La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 508 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Marco Pedonesi
LA CASA SOTTO IL LAGO

"Voi dite bene" fece Olivano asciugandosi il sudore dalla fronte, "perch considerate solo la superficie, niente pi che un fazzoletto, lo ammetto. Ma non tenete conto del cielo che pure le appartiene. Cosi, vedete, se io riuscissi a costruire una scala tanta alta da raggiungere le stelle, nessuno potrebbe accusarmi di aver messo piede sul suolo altrui. E poi c' la profondit da non sottovalutare: potrei scavare, scavare fino ad arrivare dall'altra parte della terra e considerarmi sempre a casa mia, con ci, ho da qui il mio accesso sia al paradiso che all'inferno. E la mia povera Maria, infine, non riposa forse sotto questa dura scorza che non mi stanco mai di lavorare? Quale prezzo, ditemi, dovrei dunque chiedervi?"
L'ingegnere pens allora di avere a che fare con un vecchio visionario, di quelli che in alcun modo intendono ragioni. Per cui si rendeva necessario l'intervento del sindaco: glielo avrebbe spiegato lui che non si trattava di prezzo, poich tutti i lotti erano stati espropriati; che presto sarebbero cominciati i lavori per la diga e che la valle sarebbe stata sommersa dalle acque.
Dopo quattro o cinque mesi, infatti, i valligiani, poco pi di una settantina, furono provvisoriamente sistemati in alcune pensioni fra Camporgiano e Minucciano, solo Olivano era voluto restare caparbiamente. sulla propria terra, perch - diceva - doveva bruciare i campi e concimarli per l'inverno.
Venne infine il giorno in cui il progetto di costruzione del bacino fu portato a compimento e si dovevano chiudere le cateratte affinch il torrente, ingrossandosi, a poco a poco ricoprisse l'invaso.
Era una tiepida notte d'estate e il vecchio contadino, ormai sfinito dalla vana lotta contro il progresso, che si era sempre rifiutato di capire, si sedette sul prato davanti casa, con la schiena appoggiata al muretto del pozzo, vicino al luogo dove pochi anni prima aveva sotterrato la moglie.
Poi guard lontano, perdutamente lontano, e sussurr nel silenzio della campagna ormai deserta:
"Vedi, Maria? loro credono di averci rubato tutto, perch considerano soltanto la superficie delle cose. Ma queste stelle, queste stelle, se io rester qui, saranno sempre nostre ".
All'alba del giorno. seguente, quando le autorit arrivarono per condurlo via con la forza, lo trovavano ancora l, seduto, con lo sguardo abbandonato al cielo e un misterioso sorriso sulle labbra.
Fu infine recuperata anche la salma della moglie, perch alcuni pastori che avevano partecipato un tempo alla sepoltura sapevano bene dove fosse localizzata. Cos entrambi vennero inumati in un nuovo cimitero pi a monte.
Ma i pescatori che con la barca, d'estate, si portano fin sopra la casa di Olivano, giurano di averli veduti pi di una volta seduti accanto al vecchio pozzo coi loro volti alzati verso la superficie del lago.
E a qualcuno - come portata dallo sciabordio dell'acqua - pare perfino di avere udito una voce mormorare: "Vedi, Maria, te lo dicevo che almeno questo non ce l'avrebbero potuto rubare".


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Prendo dalla credenza la tazza con il colore blu e mi disegno delle onde sul volto, sulle braccia e sulle gambe. Mi infilo il giubbotto di pelle senza maniche, i pantaloncini di fustagno, gli stivali di cuoio, mi metto i guanti e a tracolla lo storditore, poi fisso il machete alla cintura.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9999840
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.