che le procurava una sottile inquietudine per il contrasto tra i discorsi da uomo vissuto e l'animo romantico e tenero rivelato in chat.
Nelle sue parole le sembrava di avvertire un tono di scherno. Sotto sotto sembrava voler dire: Vedi? Anch'io ti ho ingannato. Mi credevi un tipo ingenuo e timido, senza esperienza, invece ho avuto molte storie perch sono sensuale ed esperto e faccio bene l'amore, ...con tutte, ma non lo far con te, che mi hai mentito ...
In effetti, erano soli in macchina, diretti a Stupinigi, poco fuori Torino. La notte li avvolgeva nelle sue pieghe di velluto, illuminato a tratti dal chiarore pallido della luna. Bruno avrebbe potuto allungare una mano e sfiorarla... chiunque l'avrebbe fatto, anzi, avrebbe osato ben di pi. Ma non lui..
Lo ascoltava distrattamente, chiedendosi che cosa ci facesse l, con quello sconosciuto che le parlava dei suoi amori passati, come se lei fosse un essere neutro, asessuato, ormai fuori gioco, mentre invece era compiutamente donna, lo scopriva ora, e sentiva per la prima volta nella sua vita un desiderio prepotente e ingiustificato delle sue mani e della sua bocca su di lei.... Il che la irritava ancora di pi.
Ad un tratto, lattea, eterea, quasi irreale, ecco la sagoma della Palazzina di caccia, emersa come per incanto dalle ombre della notte. Accost la macchina davanti ad uno dei poderi che fanno parte della scenografia juvarriana racchiudendo come in uno scrigno la loro gemma pi preziosa.
Scesero dall'auto e percorsero in silenzio il breve vialetto che conduce al grande piazzale ghiaioso. All'improvviso, dietro gli alberi secolari che prima ne sfumavano i contorni, apparve quella che era stata la dimora di caccia dei Savoia, baciata dalla luna. La visione li lasci senza fiato: fari sapienti si riflettevano sui vetri delle finestre, accendendoli di una luce argentata, irreale. Sotto la fiera protezione del grande cervo di bronzo sulla sommit della cupola, la palazzina sembrava animata, acquistava vita. Non era difficile immaginarvi all'interno una grande festa da ballo dopo la caccia, sguardi arditi ed eccitati, complicit nascoste dietro grandi ventagli, baci furtivi rubati, alcove dove gli amanti si concedevano effimeri piaceri proibiti...
Bruno non si aspettava quella visione, sorta dal nulla, cos intrigante, e nemmeno Luciana, che pure era stata innumerevoli volte di giorno a Stupinigi, poteva immaginare un cos coinvolgente incanto notturno.
Con la gola chiusa dall'emozione, rimasero immobili, quasi rapiti. Le mani abbandonate lungo i fianchi si mossero all'unisono, si sfiorarono, si trovarono, si strinsero. Bruno le circond la vita con un braccio, prima dolcemente, poi con forza, facendola aderire a s e Luciana con un gemito si abbandon a quella sensazione di struggimento e di tenerezza che le fece socchiudere la bocca al suo bacio. E incontr la bocca pi calda e dolce che potesse mai immaginare, insistente, ma tenera, che l'accese di desiderio e di passione.
L, nell'incanto di quella notte, lo ritrov, ritrov quell'atmosfera magica che l'aveva avvolta in chat, facendola sognare. Bevendo sulle sue labbra le parole che Bruno le sussurrava, Luciana cap che per nulla al mondo avrebbe rinunciato a vivere quella nuova stagione d'amore che il destino le riservava e si sent perduta, perduta sulla sua bocca, sotto quelle mani esigenti che l'accarezzavano e la facevano gemere piano. Cap che lo voleva, come non aveva mai voluto nessuno prima, voleva sentirlo dentro di s, vederlo ansimare di desiderio, voleva con lui varcare ogni confine, ogni limite. Non importava quanto sarebbe durato. Si rendeva conto benissimo che con lui sarebbe stato tutto pi difficile, che il suo carattere chiuso e sfuggente l'avrebbe fatta soffrire, ma ormai, sotto quella crosta difensiva, Bruno le aveva fatto intravedere la tenerezza e l'abbandono di cui era capace e questo le bastava. Non le avrebbe detto le solite frasi, come fanno tutti, non l'avrebbe corteggiata per ottenere il suo amore. Luciana avrebbe dovuto intuire, pi che sapere, comprendere dai fatti, pi che dalle parole. Era il prezzo per averlo, un prezzo alto, ma era disposta a pagarlo per vivere quell'illusione oltre l'alba. Allacciati, ritornarono alla macchina per continuare a sognare insieme.

Lorenza Guidi


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ch l mica te giova esse sapiente; Nun giova avecce testa o ritintiva, Cor mare, si nun ci hai immaginativa, Te l'immagini sempre diferente. Ch l tu hai da rifrette co' la mente,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9983695
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.