La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: ottobre 03, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 838 | Valorazione:

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Phillips Lovecraft
1890-1937

IL BOIA ELETTRICO

Per essere un individuo che non ha mai affrontato la prospettiva di una condanna a morte, provo uno strano orrore per la sedia elettrica, al solo sentirne parlare.

Penso che mi faccia tremare addirittura pi di un uomo realmente processato e condannato per un delitto capitale.

La ragione che mi ricorda un episodio di quarantanni or sono, un episodio molto bizzarro che mi port sullorlo del tenebroso abisso dellignoto.

Nel 1889 facevo linvestigatore per conto della Tlaxcala Mining Company di San Francisco, proprietaria di molte piccole miniere dargento e di rame sui monti di San Mateo, nel Messico.

Cerano stati guai alla miniera n.

3, diretta da un vicesovrintendente tetro e furtivo che si chiamava Arthur Feldon.

E il 6 agosto la societ ricevette un telegramma: Feldon era sparito portando con s tutti i documenti, le polizze assicurative, le carte private, e lasciando una situazione amministrativa e finanziaria spaventosa.

Per la societ era un brutto colpo e, verso sera, il presidente McComb mi chiam nel suo ufficio per ordinarmi di recuperare a qualunque costo i documenti.

Sapevo che cerano gravi difficolt.

Non avevo mai visto Feldon, e potevo contare soltanto su alcune fotografie non molto chiare.

Per di pi, il mio matrimonio era fissato per il gioved della settimana seguente: mancavano nove giorni soltanto, e quindi non ci tenevo affatto a venir spedito in Messico per una caccia alluomo che poteva protrarsi chiss quanto.

Tuttavia la situazione era cos grave che McComb mi chiese di partire immediatamente e, da parte mia, pensai che una pronta acquiescenza avrebbe contribuito a migliorare la mia posizione nei confronti della societ.

Dovevo partire quella notte con il vagone privato del presidente; arrivato a Citt del Messico, dovevo prendere la ferrovia a scartamento ridotto che portava alle miniere.

Jackson, sovrintendente della n.

3, mi avrebbe fornito tutti i particolari e tutte le indicazioni utili; poi avrei incominciato le ricerche, tra le montagne, fino alla costa o per i vicoli di Citt del Messico, a seconda del caso.

Partii, rabbiosamente deciso a sbrigare la faccenda, e con successo, al pi presto possibile, e placai il mio malcontento con immagini di un rapido ritorno con documenti e colpevole, e di un matrimonio che sarebbe stato quasi una cerimonia trionfale.

Dopo aver avvertito i familiari, la fidanzata e gli amici pi cari, ed avere fatto i preparativi per il viaggio, mincontrai con il presidente McComb alle otto di sera alla stazione della Southern Pacific.

Ricevetti dalle sue mani alcune istruzioni scritte ed un libretto di assegni, e partii con la sua carrozza, agganciata al treno transcontinentale alle otto e quindici, diretto allEst.

Il viaggio pareva destinato ad essere tranquillo e, dopo una buona notte di sonno, guazzai negli agi del vagone privato assegnatomi cos opportunamente; lessi con cura le istruzioni, e feci piani per catturare Feldon e recuperare i documenti.

Conoscevo molto bene la zona di Tlaxcala, forse meglio del colpevole, e quindi avevo un certo vantaggio su di lui, a meno che fosse gi partito per ferrovia.

Secondo le istruzioni, Feldon aveva gi dato da qualche tempo motivo di preoccupazione al sovrintendente Jackson: si comportava in modo furtivo, e lavorava inspiegabilmente nel laboratorio della Compagnia fino ad ore impossibili.

Si sospettava che fosse immischiato, insieme ad un caposquadra messicano e a parecchi peones, in alcuni furti di minerale; ma, sebbene gli indigeni fossero stati licenziati, non cerano state prove sufficienti per giustificare misure a carico dellastuto finanziere.

Anzi, nonostante il suo fare furtivo, nel comportamento di quelluomo cera pi una sfida che unaria di colpevolezza.

Si dava molte arie e parlava come se fosse stata la societ a imbrogliare lui anzich il contrario.

Lovvia sorveglianza dei colleghi, scriveva Jackson, pareva irritarlo sempre di pi; e adesso se nera andato, portandosi via tutto ci che vi era di importante nellufficio.

Era impossibile immaginare dove fosse finito; tuttavia, lultimo telegramma di Jackson indicava le pendici selvagge della Sierra de Malinche, lalta vetta leggendaria dal profilo di cadavere, dai cui dintorni, si diceva, provenivano gli indigeni sospettati dei furti.

A El Paso, dove arrivammo alle due del mattino seguente, la mia carrozza privata fu staccata dal treno transcontinentale e agganciata ad una locomotiva ordinata espressamente per telegrafo che doveva portarmi a Citt del Messico.

Continuai a sonnecchiare fino allalba, e il giorno seguente mi annoiai a guardare il panorama piatto e deserto del Chihuaua.

I macchinisti mi avevano detto che saremmo arrivati a Citt del Messico venerd a mezzogiorno, ma ben presto mi accorsi che perdevano ore preziose in continui ritardi.

Cerano le lunghe attese sui binari secondari, lungo la strada ferrata a binario unico e, di tanto in tanto, un surriscaldamento dei freni o qualche altra difficolt causava nuove complicazioni.

Arrivammo a Torreon con un ritardo di sei ore, ed erano quasi le otto della sera di venerd quando, con dodici ore esatte di ritardo, il macchinista acconsent ad accelerare un po per riguadagnare in parte il tempo perduto.

Avevo i nervi tesi, e non potevo fare altro che camminare avanti e indietro, esasperato.

Mi accorsi ben presto che laccelerazione era stata pagata a caro prezzo perch, nel giro di mezzora, nella mia carrozza sera sviluppato un principio dincendio; dopo una attesa insopportabile, gli uomini mi dissero che bisognava arrivare, a velocit ridotta a un quarto, alla prima stazione dotata di officina per rimettere in ordine le sospensioni: la citt industriale di Queretaro.

Era lultima goccia, e poco manc che pestassi i piedi come un bambino.

Talvolta mi sorprendevo addirittura a premere il braccio del sedile, come se cercassi di spingere il treno ad unandatura un po meno simile a quella duna lumaca.

