La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 807 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Paolo Fantozzi
IL BUCANEVE

Nell'antico piviere di San Macario, che anticamente confinava con l'altro importante piviere, quello di Arliano, passava la Via Francigena. A questa strada si intersecavano diverticoli, passi, sentieri che, a seconda della stagione, acquistavano maggiore o minore importanza rispetto al percorso principale, che comunque rimaneva tale per la presenza di ospedaletti dove sostavano i pellegrini diretti al Volto Santo di Lucca.
E' indubbio che nel Medioevo, fra il piviere di Arliano e quello di San Macario, vi fossero importanti e frequenti contatti, in particolare lungo questi antichi sentieri si trasportavano olio, vino e cereali che raggiungevano la Versilia e la lontana Garfagnana. La terra del comprensorio di Triano, ancora oggi in possesso della Certosa, fu acquistata nel 1465, allo scopo di potere usare il legname per edificare una fornace (era il 1492) che avrebbe fornito i mattoni per l'ampliamento dell'edificio della Certosa e assicurare anche una buona provvista di legna da ardere nell'inverno. A Triano arrivava la "strada dei pini" che saliva dalla pianura allora ricca di acquitrini e paludi. Alcuni documenti che riguardano la Certosa di Farneta ci rivelano che il luogo dove edificare il monastero fu scelto proprio perch era solitario e difficilmente raggiungibile. Nel 1391, vi si approdava ancora con una barca attraverso un fitto reticolo di canali.
Triano, oggi un gruppo di case sulla strada asfaltata che da Farneta conduce a Stabbiano e a Chiatri, ma un tempo fu un luogo importante per la presenza della "domus minor" o "correria" della Certosa, dove abitarono i frati conversi fino al 1559, data di completamento del chiostro interno. In quell'anno, i frati conversi - cio quei frati che avevano mansioni diverse, come quelle di allevare animali, curare i boschi e provvedere alla legna da riscaldamento, tutti, ad eccezione di uno, scesero e tornarono ad abitare all'interno della Certosa del Santo Spirito. Il motivo per cui le correrie furono soppresse da attribuire al fatto che, a un certo momento, i responsabili dell'ordine si preoccuparono che i frati non avessero contatti con i superiori che stavano in Certosa; per loro poteva essere pi facile deviare dalla Regola stessa. A Triano i frati conversi abitavano in una casa a forma di torretta con un silos interrato dove venivano conservati i cereali per l'alimentazione degli animali.
Abbiamo detto che soltanto un frate rimase da solo ad abitare nei boschi silenziosi di Triano. Si chiamava Martino e non volle lasciare quei boschi che per lui erano silenzio, pace e ristoro per l'anima, condizione privilegiata per pregare e ringraziare il Signore in ogni momento della giornata. Continu da solo il lavoro degli altri frati, scendendo alla Certosa una volta al giorno per partecipare alla Santa Messa. Non si scoraggi mai per le prove che il Signore gli mand in quegli anni, ma un inverno, quello dell'anno 1565, fu pi difficile dei precedenti, anche per Frate Martino.
Quanta neve cadde quell'anno. Aveva cominciato a nevicare in novembre e non aveva pi smesso. Era stato un continuo susseguirsi di bufere, di venti impetuosi che sconquassavano gli alberi e rendevano vano il lavoro del povero frate che tentava di rappezzare qua e l il tetto gi malandato da troppi anni. Gli animali gemevano nelle stalle e gli uccelli, dopo avere cercato di ripararsi invano, avevano dovuto fuggire verso lidi pi miti. Frate Martino cominciava ad essere anziano, ma il suo corpo che aveva superato ogni sorte di rischi e di pericoli, in terra e mare, non temeva il rigore di quel terribile inverno. Una sola cosa gli dispiaceva, di non potersi inoltrare nel bosco che scendeva verso la Contesora a pregare, ad affastellare legna e soccorrere gli animali che si trovavano senza cibo. La neve era cos alta che gli impediva perfino di scendere alla Certosa, cos passava le lunghe giornate in orazione dentro la povera casa che aveva protetto con un muro che impediva al vento e alla neve di entrare. Non distante dalla casa aveva creato un ampio spazio dove nei giorni di primavera il sole si faceva spazio e riempiva di luce almeno una parte di quel bosco fitto e impenetrabile. Ma quell'anno la primavera ritardava; la neve a marzo copriva ancora la campagna e anche nel bosco la neve rendeva difficile il cammino. Fra Martino vegliava, e ogni tanto spalancava la porta e con una pala enorme, che solo le sue forti braccia riuscivano a reggere, spalava lontano la neve e guardava intorno in cerca di un piccolo segno di primavera. Ma la vana attesa e i lunghi giorni trascorsi al chiuso, gli avevano indebolito le forze. Gli occhi in particolare si erano indeboliti a causa del fumo che riempiva la stanza in basso. Erano rossi, gonfi, lacrimavano in continuazione. Non potevano guardare la luce, anche la fiamma della candela gli provocava fastidio e irritazione. L'unico sollievo era un po' d'acqua fresca. Nonostante questo la sua preghiera si faceva sempre pi fervida e fiduciosa nell'aiuto che il Signore gli avrebbe riservato.
Alla met di Marzo, quando pareva che il tempo volgesse al meglio, una bufera impervers e lo spessore delle nevi crebbe ancora. Fra Martino ebbe un momento di paura e di scoraggiamento; allora s'inginocchi davanti al rozzo crocifisso che teneva appeso vicino alla finestra e preg cos: "Un po' di verde, o Signore, per questi poveri occhi che bruciano. Un po' di verde in modo che le mie pupille riposino ed io capisca ancora una volta che voi siete il padrone della natura. A che servirei per questi alberi, per questi animali dei boschi, per i miei fratelli laggi, se dovessi perdere la vista? Chi andrebbe in soccorso dei pellegrini e dei mercanti che si smarriscono per queste strade? Chi insegnerebbe agli uomini a lodare, con le bestie della foresta e gli uccelli dell'aria, il vostro santo nome?"
Il Signore misericordioso ebbe piet di Fra Martino e ascolt la sua preghiera. Nella notte, un forte vento caldo soffi da sud e cominci a sciogliere le nevi. Le acque della Contesora si ingrossarono e si fecero fragorose e minacciose, gi in basso nella valle. Dopo due giorni, la neve copriva ancora la terra, ma nell'ampio prato che Martino aveva aperto nel bosco era distesa una fitta fioritura celeste sulla quale i suoi occhi finalmente riposarono.
Allora, per ringraziare meglio il Signore, Fra Martino and a cercare il suo albero preferito, un vecchio leccio nodoso e robusto come le gambe del povero certosino e s'inginocchi.
Ancora oggi, dopo tanti anni, chi riesce a trovare quel prato nei boschi di Triano, rimarr estasiato di fronte a quel miracolo che si rinnova ad ogni primavera: una fitta coltre di bucaneve, un lago di petali screziati d'azzurro che si muovono nel vento, un sogno leggero di preghiera, un frammento di paradiso caduto sulla terra.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
poesia

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9973658
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.