La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 592 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Marco Pedonesi
ECLISSE DI LUNA

Milia era stata una bambina eccessivamente fragile. Fin dalla pi tenera et s'inquietava di niente; qualsiasi evento venisse a turbare i suoi affetti la metteva in uno stato di agitazione dal quale era difficile risollevarla: piangeva, si chiudeva in se stessa, non parlava con nessuno.
" nata con l'eclisse di luna" diceva talvolta la mamma per spiegare il comportamento bizzarro di quella figlia cos diversa dagli altri.
Una volta, ad esempio, fugg da casa per andare a cercare il cagnolino scomparso da un paio di giorni. La ritrov un amico di famiglia sulla via provinciale che, sconvolta, singhiozzava accarezzando la bestiolina morta sul ciglio della strada. Questi dovette portarla indietro con la forza e quando Milia fu a casa venne subito chiamato il medico, perch aveva la febbre alta, vaneggiava e non voleva pi aprire gli occhi.
Dopo qualche anno, avvenne che una sera il pap non rientrasse per la cena. La mamma e i fratelli non si erano preoccupati pi del necessario, dato che da un po' di tempo egli si tratteneva spesso nel laboratorio a sbrigare del lavoro arretrato e talvolta rincasava perfino a tarda notte.
Ma Milietta era pi inquieta del solito, perci quando fu l'ora di andare a letto, s'infil sotto le coperte senza riuscire a dormire.
Il pendolo dell'orologio, nell'anticamera, aveva suonato il tocco, poi le due del mattino, ma la ragazzina aveva ancora gli occhi spalancati: qualcosa di terribile fattosi strada nella sua fantasia le impediva di prendere sonno.
Infine, verso le quattro, sent dei passi trascinarsi a fatica lungo le scale del condominio, un lento ansimare seguito da gemiti ripetuti e sommessi, poi un tonfo sordo vicino alla porta di casa, come di un corpo pesante che si fosse lasciato d'un tratto cadere.
Milia si alz spaventata e di corsa si port nell'ingresso, dove esitante chiese: "Sei tu, babbo?" Ma solo dopo qualche secondo, lungo tuttavia un'eternit, ud pronunciare il proprio nome "Milietta" in un soffio quasi impercettibile che si andava spegnendo sull'ultima sillaba. La bambina apr allora la porta e nella penombra del pianerottolo vide il padre accasciato sul pavimento con i capelli intrisi di sangue.
Le sue grida richiamarono i famigliari e gli inquilini del piano di sopra, i quali accorsero chi in pigiama chi in vestaglia da camera. Qualcuno si precipit a chiamare il dottor Berti, ma per l'uomo non ci fu niente da fare: con una forza straordinaria si era trascinato quasi per istinto fino alla soglia di casa. E dopo poche ore spir senza neppure poter fare i nomi degli aggressori.
Da quel giorno Milia ricadde in una delle solite crisi, solo che questa volta il sistema nervoso, gi fragile, non resse e qualcosa, dentro di lei, si lacer per sempre.
Ogni ora che il tempo trascinava con s le rubava un po' della sua esistenza passata ed essa sembrava via via eclissarsi ai supplichevoli sguardi degli altri.
Non parlava mai Milietta, e se qualcuno le rivolgeva una domanda: non rispondeva che in modo indiretto, esprimendosi con frasi che per misteriose risonanze parevano uscirle senza intenzione. Inoltre, non guardava mai nessuno negli occhi, preferendo abbandonare lo sguardo verso entit ormai lontane, come vedesse intorno a s soltanto oggetti inerti, assorbita. da una specie d'involucro opalescente dal quale filtrava la luce appena necessaria onde distinguere forme e colori che fra l'altro non riuscivano mai a raggiungerla nella loro pienezza di corpi.
Solo Dod riusciva qualche volta a rompere quel guscio impenetrabile. Egli aveva nei suoi confronti un atteggiamento pi da padre che da fratello. Cos, quando la sera tornava a casa e dopo cena restava un po' solo con lei, l'abbracciava teneramente, poi prendeva la chitarra e le cantava una vecchia ballata. Allora Milietta si apriva spesso in un sorriso, ma un sorriso che finiva per perdersi in mondi troppo d'istanti e inaccessibili.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Sonetti VII. Solcata ho fronte, occhi incavati intenti, Crin fulvo, emunte guance, ardito aspetto, Labbro tumido acceso, e tersi denti, Capo chino, bel collo, e largo petto;

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9958454
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.