Erano quasi le dieci di sera quando arrivammo a Queretaro, e passai unora di nervosismo sul marciapiedi della stazione, mentre la mia carrozza veniva dirottata su un binario morto e affidata alle cure di una dozzina di meccanici del luogo.

Alla fine mi dissero che era un lavoro troppo difficile, perch il carrello anteriore aveva bisogno di pezzi nuovi, reperibili solo a Citt del Messico.

Tutto pareva congiurare contro di me, e digrignai i denti quando pensai che Feldon continuava ad allontanarsi, e forse era gi al sicuro a Vera Cruz, con il suo porto, o a Citt del Messico, con tutte le sue linee ferroviarie, mentre io ero l bloccato e impotente.

Jackson, naturalmente, aveva avvertito le polizie di tutte le citt vicine, ma io conoscevo anche troppo bene la loro scarsa efficienza.

Venni a sapere ben presto che la cosa migliore era prendere lEspresso della notte per Citt del Messico, che partiva da Aguas Calientes e faceva a Queretaro una sosta di cinque minuti.

Sarebbe passato alluna di notte, ammesso che fosse in orario, e sarebbe giunto a Citt del Messico alle cinque di sabato mattina.

Quando feci il biglietto, seppi che il convoglio era formato da carrozze europee a scompartimenti, anzich dai lunghi vagoni americani, con le file di sedili a due posti.

Erano state molto usate nei primi tempi perch alla costruzione di quelle linee ferroviarie avevano partecipato societ europee e, nel 1889, la Mexican Central ne usava ancora un buon numero sui percorsi pi brevi.

Di solito preferisco le carrozze americane, perch odio vedermi la gente seduta di fronte: ma una volta tanto fui soddisfatto che ci fossero quei vagoni stranieri.

A quellora di notte avevo buone possibilit di trovare un intero scompartimento tutto per me, ed ero cos stanco e innervosito che mi faceva piacere lidea di stare solo sul sedile comodamente imbottito, con braccioli e poggiatesta, largo quanto lampiezza della vettura.

Acquistai un biglietto di prima classe, mi feci consegnare la valigia che era rimasta sulla carrozza privata instradata sul binario morto, telegrafai al presidente McComb e a Jackson quello che era capitato, e mi sedetti nella stazione, aspettando lEspresso della notte con tutta la pazienza permessa dai miei nervi tesi.

Miracolosamente, il treno aveva solo mezzora di ritardo: ma lattesa solitaria nella stazione aveva quasi esaurito la mia sopportazione.

Il controllore mi fece accomodare in uno scompartimento; pensava che il ritardo sarebbe stato recuperato e che saremmo arrivati in orario alla capitale.

Mi sdraiai comodamente sul sedile nel senso di marcia, pregustando tre ore e mezzo di corsa tranquilla.

La lampada a petrolio irradiava una luce fioca, e mi chiesi se avrei potuto dormire un po, nonostante lansia e la tensione nervosa.

Mentre il treno si metteva in moto, ero solo, e ben felice di esserlo.

Cominciai a pensare al compito che mi attendeva, dondolando il capo al ritmo sempre pi celere del convoglio.

Poi, allimprovviso, mi accorsi che non ero affatto solo.

Nellangolo, diagonalmente di fronte a me, rannicchiato cos che il suo volto era invisibile, stava seduto un uomo rozzamente vestito, di taglia insolita, che prima non avevo scorto nella luce fioca.

Accanto a lui, sul sedile, cera unenorme valigia gonfia e malconcia, che teneva stretta anche nel sonno con una mano incongruamente snella.

Quando la locomotiva fischi, ad una curva o a un incrocio, luomo sussult nervosamente, ridestandosi a mezzo, guardingo.

Alz la testa ed io scorsi un bel volto, barbuto e molto anglosassone, dagli occhi scuri e lustri.

Quando mi scorse, si dest completamente, e mi stupii dellostilit rabbiosa del suo sguardo.

Senza dubbio, pensai, era irritato della mia presenza perch aveva sperato di fare il viaggio tutto solo nello scompartimento, proprio come io ero deluso di aver scoperto un estraneo nella carrozza male illuminata.

Non potevamo far altro, comunque, che accettare con buona grazia la situazione: perci cominciai scusandomi per il disturbo.

Mi sembrava americano, e ci saremmo trovati pi a nostro agio, dopo esserci scambiati qualche parola cortese; poi avremmo potuto ignorarci a vicenda per il resto del viaggio.

Con mia grande sorpresa, lo sconosciuto non rispose neppure con una parola alle mie scuse.

Continu a fissarmi irritato, quasi squadrandomi, e rifiut bruscamente il sigaro offertogli da me, con un nervoso movimento laterale della mano libera.

La mano stringeva ancora la grande valigia logora, e tutto il suo essere pareva nascondere unoscura malignit.

Dopo un po, gir di colpo il viso verso il finestrino, bench non vi fosse nulla da vedere, in quelle tenebre.

Stranamente, sembrava guardare qualcosa con grande attenzione.

Decisi di lasciarlo alle sue bizzarre meditazioni senza infastidirlo pi; mi sistemai sul sedile, mi abbassai sul volto lala del cappello floscio, e chiusi gli occhi nel tentativo di fare il sonnellino sul quale avevo quasi fatto conto.

Non potevo aver dormito a lungo n profondamente, quando i miei occhi si spalancarono, come reagendo ad una forza esterna.

Li richiusi, deciso, e cercai di riaddormentarmi ma senza riuscirvi.

Uninfluenza intangibile pareva intenzionata a tenermi sveglio: alzai la testa e mi guardai intorno nello scompartimento semibuio, per scoprire se qualcosa non andava.

Tutto sembrava normale, e notai che lo sconosciuto mi guardava intento.

.

, ma senza la cordialit che avrebbe potuto indicare, da parte sua, un atteggiamento nuovo rispetto allostilit precedente.

Questa volta non cercai di attaccare discorso, e mi riassestai nella stessa posizione: socchiusi gli occhi, come se mi fossi appisolato di nuovo; per, continuai a osservarlo incuriosito di sotto lala abbassata del cappello.

Mentre il treno avanzava sferragliando nella notte, notai una sottile, graduale metamorfosi compiersi nellespressione delluomo.

