La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 1047 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Saint German
Dal libro Io sono

IO, LAVITA, DIO

2

Se ci che hai letto ha svegliato dentro di te una risposta e la tua anima brama di ricevere ancora di pi, allora tu sei pronto per quanto segue.

Ma se tu discuti ancora, o ti ribelli all'apparente pretesa di autorit divina con cui qui ti si parla, e il tuo intelletto ti dice che si tratta solo di un nuovo tentativo per sedurre la tua mente con scaltri suggerimenti e sottile sofistica, allora tu non avrai beneficio da queste parole; poich il loro significato finora nascosto alla tua coscienza mortale e la mia parola deve giungere a te per altre vie e sotto altre forme.

Ed bene se la tua personalit, col suo intelletto, ti spinge a discutere cos e a ribellarti contro l'autorit che non sai ancora essere la mia. Ma sono realmente io che faccio cos ribellare la tua personalit, poich essa, con il suo orgoglioso senso separazione, mi ancora necessaria a sviluppare una mente e un corpo forti abbastanza da potermi esprimere perfettamente. E finch tu non sia preparato a conoscermi, sua missione, datale da me, di discutere e ribellarsi. Ma dall'istante in cui riconosci la mia autorit, l'imperio della personalit comincia ad essere minato; i suoi giorni sono contati e tu ti volgerai sempre pi a me per guida e aiuto.

Non sgomentarti quindi, seguita a leggere e forse il riconoscimento verr. Sappi che puoi leggere e non leggere, come vuoi, ma che, comunque tu faccia, sono realmente io che scelgo e non tu.

Per te, che apparentemente scegli di non leggere oltre, ho altri piani: a suo tempo tu imparerai che, qualunque cosa tu faccia, o ti piaccia, o desideri, sono io che ti conduco attraverso gli inganni e le illusioni della personalit affinch tu ti possa finalmente svegliare alla loro irrealt e volgerti a me quale unica e sola Realt. Allora queste parole troveranno risposta dentro di te: Sii calmo! E sappi: Io - Sono - Dio.

S, io sono la pi intima parte di te, che dimora nell'interno e aspetta e veglia, non conoscendo n spazio n tempo; poich io sono l'Eterno e riempio tutto lo spazio.

Io veglio e aspetto che tu sia stanco delle tue follie, delle tue vane brame, ambizioni e rimpianti, sapendo che tutto verr a suo tempo. Allora ti volgerai a me scoraggiato, vuoto e umile, e mi domanderai di prendere il comando, senza sapere che sempre io fui che ti condussi.

Io sto qui dentro aspettando quietamente che questo accada; pure, mentre aspettavo, ero io che dirigevo la tua condotta, che ispiravo tutti i tuoi pensieri, tutte le tue azioni, utilizzandoli e manipolandoli impersonalmente in modo da portare te, e la mia altra espressione mortale, al riconoscimento cosciente di me.

Io sono stato sempre dentro di te, profondamente, dentro al tuo cuore. Io sono stato con te attraverso tutto, le tue gioie e i tuoi dolori, i tuoi successi e i tuoi errori, attraverso la tua malvagit e la tua onta, attraverso i delitti contro i fratelli e contro Dio che tu credi d'aver commesso.

Sia che tu procedessi innanzi, ti sviassi o arretrassi, ero io che ti spingevo; ero io che ti spingevo innanzi mostrandoti qualche bagliore di me a distanza e coi contorni confusi; ero io che ti allettavo con la visione di me in qualche volto incantevole, in qualche bellissimo corpo, in qualche piacere inebriante o in qualche travolgente ambizione; ero io che ti apparivo sotto le spoglie del peccato, della debolezza, dell'avidit, della sofistica, e ti attiravo indietro nelle fredde braccia della coscienza, lasciandoti lottare nelle sue strette tenebrose; finch tu, risvegliato alla tua impotenza, ti scuotesti disgustato e, ispirato dalla nuova visione, strappasti la mia maschera.

S, sono io che ti faccio fare tutto ci che fai e (puoi comprenderlo?) sono io che faccio tutto ci che fai e tutto ci che fa il tuo fratello; poich in te e in esso tutto ci che , Io, me stesso.

Poich Io sono la vita. Sono io che animo il tuo corpo, che faccio pensare la tua mente e che faccio battere il tuo cuore; sono io che attiro a te il piacere o il dolore, siano essi della carne, dell'intelletto o delle emozioni.

Io sono l'Intimo, lo Spirito, la Causa animatrice dell'essere tuo, di tutta la vita, di tutte le cose viventi visibili e invisibili e non c' nulla che sia morto, poich io, l'Uno impersonale, sono tutto ci che esiste. Io sono infinito e sconfinato; lUniverso il mio corpo; tutta l'intelligenza che in esso emana dalla mia Mente; tutto l'amore che vi fluisce dal mio Cuore; tutta la forza che vi agisce non che la mia volont in azione.

La triplice forza, che si manifesta quale tutta la Sapienza, tutto l'Amore. tutta la Forza o, se preferisci, come Luce, Calore ed Energia; ci che mantiene tutte le forme ed dentro e dietro tutte le espressioni e tutti gli aspetti della vita, siano essi creativi, coesivi o distruttivi, non che la manifestazione di me stesso nell'atto e nello stato di Essere.

Nulla pu essere senza manifestare ed esprimere qualche aspetto di me, che sono non solo il costruttore di tutte le forme, ma colui che dimora in ciascuna di esse. Nel cuore di ciascuna io dimoro, nel cuore dell'uomo, nel cuore dell'animale, nel cuore del fiore, nel cuore della pietra. Nel cuore di ciascuno io vivo, muovo e ho il mio essere, e dal cuore di ciascuno io esprimo quell'aspetto di me che desidero esprimere e che si manifesta nel mondo esterno come una pietra, un fiore, un animale, un uomo.

Che cosa esiste, dunque, tranne questo grande Io? Ma tu domandi: Non dunque consentita a me nessuna individualit?. No, non c' nulla, assolutamente nulla che non sia una parte di me, dominata e retta eternamente da me, l'Una Realt indefinita.

Quanto alla tua cosiddetta individualit, essa non altro che la tua personalit che cerca ancora di conservare un'esistenza separata. Ma ben presto tu conoscerai che non esiste individualit separata dalla mia individualit e che ogni personalit svanisce nella mia divina impersonalit.

Tu raggiungerai presto quello stato di risveglio in cui potrai avere un barlume della mia impersonalit e allora non desidererai pi per te alcuna individualit, alcuna separazione; poich avrai compreso che essa solo e ancora una illusione della personalit.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
La bellezza un tormento, vorrei essere luce a levigare i marmi e le appuntite stalattiti di ghiaccio, la bellezza un tormento, ed io il suo pagliaccio.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9994999
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.