La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 634 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Paolo Fantozzi
MILTON, RITRATTO DI UN CANE:

Tra noi e la natura c' un'amicizia che quando ce ne accorgiamo fa l'effetto di accostarsi a Dio. La nostra anima si apre per tutto l'universo; pare che anche le montagne, il mare, gli animali ci siano per farci compagnia, per rendere il nostro soggiorno su questa terra pi bello e radioso. Pare che anche le stagioni, per compiere la loro strada, attraversino la nostra anima e ci conducano verso una dimensione di pace e serenit quale solo la natura e i valori spirituali sono in grado di darci. Abbiamo in noi un'esistenza fatta di musiche silenziose, che danno alle nostre parole il suono della nostra umanit individuale; cos come ogni cosa ha una voce che dipende dalla materia e dalle caratteristiche sue. Noi siamo capaci di rinnovare il senso delle cose dentro di noi, perch non si tratta soltanto delle immagini date dai ricordi, ma dalla voce misteriosa e profonda che nasce tra noi e il mondo esterno. Allora possibile comunicare a largo raggio e scoprire che ogni essere del creato ha una sua voce inconfondibile e degna di essere ascoltata.
I cani sanno rivelarci questo primitivo e istintivo modo di comunicare e ricordano all'uomo quanto infelice la vita possa diventare quando ci si discosti dalla semplicit, gratuit e fedelt degli affetti fra i nostri simili.
Milton nacque in casa una mattina di pioggia, tanti anni fa. Un piccolo Labrador nero con una cravattina bianca sul petto, quasi a distiguere subito il suo carattere dignitoso e riservato. Non volle confondersi con gli altri cuccioli, ma prefer riservarsi un angolo del salotto come rifugio sicuro da compagni troppo invadenti. La sua aria malinconica e solitaria era accentuata dai profondi e lunghi respiri che emetteva ogni volta qualcuno di noi gli si avvicinava per infondergli carezze e complimenti. Eppure non gli dispiaceva la nostra compagnia, se ogni tanto veniva a sedersi accanto a noi, vicino al fuoco, battendo leggermente la coda sul pavimento per dirci il suo piacere di trovarsi l.
Dai suoi occhi castani, rotondi e vagamente tristi, ma dotati di una lucentezza che rivela un animo nobile e sincero, ho imparato a capire che l'affetto pi vero si esprime con una silenziosa presenza, piuttosto che con una rapida ed effervescente effusione di suoni e gesti.
A Milton non piace l'estate; lo rende pigro e nervoso. Si stende sotto un cespuglio di biancospino e chiude gli occhi in segno di rassegnazione. Il suo manto nero riscaldato dai raggi del sole emana riflessi bluastri come una preziosa pietra d'oriente. Dal muso appoggiato sulle sue zampette anteriori incrociate, ho imparato a capire l'importanza della silenziosa e fiduciosa attesa, della saggia disposizione ad accettare ci che non si pu cambiare, mantenendo salda la nostra dignit morale.
C' una sola parola che in qualsiasi momento riesce a svegliarlo dal suo torpore e a fargli ritrovare la sua vitalit nascosta: "Pruniccia". Milton scende veloce dalla sua cuccia, alza le orecchie, apostrofa la coda e avanza con passo baldanzoso e sicuro verso la porta, manifestando la sua impazienza dando un leggero colpo all'uscio che si apre sul giardino. "Pruniccia", oltre ad essere una parola magica, un luogo di acque, selve, rovi e silenzio. Non si incontrano n cani n persone. Per questo piace a Milton. Si spinge con me oltre il cancello verde, s'affretta fuori nei campi aperti girando su se stesso, cercando di attirarmi verso il bosco mettendosi a correre verso quella direzione e voltando la testa verso di me continuamente per accertarsi della direzione giusta. Allora inizia a saltare per una specie di allegria disperata, che rifiuta la realt, e anche per conquistarmi, per corrompermi con le sue prodezze. Percorriamo il sentiero per circa cinque minuti, fino al punto in cui cessa di essere tale, e diventa, lungo il margine del bosco, una traccia invisibile che si perde tra gli alberi e i rovi. Procedo con lentezza e attenzione, mentre Milton, pronto allo scatto, inebriato per la felicit di trovarsi su uno spazio tutto suo, riempie il bosco di galoppate vertiginose in lungo e in largo, saltando nel ruscello, coprendosi di fango e, poggiando il muso a terra, inizia a camminare seguendo la pista di odori dimenticati. A volte comincia a inseguire un uccellino che, preso dalla paura o per provocarlo, continua a svolazzargli davanti al muso. Quando per mi siedo su un tronco, anche lui accorre e si accoccola ai miei piedi. E' una cosa strana, buffa e familiare sentirlo seduto vicino a me. In sua compagnia e guardandolo, mi invade una simpatia gioiosa. Ha un modo di sedersi molto contadinesco, le scapole divaricate e le zampe disegualmente ripiegate verso l'interno. In questa posizione la sua figura appare pi piccola e pi goffa di quanto sia veramente, e la macchia di pelo bianco sul petto sporge comicamente in fuori. La testa compensa per di qualsiasi portamento difettoso, a causa della profonda attenzione che esprime. Tutto tace, perch noi stiamo in silenzio. Qui il mormorio dell'autostrada vicina arriva molto smorzato. I piccoli movimenti silenziosi tutto attorno acquistano risalto e allertano i sensi: il breve fruscio di una lucertola, il cinguettio di un uccello, il tonfo di una pigna. Le orecchie di Milton si raddrizzano, inclina la testa per aguzzare l'udito e le narici del suo naso nero e umido si muovono senza posa, fiutando sensibili. Poi si accuccia e siccome ha caldo, spalanca le fauci e cos tutta l'intelligenza del suo aspetto si risolve in bestialit, gli occhi socchiusi si rimpiccioliscono e tra i bianchi, robusti canini, penzola rosea la lingua.
Spesso accade che lungo il ruscello Milton incontri qualche cosa che lo interessi particolarmente, come un animaletto selvatico o una traccia lasciata da qualche animale del bosco. Perci inizia a scavare con tutte le sue forze, con assoluta abnegazione e indifferente al mondo esterno, senza collera, ma con l'oggettiva passione dello sportivo. Il suo corpo rivestito dal lucido manto bluastro, dove le costole spiccano nitide e i muscoli vibrano sotto la pelle liscia si poggia a terra; solleva in alto il posteriore, con la coda arcuata come un punto interrogativo che va su e in gi in fretta e furia; la testa, insieme alle zampe anteriori, sprofonda nella cavit che penetra obliquamente sottoterra. Continua a scavare pi in fretta che pu, ma all'improvviso si ferma e al mio richiamo desiste dalla sua ardua impresa e ritorna a seguire i miei passi.
Le stagioni si avvicendano con rapidit; Milton conta gi parecchie primavere, ma non le dimostra. Eppure a volte ho la sensazione che queste passeggiate dovranno interrompersi. Lui sembra avvertire la mia ansia e con i suoi occhi mi rassicura dicendomi: " Per quanto profondo possa essere il mio sonno, vi sentir, e la forza della morte, per grande che possa essere, non potr impedirmi di agitare con gratitudine la coda".

13 agosto 1998 - Milton se n' andato nel bosco. Non pi tornato. Non ci ha voluto far soffrire facendosi vedere privo di vita. Ha voluto che lo ricordassimo come vivo; si dissolto nella natura a cui ha sempre appartenuto.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La dura prova ormai alla fine: mio cuore, sorridi al domani. Son passati i giorni angosciosi, quando ero triste fino al pianto

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9958355
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.