La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 664 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Saint Germain

LA CHIAVE

4

possibile che tu non sappia ancora che Io sono, che tu non creda che Io sono Te realmente, e che Io sono in ugual modo tuo fratello e tua sorella e che siete tutti parti di Me e uno con Me. Tu puoi non riconoscere che l'animo tuo e quello dei tuoi fratelli, le sole parti veramente imperiture del tuo tu mortale, sono soltanto aspetti differenti di Me, esprimentisi nella cosiddetta Natura. Cos pure pu essere che tu non comprenda che tu e i tuoi fratelli siete aspetti o attributi della mia divina Natura, precisamente come la tua personalit umana, con il suo corpo, la sua mente e il suo intelletto mortali, un aspetto della tua natura umana.

No, tu non puoi ancora comprendere questo, ma io te ne parlo ora, perch tu possa conoscere i segni quando essi cominceranno ad apparire nella tua coscienza, come certo appariranno. Ma per riconoscere questi segni, tu devi studiare attentamente e meditare quanto segue e non passare oltre finch tu non abbia, almeno in parte, afferrato quel che io voglio dirti. Una volta compreso bene il principio che io qui stabilizzo, tutto il mio messaggio diviene chiaro e comprensibile.

Io ti do innanzitutto la chiave con la quale aprirai ogni mistero che ora ti nasconde il segreto del mio Essere. Quando avrai imparato ad adoperarla, questa chiave ti aprir le porte di tutta la sapienza, di tutto il potere nel Cielo e sulla Terra. Invero essa ti aprir la porta del Regno dei Cieli e tu non avrai che da entrare per divenire coscientemente uno come me.

Questa chiave : Pensare creare. Ci pu essere espresso cos: Tu sei come pensi nel tuo cuore. Fermati e medita su questo, affinch si fissi saldamente nella tua mente.

Un pensatore un creatore; egli vive in un mondo di propria cosciente creazione. Quando tu sai come pensare puoi creare a volont qualunque cosa tu voglia: una nuova personalit, un nuovo ambiente, un nuovo mondo.

Vediamo se puoi afferrare alcune delle verit nascoste e dominate da questa chiave. Ti ho mostrato come tutta la coscienza sia una e come tale coscienza sia al tempo stesso la tua, quella dell'animale, della pianta, della pietra e della cellula invisibile.

Hai visto come questa coscienza sia retta dalla mia volont che unisce le cellule invisibili, forma i vari organismi per l'espressione e l'uso dei diversi centri d'intelligenza attraverso i quali io desidero esprimermi. Ma non puoi ancora comprendere come tu possa dominare e dirigere la coscienza delle cellule del tuo corpo e, pi ancora, quelle degli altri corpi, quantunque tu e io ed essi siamo tutti uno in coscienza e intelligenza. Facendo bene attenzione a quanto segue, potrai riuscire a comprenderlo.

Hai mai meditato su cosa sia la coscienza? Come essa paia essere uno stato impersonale di attenzione, un'aspettazione di servire o di essere adoperata da qualche potere latente in te e in intima relazione con te? E come molti paiano essere il tipo pi elevato di organismo contenente tale coscienza, diretta e usata da questo potere interiore? E che tale potere, latente tanto nella coscienza umana quanto in ogni altra, soltanto la mia volont?

Ti stato detto che al principio io creai l'uomo a mia immagine e somiglianza; che poi soffiai in lui l'alito di vita, e che egli divenne un'anima vivente. Creando l'uomo a mia immagine e somiglianza, io creai un organismo capace di esprimere

tutta la mia Coscienza e la mia Volont, il mio Potere, la mia Intelligenza e tutto il mio Amore. Io lo feci perfetto fin dal principio, modellandolo secondo la mia perfezione.

Quando io soffiai nell'organismo umano il mio alito, esso divenne vivo di me, poich in quell'istante io alitai in esso il mio volere non dall'esterno ma dall'interno, dal Regno dei Cieli dove sempre Io sono.

E d'allora in poi io sempre respirai e vissi ed ebbi esistenza dentro l'uomo, avendolo creato a mia immagine e somiglianza a questo scopo. Perci, dovunque sia l'uomo lo sono; e qualunque cosa l'uomo faccia, o tu faccia, sono Io che la faccio; e qualunque cosa tu dica o pensi, sono Io che dico e penso attraverso il tuo organismo. Ti fu pure detto che quando l'uomo fu cos compenetrato dal mio alito, gli fu dato il dominio su tutti i regni della Terra. Il che significa che egli fu fatto signore della terra, del mare, dell'aria e degli teri e che tutti gli esseri viventi in tutti questi regni rendevano omaggio a lui ed erano soggetti al suo volere. Naturalmente era cos, poich io, dentro la coscienza umana e dentro tutte le coscienze, manifesto continuamente il mio volere; e io, il signore e regolatore dell'organismo dell'uomo, sono pure signore e regolatore di tutti gli organismi in cui dimora la coscienza. E poich tutta la coscienza la mia coscienza e dimora dovunque vita e poich non v' sostanza in cui non sia vita, la mia coscienza dev'essere in ogni cosa: nella terra, nell'acqua, nell'aria e nel fuoco e deve perci riempire tutto lo spazio. Infatti essa spazio o ci che l'uomo chiama spazio.

La Mia Volont, essendo il potere latente in tutta la coscienza, deve estendersi dappertutto; quindi la volont dell'uomo, che solo una localizzazione della mia volont, deve pure estendersi dappertutto e perci la coscienza di tutti gli organismi, la tua compresa, soggetta al dominio e alla direzione dell'uomo.

Occorre soltanto che egli realizzi coscientemente che io, il S imperante dentro di lui, di continuo dirigo, domino e uso la coscienza di tutti gli organismi, in ogni momento, in ogni giorno della loro vita. E io faccio questo per mezzo del suo pensiero; io lo faccio per mezzo dell'organismo dell'uomo. Egli crede di pensare; ma sono io, il suo S reale, che penso per mezzo del suo organismo. E per mezzo dell'atto di pensare, io compio tutto ci che compie l'uomo e faccio dell'uomo e del suo mondo ci che sono.

Non importa che l'uomo e il suo mondo non siano ci che egli suppone. Essi sono precisamente come io li ho creati per il mio scopo.

Ma tu dirai: se sempre questo solo Io che pensa, l'uomo non pensa e non pu pensare. S, questo sembra un mistero, ma ti sar svelato, se tu osserverai attentamente quanto segue: poich io insegno ora a te, uomo, come pensare.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Parco fu il tempo, insufficiente e avaro, non ci fu amico perch lesto troppo, se fosse stato almeno un poco zoppo o meno bisognoso di danaro,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3083
Totali visite
10011244
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.