Evidentemente convinto che dormissi, lasci che il suo volto riflettesse un bizzarro miscuglio di emozioni, la cui natura era tuttaltro che rassicurante.

Odio, paura, trionfo e fanatismo, balenavano compositi sulla sua bocca e agli angoli degli occhi, mentre lo sguardo diveniva allarmante, pieno di avidit e di ferocia.

Allimprovviso, mi colp la certezza che quellindividuo doveva essere un pazzo pericoloso.

Non posso negare di essermi spaventato profondamente, quando mi resi conto della situazione.

Cominciai a sudare, e faticai parecchio a mantenere latteggiamento rilassato del dormiente.

La vita, allora, era piena di promesse, e il pensiero di affrontare un maniaco omicida, probabilmente armato e sicuramente molto forte, mi sbigottiva e mi atterriva.

Sarei stato svantaggiato in una lotta, perch quelluomo era un gigante e in perfetta forma atletica, mentre io sono stato sempre piuttosto fragile, e per giunta, in quel momento, ero quasi sfinito dallansia, dalla tensione nervosa e dalla mancanza di sonno.

Fu un gran brutto momento, e mi sentii vicinissimo a una morte orribile quando riconobbi negli occhi dello sconosciuto la furia della pazzia.

Gli eventi del passato affiorarono nella mia coscienza in un ultimo addio come si dice che un uomo in procinto di annegare riveda in un attimo tutta la propria vita.

Certo, avevo la pistola nella tasca della giacca, ma qualunque movimento per estrarla sarebbe stato troppo evidente.

Inoltre, se lavessi impugnata, non potevo sapere quale effetto avrebbe avuto sul maniaco.

Persino se gli avessi sparato un paio di volte, avrebbe potuto avere la forza sufficiente per strapparmi larma e per finirmi; e, se anche lui era armato, poteva spararmi o pugnalarmi senza cercare di prendermi la pistola.

possibile intimorire un uomo sano di mente minacciandolo con un arma da fuoco; ma la totale indifferenza del pazzo verso ogni conseguenza gli conferisce una forza ed una pericolosit sovrumane.

Anche in quei tempi pre-freudiani mi rendevo conto della terribile potenza di una persona del tutto disinibita.

Gli occhi ardenti e i convulsi muscoli facciali dello sconosciuto non mi permisero di dubitare, neppure per un istante, che si stesse accingendo ad unazione delittuosa.

Allimprovviso sentii che incominciava a respirare con ansiti eccitati, vidi il suo petto alzarsi ed abbassarsi in unagitazione crescente.

Stava per arrivare il momento della prova di forza, ed io cercai, disperato, di pensare cosa si poteva fare.

Senza smettere di fingermi addormentato, cominciai a far scivolare la destra, a poco a poco, insensibilmente, verso la tasca dove stava la pistola; e intanto osservavo attento il pazzo, per vedere se se ne sarebbe accorto.

Purtroppo se ne accorse, quasi prima che la sua espressione lo dimostrasse.

Con un balzo agile e rapido, quasi incredibile in un uomo della sua mole, mi fu addosso senza che me ne rendessi conto: si lev torreggiante, dondolando come un leggendario orco gigantesco e minchiod con una mano possente, mentre con laltra mi impediva di prendere la pistola.

Me la tolse dalla tasca e linfil nella sua, e poi mi lasci andare con aria di disprezzo, poich sapeva benissimo che ero alla merc della sua forza fisica superiore.

Poi si raddrizz in tutta la sua altezza, sfiorando quasi con la testa il tetto del vagone, e mi fiss con occhi in cui la furia sera rapidamente mutata in unespressione di sprezzante commiserazione e di calcolo vampiresco.

Io non mi mossi e, dopo un momento, luomo torn a sedersi di fronte a me; sorrideva di un sorriso orrendo, mentre apriva la grossa valigia gonfia e ne estraeva un oggetto ben bizzarro, una gabbia piuttosto grande di rete metallica semiflessibile, intessuta un po come la maschera di un catcher di baseball, ma dalla forma pi simile ad una casco da palombaro.

Nella parte superiore era fissata una corda, che andava a finire dentro la valigia.

Maneggi loggetto con evidente affetto, cullandolo sulle ginocchia mentre tornava a fissarmi, leccandosi le labbra con un movimento quasi felino della lingua.

Poi, per la prima volta, parl, con una voce profonda e dolce, da persona colta, che contrastava in modo sorprendente con il rozzo abito di velluto a coste e laspetto disordinato.

fortunato, signore.

User lei per primo.

Passer alla storia come il primo risultato di uninvenzione straordinaria.

Immense conseguenze sociologiche far risplendere la mia luce.

Io risplendo sempre, ma nessuno lo sa.

Ma ora lei lo sapr.

Una cavia intelligente.

Gatti e burros ha funzionato persino con un burro Sinterruppe, ed il volto barbuto si mosse convulsamente, in sincronia con una vigorosa scrollata di capo.

Pareva che si stesse liberando da una nebulosit che lostacolava, e infatti il gesto fu seguito da uno schiarirsi della sua espressione, che nascondeva la scoperta follia in unaria di soave compostezza, da cui traspariva solo vagamente lastuzia.

Notai subito la differenza, e provai a dire qualcosa, per scoprire se mi era possibile orientare la sua mente verso argomenti meno pericolosi.

Mi sembra che lei possieda uno strumento, se posso permettermi di esprimere un giudizio.

Non vuol dirmi come ha fatto ad inventarlo? Il pazzo annu.

Semplice riflessione logica, caro signore.

Ho studiato le esigenze dei nostri tempi ed ho agito di conseguenza.

Avrebbero potuto farlo anche altri, se avessero avuto una mente possente come la mia cio capace di concentrazione continuata.

Io avevo la convinzione la forza di volont ecco tutto.

Avevo capito, come nessuno ha ancora compreso, che indispensabile eliminare tutti, sulla Terra, prima che ritorni Quetzalcoatl, e mi ero reso conto che bisognava farlo con eleganza.

Odio il sangue, e limpiccagione rozza e barbara.

Lei sa che lanno scorso la legislatura di New York ha deciso di adottare lelettricit per eseguire le condanne a morte ma lapparecchio prescelto primitivo come il Rocket (4) di Stephenson o il primo motore elettrico di Davenport.

Io conoscevo un sistema migliore, e lho detto, ma quelli non mi hanno dato ascolto.

