La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: maggio 25, 2017 | Da: Marina61
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 194 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Marina61
Salve a tutti ,mi chiamo Marina sono romana e ho 55 anni, sono un tecnico dei servizi sociali e lavoro con persone disabili ,psichiche e fisiche .Amo scrivere poesie e racconti ,mi piace molto fotografare e dipingere .Il mio lavoro mi ha insegnato ad ascoltare e a cercare nelle piccole cose la gioia vera.
Caldo, come pu esserlo il grembo di una madre, cos quel giorno d inizio estate ti accolse, al termine della tua corsa, quando la vita ti consegnava esausto a chi ti stava aspettando da tempo. Professore emerito, affermato chirurgo, padre esemplare, marito un po meno. Come sempre di corsa, ti arrampichi su per le scale della facolt di medicina e chirurgia. Il temporale appena passato ti ha rovesciato addosso secchi d acqua gelida. Rabbrividendo ti dirigi nel tuo studio, veloce cos come sei arrivato, ti asciughi alla bell e meglio.
Perdere tempo per te ha sempre avuto un solo significato: rimetterci, sprecare, ma soprattutto non guadagnare. Istintivamente, e senza farci troppo caso, premi col palmo della mano il tuo petto, storci un po la bocca, strizzi gli occhi, il solito dolorino. Un respiro profondo e tutto passa, sei pronto ad affrontare i tuoi studenti, ad entrare in quella gabbia di leoni famelici.
Anche tu sei stato un leone famelico proprio come loro. La tua carriera arrivata all apice dopo anni ed anni di studi, spinto dalla convinzione che ogni essere umano ha potenzialit infinite e che, se si perseguono le proprie aspirazioni con impegno, si pu raggiungere qualsiasi traguardo. Quanti giovani sono passati davanti ai tuoi occhi da quando due anni fa hai deciso di abbandonare il bisturi per dedicarti esclusivamente all insegnamento. Eppure eri un grande! Ti chiamavano il dio cardio- chirurgo chi meglio di te sapeva affrontare interventi come: le coronaropatie, o i by- pass arteriosi, e i nuovi trattamenti con le cellule staminali, l ablazione della fibrillazione atriale, il trapianto cardiaco, un intervento importante e delicato.
Avevi potere di vita e di morte nelle tue delicate e quasi femminee mani. I pazienti si affidavano completamente a te, cos come un bambino si affida ai genitori, ciecamente, confidando nei loro poveri cuori stravolti che a te potesse importare davvero di loro.
Avevano ascoltato attentamente le lodi che altri, operati gi da qualche tempo, tessevano di te, e tutti quei termini incomprensibili imparati a memoria e ripetuti da paziente a paziente, come una sorta di trasmissione orale, di quel patrimonio culturale proprio dei reparti d ospedale. Eri temuto e odiato da molti colleghi, venerato e amato in ogni senso da infermiere e giovani specializzande: i primi invidiavano i tuoi successi e la tua innata bravura, le seconde spesso allietavano le tue pause al buio di stanzini pieni di scope e detersivi e ovunque ci fosse il modo per stare soli, quello era il luogo giusto per ci che agli occhi di molti, compresi i pazienti altro non era, che un circo del sesso, con l unico scopo di ottenere un trattamento di favore da parte tua. Tu, il grande luminare, Tu, il dio che aggiusta i cuori, Tu, un emerito fallimento, quando appeso il camice vestivi i panni di marito.
Una moglie, sposata solo per aggiungere fama e soldi al tuo gruzzolo, che gi prima del matrimonio stava crescendo a vista d occhio. Lei figlia di un noto avvocato, ovviamente laureata in giurisprudenza. lavorava, come spesso accade, nello studio di famiglia.
./.
Una donna colta, tua moglie, certo un po snob e freddina, ma soprattutto priva del bench minimo sentimento di gelosia nei tuoi confronti.
Forse era questa sua indifferenza a spingerti continuamente tra le braccia di altre donne. L unica cosa che vi univa erano i figli, per i quali niente era mai abbastanza: scuole private, vacanze studio, tate specializzate, tutto affinch i vostri pargoli imparassero le buone maniere e magari anche le lingue.
Tutta la tua vita concentrata sulla carriera, e prima ancora sullo studio, notti passate insonni sui libri, spronato continuamente da tuo padre, nato e cresciuto in una famiglia di medici, avvocati, e notai. Tu non potevi che eccellere, non avevi scampo. Com era lontano il tempo in cui bambino potevi giocare, cosi come fanno tutti i bambini, sudato e felice dopo aver corso con i tuoi compagni, ignaro della fatica, della rabbia e dell arroganza futura, eri cosi sereno tra le braccia avvolgenti e calde di tua madre, in quell abbraccio pieno d amore che mai pi avresti ritrovato. Attaccato al suo seno avevi tutto, niente pi ti serviva, niente altro ti avrebbe mai saziato meglio. Ricordi? Riesci a vedere il bambino che eri? E quella felicit, fatta di piccole cose, la riconosci?
La tua mano stretta al petto, il volto, trasfigurato in una smorfia che tante volte hai visto sul viso di chi, su una barella cercava di vivere, tutto si confonde, ieri, oggi, e sei cosi stanco, disintegrato in mille piccoli frammenti
Il grande medico, lo studente zelante, l amante nel circo ospedale, il marito disinteressato ed ignorato, tanti piccoli te senza pi una meta, sdoppiati, triplicati all infinito, unico punto d arrivo il grembo accogliente di tua madre.
In un caldo giorno di inizio estate


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Racconto Breve Oggi gli ingegneri capi sono scesi a trovarci. A quanto pare, arrivato ordine dalla direzione di aprire nuove gallerie, e gli ingegneri sono venuti ad eseguire le misurazioni preliminari. Come tutti sono giovani, eppure gi quanto diversi! Il loro sviluppo stato libero, e fin dalla giovent si manifesta chiaro e deciso,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
10006585
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.