Dio, che sciocchi! Come se io non conoscessi tutto ci che c da sapere sugli uomini, la morte e lelettricit.

.

, da studente, uomo e ragazzo tecnologo e ingegnere soldato di ventura Si appoggi alla spalliera e socchiuse gli occhi.

Ero nellesercito di Massimiliano (5), venti e pi anni fa.

Mi avrebbero fatto nobile.

Poi quei maledetti messicani lo uccisero, e io dovetti rientrare in patria.

Ma ritornai indietro avanti e indietro, avanti e indietro.

Abito a Rochester, nello Stato di New York Lespressione dei suoi occhi divenne profondamente astuta; si sporse e mi tocc il ginocchio con le dita della mano paradossalmente delicata.

Sono tornato, ho detto, e sono andato pi a fondo di tutti gli altri.

Odio i messicani falsi, ma amo i messicani veri! Le sembra un indovinello? Mi stia a sentire, giovanotto: non penser che il Messico sia davvero spagnolo, vero? Dio, se conoscesse tutte le trib che io conosco! Tra le montagne le montagne Anuahuac Tenochtilian quelle antiche La sua voce divenne un ululato cantilenante, non privo di armonia.

I! Huitzilopochtli! Nahuatlacatl! Sette, sette, sette, Xochimilca, Chalca, Tepaneca, Acolhua, Tlahuica, Tlascaltexa, Azteca! I! I! Sono stato alle Sette Grotte di Chicomoztoc, ma nessuno lo sapr mai! Lo dico a lei perch non potr ripeterlo Sinterruppe e riprese in tono discorsivo.

Si stupirebbe se sapesse le cose che si dicono tra le montagne.

Huitzilopochtli sta per tornare.

.

, su questo non pu esservi dubbio.

Qualunque peone a sud di Citt del Messico pu confermarglielo.

Ma io non intendevo far niente al riguardo.

Come le ho detto, sono tornato spesso in patria, e volevo beneficare la societ con il mio boia elettrico, quando quel maledetto parlamento di Albany ha adottato laltro metodo.

Uno scherzo, signore, uno scherzo! La poltrona del nonno si sieda accanto al caminetto Hawthorne Luomo stava ridacchiando, in una morbosa parodia di buonumore.

Oh, signore, mi piacerebbe essere il primo a sedermi su quella maledetta sedia e sentire la loro piccola corrente alternata! Non basterebbe a far muovere la zampa di una rana! E pretendono di uccidere gli assassini, con quella ricompensa al merito tutto! Ma poi, giovanotto, ho capito che era inutile, anzi illogico, ammazzare soltanto poche persone.

Tutti sono assassini uccidono le idee, rubano le invenzioni hanno rubato la mia spiando, spiando, spiando Sinterruppe, semisoffocato, ed io parlai in tono blando.

Sono certo che la sua invenzione assai migliore, e probabilmente finiranno per adottarla Evidentemente non avevo abbastanza tatto, perch luomo reag con rinnovata eccitazione.

certo, eh? Che bella sicurezza, mite e conservatrice! Non gliene importa niente ma presto sapr! Maledizione, tutto il bene che potr derivare da quella sedia elettrica sar merito mio.

Lo spettro di Nezahualpilli me lo ha detto sulla Montagna Sacra.

Loro spiavano, spiavano e spiavano Sinterruppe di nuovo, poi fece un altro di quei gesti con cui pareva scuotere, insieme con la testa, lespressione facciale, e che sembravano restituirgli una specie di lucidit.

La mia invenzione ha bisogno di un collaudo.

Eccolo qui.

Il cappuccio di rete flessibile, e sinfila facilmente.

Il collare stringe, ma non soffoca.

Gli elettrodi toccano la fronte e la base del cervelletto quanto necessario.

Quegli sciocchi di Albany, con la loro poltrona di quercia, credono di avere inventato uno strumento che funziona dalla testa ai piedi.

Idioti! Non sanno che non necessario riempire di pallottole il corpo di un uomo, dopo avergli sparato al cervello? Ho visto molti morire in battaglia lo so.

E poi, quel loro stupido circuito ad alta potenza le dinamo tutto quanto.

Perch non hanno capito che cosho fatto io con laccumulatore? Non mi hanno ascoltato nessuno sa solamente io conosco il segreto Io e loro, se decidessi di rivelarglielo Ma devo avere dei soggetti per gli esperimenti esperimenti.

.

, sa chi ho scelto per primo? Tentai un tono scherzoso, passando poi ad una seriet amichevole, per calmarlo.

La rapidit del pensiero e la potenza delle parole potevano ancora salvarmi.

Ecco, ci sono moltissimi soggetti adatti tra i politicanti di San Francisco, da dove vengo io! Hanno bisogno del suo trattamento, e mi piacerebbe contribuire a introdurlo.

Ma, per la verit, penso di poterla aiutare davvero.

Ho una certa influenza a Sacramento, e se lei ritorner con me negli Stati Uniti, quando avr finito il mio lavoro qui nel Messico, le procurer unudienza.

Mi rispose in tono sobrio e civile.

No non posso tornare.

Ho giurato di non farlo quando quei criminali di Albany hanno respinto la mia invenzione e hanno mandato delle spie a sorvegliarmi per rubarmela.

Ma ho bisogno di soggetti americani.

I messicani sono maledetti, e sarebbe troppo facile; e gli indios purosangue, i veri figli del Serpente Piumato sono sacri e inviolabili, se non come vittime sacrificali e anche in tal caso devono essere uccisi secondo il rito.

Ho bisogno di procurarmi degli americani senza tornare in patria e per il primo uomo che sceglier sar un grande onore.

E sa chi ? Temporeggiai, disperatamente.

Oh, se tutta la difficolt questa, le trover una dozzina di esemplari yankee (6) di primordine non appena arriveremo a Citt del Messico! So che ci sono molti minatori, la cui assenza non verr notata per parecchi giorni Ma il pazzo minterruppe con una nuova aria di autorit che aveva una sfumatura di autentica dignit.

Basta cos abbiamo scherzato abbastanza.

Si alzi, da vero uomo.

Il soggetto che ho scelto lei, e nellaltro mondo mi ringrazier per lonore, come la vittima sacrificale ringrazia il sacerdote che le conferisca la gloria eterna.

Un principio nuovo nessun altro al mondo ha mai sognato una simile batteria, e forse non verr mai pi scoperta, neanche se si facessero esperimenti per mille anni.

Sa che gli atomi non sono quel che sembrano? Sciocchi! Fra un secolo, qualche idiota lo intuirebbe, se lasciassi viva lumanit! Mentre mi alzavo al suo comando, luomo estrasse altra corda dalla valigia e si pose ritto accanto a me, tendendomi con entrambe le mani il casco di rete metallica.

Sul volto abbronzato e barbuto aveva unespressione esaltata: per un attimo sembr un radioso mistagogo o un gerofante ellenico.

Ecco, o Giovinezza una libagione! Vino del Cosmo nettare degli spazi stellati Lino Iacco Ialemo Zagreo Dionisio Ati Ila (7) nato da Apollo e ucciso dai cani di Argo seme di Psamate figlio del Sole Evo! Evo! (8) Aveva ripreso a cantilenare, e stavolta la sua mente pareva perduta tra i ricordi classici degli studi universitari.

Notai che la maniglia del segnale dellallarme era vicina a me, e pensai che forse avrei potuto raggiungerla, con un gesto che simulasse una risposta ai suoi atteggiamenti cerimoniali.

Valeva la pena di tentare, e quindi, con un grido antifonale di Evo!, tesi le braccia avanti e verso lalto, come in un rito, nella speranza di poter dare uno strattone alla maniglia prima che lui se ne accorgesse.
Ma capi al volo, e port una mano verso la tasca destra, dove aveva riposto la mia pistola.

Non ci fu bisogno di parole, e per un attimo restammo immobili come statue.

Poi lui disse tranquillo: Si sbrighi!.

La mia mente si dibatt ancora frenetica, alla ricerca di una via di scampo.

Sapevo che nei treni messicani gli sportelli non sono bloccati; ma luomo poteva facilmente trattenermi, se avessi cercato di aprirne uno e di saltare gi.

E poi, la velocit era cos forte che il successo sarebbe stato probabilmente fatale quanto il fallimento.

Potevo solamente cercare di guadagnare tempo.

Parte delle tre ore e mezzo era gi passata e, una volta arrivati a Citt del Messico, le guardie ed i poliziotti della stazione mi avrebbero messo al sicuro.

Cerano due modi diplomatici per perdere tempo, pensai.

Se fossi riuscito a indurlo a rinviare il momento di infilarmi in testa il cappuccio, avrei acquistato momenti preziosi.

Naturalmente non credevo che lapparecchio fosse pericoloso, ma conoscevo abbastanza i pazzi per sapere che cosa sarebbe successo quando non avrebbe funzionato.

Alla delusione si sarebbe aggiunta la folle convinzione che io fossi responsabile dellinsuccesso, e ci lo avrebbe indotto a liquidarmi in qualche altro modo.

Mi chiesi fino a che punto poteva arrivare la sua credulit, e se potevo preparare in anticipo una profezia di fallimento che, realizzandosi, mi facesse apparire come un veggente o un iniziato, o forse addirittura come un Dio.

Avevo uninfarinatura di mitologia messicana, quanto bastava per consentirmi di provare; comunque, avrei tentato prima con altri sistemi per acquistare tempo, e poi avrei pronunciato la profezia come una rivelazione improvvisa.

Mi avrebbe risparmiato, se fossi riuscito a convincerlo che ero un profeta o una divinit? Potevo passare per Quetzalcoatl o Huitzilopochtli? Avrei fatto qualunque cosa per tirare avanti fino alle cinque del mattino, quando saremmo arrivati a Citt del Messico.

Ma la mia prima mossa fu la vecchia astuzia del testamento.

Mentre il pazzo mi ripeteva di affrettarmi, gli parlai della mia famiglia e dellimminente matrimonio, e chiesi di scrivere un messaggio, per disporre del mio denaro e della mia roba.

Se mi avesse dato un po di carta e avesse promesso di spedire quello che avrei scritto, sarei morto pi sereno.

Dopo una breve riflessione acconsent, e pesc nella valigia un blocco per note: me lo porse solennemente ed io tornai a sedermi.

Tirai fuori una matita e ne spezzai apposta la punta quando incominciai a scrivere, causando un ulteriore ritardo mentre il pazzo ne cercava unaltra.

Quando mi diede la sua, prese la mia e le fece la punta con un grosso coltello dal manico di corno che teneva infilato nella cintura sotto la giacca.

Evidentemente, se avessi spezzato una seconda volta la punta, non avrei guadagnato pi molto tempo.

Oggi ricordo ben poco di ci che scrissi.

Si trattava di frasi quasi tutte prive di senso, un guazzabuglio di brani letterari imparati a memoria, quando non riuscivo a trovare qualcosaltro da dire.

Resi la mia grafia incomprensibile, per quanto potevo, senza per questo distruggerne il carattere di scrittura: infatti sapevo che probabilmente il pazzo avrebbe dato unocchiata, prima di incominciare lesperimento, e avrebbe reagito in modo molto sgradevole se si fosse accorto che lavevo preso in giro.

Fu una prova terribile, e ad ogni istante imprecavo contro la lentezza del treno.

Spesso, in passato, avevo fischiettato un vivace gallop al ritmo scattante delle ruote sui binari: ma adesso il tempo mi sembrava rallentato in una marcia funebre la mia marcia funebre, pensai avvilito.

La mia astuzia and bene fino a quando ebbi coperto pi di quattro pagine di quindici centimetri per venti; ma, alla fine, il pazzo tir fuori lorologio e mi annunci che mi concedeva soltanto altri cinque minuti.

Cosa potevo fare, dopo? Mentre mi affrettavo a terminare il testamento, mi venne una nuova idea.

Conclusi con uno svolazzo e gli consegnai i fogli; luomo li infil senza guardarli nella tasca sinistra della giacca.

Allora gli rammentai i miei influenti amici di Sacramento, che si sarebbero interessati moltissimo alla sua invenzione.

Non sarebbe opportuno che le dessi una lettera di presentazione?, feci.

Potrei fare un disegno firmato, con una descrizione completa del suo boia, cos sarebbero lieti di ascoltarla.

Possono renderla famoso, sa e senza il minimo dubbio adotteranno il suo metodo per lo Stato della California, se ne verranno informati da uno come me, perch mi conoscono e mi stimano.

Tentai quel metodo nella speranza che il suo orgoglio dinventore frustrato gli facesse dimenticare per un po gli aspetti aztechi e religiosi della sua mania.

E, quando avesse ricominciato a insistere su quel filone, decisi, me ne sarei venuto fuori con la rivelazione e la profezia.

Il piano funzion, perch gli occhi gli brillarono in un pronto consenso, anche se mi disse bruscamente di fare in fretta.

Frug ancora nella valigia, tir fuori una bizzarra congerie di pile di vetro e di avvolgimenti, alla quale era fissato il filo collegato al casco, e si lanci in un fuoco di fila di spiegazioni troppo tecniche perch potessi seguirle, e che tuttavia parevano plausibili e sensate.

Finsi di trascrivere tutto ci che mi andava dicendo, e intanto mi chiedevo se quello strano aggeggio era davvero una batteria.

Avrei avvertito una lieve scossa, quando lui avrebbe attivato lapparecchio? Certo, quelluomo parlava come un elettricista esperto.

Era chiaro che provava gusto a descrivere la sua invenzione, e mi accorsi che era un po meno impaziente di prima.

Il grigiore dellalba divenne di un rosso brillante, oltre il finestrino, prima che il pazzo avesse finito, e mi resi conto, finalmente, che la speranza di salvarmi era divenuta davvero concreta.

Ma anche luomo vide lalba, e ricominci a lanciare occhiate furiose.

Sapeva che il treno sarebbe arrivato alle cinque a Citt del Messico, e si sarebbe affrettato ad agire, se io non fossi riuscito ad allettarlo con qualche idea nuova.

Mentre si alzava con fare deciso, sistemando la batteria sul sedile accanto alla valigia aperta, gli ricordai che non avevo ancora fatto il disegno, e lo pregai di tenere il casco, in modo che potessi raffigurarlo vicino alla batteria.

Si convinse e torn a sedere, ammonendomi pi volte di affrettarmi.

Dopo un po, minterruppi per chiedergli altre spiegazioni; volevo sapere come veniva sistemata la vittima per lesecuzione, e come si poteva impedire che si divincolasse.

Ma, rispose luomo, il criminale legato a un palo.

Non importa che agiti la testa, perch il casco aderente e lo diventa ancora di pi quando arriva la corrente.

Noi giriamo linterruttore poco a poco ecco qui, regolato per mezzo di un reostato.

Mi venne in mente una nuova possibilit di guadagnare tempo, mentre i campi arati e le case sempre pi frequenti, nella campagna illuminata dallalba, annunciavano che ci stavamo finalmente avvicinando alla capitale.

Per, dissi, devo disegnare il casco anche su una testa umana, non solo accanto alla batteria.

Non pu infilarlo un momento, in modo che possa fare uno schizzo dal vero? Anche i giornali, come i funzionari, ci terranno molto: vogliono sempre la massima precisione.

Per puro caso, avevo fatto un colpo migliore di quanto sperassi, perch, al sentir parlare dei giornali, gli occhi del pazzo ripresero a brillare.

I giornali? Sicuro accidenti a loro! Lei pu farmi ascoltare anche dai giornalisti! Hanno riso di me e non hanno voluto stampare una sola parola.

Ecco, si sbrighi! Non abbiamo un attimo da perdere! Adesso quei maledetti pubblicheranno le illustrazioni! Corregger io il disegno, se commetter qualche errore bisogna essere precisi ad ogni costo.

Dopo, la polizia la ritrover e riveler che lapparecchio funziona.

Ne dar notizia lAssociated Press confermer la sua lettera la fama immortale Presto, le dico presto, maledizione! Il treno procedeva a scossoni sulla strada ferrata malconcia nei pressi della citt, e di tanto in tanto barcollavamo, perdendo lequilibrio.

Ne approfittai per spezzare di nuovo la mina della matita, ma subito il pazzo mi tese la mia, cui avevo rifatto la punta.

La mia prima serie di trucchi era quasi esaurita, e sentivo che presto avrei dovuto lasciarmi mettere in testa quel casco.

Cera ancora un buon quarto dora prima di arrivare alla stazione, ed era ormai il momento di fare appello alla mania religiosa del mio interlocutore e di lanciare la profezia divina.

Richiamai alla memoria quel po che sapevo della mitologia nahua (9) e azteca, e allimprovviso lasciai cadere carta e matita e cominciai a cantilenare.

I! I! Tloquenahuaque, Tu che Sei Tutto! E anche Tu, Ipanelmoan, Grazie al Quale Noi Viviamo! Io odo, io odo! Io vedo, io vedo! Aquila portatrice del serpente, salute a Te! Un messaggio! Un messaggio! Huitzilopochtli, il tuono echeggia nella mia anima! Udendo quelle parole, il pazzo mi guard con unespressione incredula attraverso la strana maschera: il suo bel volto mostrava una sorpresa ed una perplessit che presto si mutarono in allarme.

Per un attimo sembr che la sua mente si svuotasse e poi si ricristallizzasse secondo altri principi.

Lev alte entrambe le mani, e cantilen come in un sogno.

Mictlanteuctli, Grande Signore, un segno! Un segno dalla tua Grotta Nera! I! Toniatiuh-Metzti! Cthulhu! Comanda, ed io obbedisco! In quellaccozzaglia insensata, una parola suscit uno strano eco nella mia memoria.

Strana, perch non figura nei testi stampati che parlano della mitologia messicana, eppure io lavevo udita pi duna volta, mormorata con reverenza dai peones delle miniere di Tlaxcala di propriet della mia ditta.

A quanto sembrava, faceva parte di un rituale immensamente segreto e antico; infatti, di tanto in tanto avevo osservato caratteristiche reazioni sussurrate, tuttora ignote alla scienza ufficiale.

Il pazzo doveva aver trascorso parecchio tempo fra i peones e gli indios delle montagne, proprio come aveva detto lui: infatti, quella tradizione non documentata non poteva provenire da una semplice erudizione acquisita sui libri.

Mi resi conto dellimportanza che luomo doveva attribuire a quel gergo doppiamente esoterico, e decisi di colpirlo nel punto pi vulnerabile, dandogli le risposte insensate che avevo ascoltato dalle labbra degli indigeni.

Ya-Rlyeh! Ya-Rlyeh!, gridai.

Cthulhu fhtaghn! Niggurat-Yig! Yog-Sothoth Non riuscii a finire.

Galvanizzato, in una epilessia religiosa scatenata dallesatta risposta che probabilmente il suo subcosciente non si aspettava, il pazzo si butt in ginocchio sul pavimento, piegando pi e pi volte la testa coperta dal casco di rete metallica, girandola a destra ed a sinistra.

Ogni volta i suoi inchini si facevano pi profondi, e io potevo udire le sue labbra schiumanti ripetere una parola uccidere, uccidere, uccidere, con una voce monotona via via pi alta.

Mi accorsi di avere strafatto; la mia risposta aveva scatenato una crescente mania che lo avrebbe spinto a uccidere prima che il treno entrasse in stazione.

Mentre larco dei dondolii del pazzo si ampliava gradualmente, il cavo che collegava il casco alla batteria aveva naturalmente finito per svolgersi.

In un delirio destasi che lo rendeva dimentico di ogni cosa, luomo cominci ad allargare le oscillazioni in cerchi completi, e il cavo gli si arrotol attorno al collo, e cominci a tirare i morsetti che lo fissavano alla batteria sul sedile.

Mi chiesi che cosa avrebbe fatto quando fosse accaduto linevitabile, e la batteria sarebbe caduta sul pavimento dove, molto probabilmente, sarebbe andata in pezzi.

Poi, allimprovviso, la catastrofe.

La batteria, spinta oltre il bordo del sedile dallultimo gesto di frenesia orgiastica del pazzo, cadde: ma non si schiant.

Invece, mentre il mio sguardo coglieva la scena in un istante fuggevole, fu il reostato a ricevere lurto pi forte, e linterruttore scatt istantaneamente al massimo della corrente.

E la cosa pi straordinaria fu che la corrente cera davvero.

Linvenzione non era soltanto il sogno di un folle.

Vidi un corrusco, abbagliante lampo aurorale, udii un grido ululante pi orrendo di tutte le precedenti urla di quel viaggio pazzesco, e avvertii lodore nauseante della carne bruciata.

La mia coscienza sconvolta non pot sopportare altro, e piombai nella pi totale insensibilit.

Quando la guardia del treno mi fece rinvenire, a Citt del Messico, vidi una folla raccolta attorno allo sportello dello scompartimento.

Lanciai un grido involontario e le facce divennero curiose e dubbiose: provai un senso di sollievo quando la guardia chiuse fuori tutti, tranne lelegante dottore che si era fatto largo sino a me.

Il mio grido era perfettamente naturale, ma era stato suscitato da qualcosa di pi bello dello spettacolo sconvolgente che mi ero aspettato di scorgere sul pavimento della carrozza.

Anzi, dovrei dire da qualcosa di meno, perch sul pavimento non cera assolutamente nulla.

Non cera stato niente, disse la guardia, neppure quando aveva aperto lo sportello e mi aveva trovato privo di sensi.

Il mio biglietto era lunico che fosse stato venduto per quello scompartimento, ed ero la sola persona che vi avesse trovato.

Ceravamo soltanto io e la mia valigia, nientaltro.

Ero stato solo per tutta la strada, da Queretaro a Citt del Messico.

La guardia, il dottore e gli spettatori, si batterono un dito sulla fronte in un gesto significativo, alle mie domande insistenti e frenetiche.

Era stato tutto un sogno, oppure ero davvero impazzito? Ricordai la mia ansia, i nervi tesi, e rabbrividii.

Ringraziai la guardia e il medico, mi sbarazzai della folla dei curiosi, salii barcollando su una carrozza di piazza e mi feci portare alla Fonda Nacional dove, dopo aver telegrafato a Jackson e alla miniera, dormii fino al pomeriggio, per cercare di riprendermi.

Avevo dato ordine di chiamarmi alluna, in tempo per prendere il treno a scartamento ridotto per la zona mineraria ma, quando uscii, trovai un telegramma infilato sotto la porta.

Era di Jackson, e diceva che Feldon era stato trovato morto tra le montagne quella mattina; la notizia era arrivata alla miniera verso le dieci.

I documenti erano stati recuperati, e lufficio di San Francisco gi avvertito.

Quindi il viaggio, con tutta la sua fretta nervosa e quellangosciosa tortura mentale, era stato inutile! Sapendo che McComb avrebbe voluto un rapporto personale nonostante la piega assunta dagli eventi, mi feci precedere da un altro telegramma e partii.

Quattro ore dopo, tra scossoni e sussulti, venni scaricato alla stazione della miniera n.

3, dove Jackson mi aspettava.

Mi accolse cordialmente, ma era cos preso dalla faccenda della miniera che non si accorse del mio aspetto ancora scosso e stralunato.

Il racconto del sovrintendente fu breve: me lo fece mentre mi guidava verso la baracca sulla collina, sopra larrastra, dovera il cadavere.

Feldon, mi disse, era sempre stato un tipo strano e taciturno, fin da quando era stato assunto un anno prima; lavorava su un suo misterioso apparecchio, si lamentava di essere continuamente spiato, e mostrava uneccessiva familiarit con gli operai indigeni.

Ma certamente conosceva bene il suo lavoro, la zona e la gente.

Faceva lunghi giri tra le montagne dove vivevano i peones, e prendeva addirittura parte alle loro antiche cerimonie paganeggianti.

Alludeva a strani segreti ed a bizzarri poteri non meno spesso di quanto si vantasse della sua abilit meccanica.

Negli ultimi tempi era crollato rapidamente; nutriva sospetti morbosi nei confronti dei colleghi, e senza dubbio aveva preso parte, insieme ai suoi amici indigeni, ai furti di minerale, quando si era trovato a corto di denaro.

Aveva bisogno di somme enormi per qualche ragione inspiegabile: continuava a ricevere casse da laboratori e officine di Citt del Messico o degli Stati Uniti.

Alla fine si era nascosto portandosi via i documenti, e si era trattato soltanto di un gesto folle, per vendicarsi di quelli che lo avevano spiato.

Senza dubbio doveva essere matto da legare, perch era andato in una grotta nascosta tra i pendii selvaggi della malfamata Sierra de Malinche, dove non abita neppure un bianco, e aveva fatto alcune cose straordinariamente bizzarre.

La grotta, che non sarebbe mai stata trovata senza la tragedia finale, era piena di altari e di orribili, antichi idoli aztechi; gli altari erano coperti di ossa carbonizzate di vittime di dubbia natura, sacrificate di recente.

Gli indigeni non volevano parlare, anzi giuravano di non saperne niente, ma era facile constatare che la grotta era un loro vecchio ritrovo, e che Feldon aveva preso parte alle loro pratiche.

Gli uomini che lo stavano cercando avevano scoperto la grotta soltanto perch avevano udito le cantilene e il grido finale.

Verso le cinque del mattino, dopo aver trascorso la notte nellaccampamento, avevano incominciato a smontare tutto per tornarsene alla miniera a mani vuote.

Poi qualcuno aveva udito in lontananza quei ritmi fievoli, e aveva capito che gli indigeni stavano recitando uno dei loro antichi, maligni rituali, in qualche localit isolata sul fianco della montagna che aveva il profilo di un cadavere disteso.

Gli uomini avevano udito i soliti, antichi nomi, Mictlanteuctli, Tonatiuh-Metzli, Cthulhu, Ya-Rlyeh e tutto il resto, ma la cosa pi strana era che ad essi si mescolavano alcune parole inglesi: era il vero inglese di un bianco, non di un messicano.

Guidati dai suoni, avevano salito la montagna coperta di erbacce: e, allimprovviso, dopo una breve pausa di silenzio, avevano udito esplodere un urlo.

Era terribile, pi atroce di quanto avessero mai avuto occasione di udire.

E cera anche un po di fumo, e un odore acre e morboso.

Avevano continuato ad avanzare verso la grotta, il cui ingresso era nascosto dagli arbusti, ma lasciava passare nubi di fumo fetido.

Linterno era illuminato: laltare orribile e gli idoli grotteschi spiccavano nel chiarore vacillante di candele che dovevano essere state cambiate meno di mezzora prima; e sul pavimento coperto di ciottoli cera qualcosa di orrendo, che costrinse gli uomini ad arretrare.

Era Feldon, con la testa bruciata da uno strano aggeggio che la copriva una specie di gabbia di rete metallica collegata ad una batteria malconcia, evidentemente caduta al suolo da un altare vicino.

Quando la videro, gli uomini si scambiarono occhiate, ricordando il boia elettrico che Feldon sosteneva di avere inventato quello che tutti avevano rifiutato, ma avevano cercato di rubare o di copiare.

I documenti erano, infatti, nel baule aperto di Feldon che stava l accanto e, unora dopo, la colonna era ritornata alla miniera n.

3, trasportando un macabro fardello su di una improvvisata barella.

Era tutto: ma bast a farmi impallidire e tremare, mentre Jackson mi guardava oltre larrastra verso la baracca dove, mi aveva detto, si trovava il cadavere.

Non ero del tutto privo di immaginazione, e sapevo anche troppo bene che la tragedia sinseriva, in modo sovrannaturale, nel mio incubo infernale.

Sapevo ci che avrei visto oltre la porta spalancata attorno alla quale si ammassavano i minatori incuriositi, e non tremai quando i miei occhi scorsero la figura gigantesca, i rozzi abiti di velluto a coste, le mani stranamente delicate, i ciuffi di barba bruciata e la macchina diabolica la batteria un po malconcia, il casco annerito dalla carne carbonizzata La grande valigia gonfia non mi sorprese: una cosa soltanto mi sgoment i fogli ripiegati che spuntavano dalla tasca sinistra.

In un momento in cui nessuno guardava, mimpadronii di quei fogli anche troppo familiari e li accartocciai tra le dita senza osare di leggerne lo scritto.

Adesso mi dispiace un po che una specie di panico mi abbia indotto a bruciarli quella notte stessa, distogliendo lo sguardo.

Avrebbero potuto costituire una prova o una smentita ma in quanto a questo avrei potuto ottenere egualmente una conferma informandomi della pistola che il medico legale, pi tardi, tolse dalla sformata tasca destra della giacca di velluto a coste.

Non ebbi mai il coraggio di fare domande in proposito perch la mia pistola era sparita, dopo quella notte sul treno.

Anche la mia matita recava i segni di tagli rozzi e affrettati, mentre io le avevo fatto la punta con grande cura venerd pomeriggio con il temperalapis nella carrozza privata del presidente McComb.

Finii per ritornare a casa molto perplesso, e forse fu una fortuna.

Quando arrivai a Queretaro, la carrozza privata era stata riparata, e con mio enorme sollievo pass il Rio Grande ed entr a El Paso e poi negli Stati Uniti.

Il venerd seguente ero di nuovo a San Francisco e le nozze, forzatamente rinviate, furono celebrate la settimana successiva.

In quanto a ci che accadde quella notte come ho detto, non oso formulare ipotesi.

Feldon era pazzo, e la sua pazzia era stata ingigantita da una quantit di tradizioni magiche della preistoria azteca che nessuno ha il diritto di conoscere.

Era davvero un inventore geniale, e la batteria doveva funzionare realmente.

In seguito venni a sapere che negli anni precedenti era stato trattato male dalla stampa, dal pubblico e dai politicanti.

Certe delusioni possono rovinare un uomo di un dato tipo.

Comunque, era in atto unempia combinazione di influenze maligne.

Sia detto tra parentesi, era stato veramente nellesercito di Massimiliano.

Quando racconto questa vicenda, molti mi danno del bugiardo.

Altri lattribuiscono ad uno stato psicologico anormale, e in effetti il cielo sa quanto fossi nervoso; mentre altri ancora parlano di proiezione astrale (10).

Senza dubbio, lansia di catturare Feldon aveva lanciato i miei pensieri verso di lui e, grazie alla sua magia indiana, probabilmente li aveva captati.

Era con me sul treno, oppure ero io nella grotta sulla montagna stregata dal profilo di un cadavere? Che ne sarebbe stato di me, se non gli avessi fatto perdere tempo?

Da allora, per, non sono pi tornato in Messico e, come ho detto allinizio, non mi piace sentir parlare di sedia elettrica.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
O divina , sdraiata dormiente Sul marmoreo giaciglio , chi fosti Nella tua vita ?............ Par di sentire gli zoccoli dei cavalli Che attraversando i boschi , la Funesta notizia portan' ai casati Nobili.......

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9958418
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.