La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: agosto 14, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 680 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Saint Germain

LA PAROLA

6

Prendiamo ora la chiave e vediamo come il piano e il processo ora descritti siano quelli con cui il mondo venne all'esistenza e come la terra e tutto quanto essa contiene, compresi te e i tuoi fratelli, non siate che manifestazioni esterne di un'idea, della mia Idea, che ora viene pensata in espressione di vita.

Sappi innanzitutto che io, il Creatore, sono il Pensatore originario, l'Uno e l'Unico pensatore. Come stato detto prima, l'uomo non pensa. Sono io che penso per mezzo del suo organismo. Luomo crede di pensare, ma prima d'essersi svegliato alla realizzazione di me dentro, egli non fa che prendere i pensieri che attraggo a lui o ispiro alla sua mente. Ingannandosi intorno al loro reale significato e al loro scopo, egli costruisce su di essi un edificio personale e, con i desideri egoistici cos suscitati, crea da se stesso tutti i suoi affanni, tutti i suoi guai.

Ma tutti questi apparenti errori, questi concetti falsi, questi intralci, sono in realt soltanto ostacoli che io metto sulla sua strada perch li superi e perch, appunto nello sforzo di superarli, egli sviluppi alfine un corpo e una mente forti e capaci di esprimere perfettamente e coscientemente questa mia idea, che agisce eternamente nella sua anima.

Luomo dunque soltanto l'organismo che io preparo per potere, attraverso d esso, manifestare la perfezione della mia idea. Egli fornisce la personalit, con il suo corpo, la sua mente e il suo intelletto, per mezzo dei quali io posso esprimere questa idea, e il cervello fisico con cui io posso pensarla in manifestazione esterna.

Io semino nel cervello umano un'idea qualsiasi ed essa cresce, si sviluppa e giunge a completa maturazione e fruttificazione esterna; ma non finch l'uomo non sia divenuto capace di non attaccare pi nulla di personale all'idea che gli ho ispirato e che esprimo per mezzo suo; non finch egli non abbia completamente abbandonato a me la sua personalit. Io semino ora nel tuo cervello un'idea. Possa essa crescere e svilupparsi e maturare nella splendida messe di sapienza che ti aspetta; ma tu devi lasciare che io diriga il suo sviluppo e la sua espressione attraverso di te.

In una delle altre mie rivelazioni, chiamata Bibbia, si parla molto della Parola; ma ben pochi, anche tra i pi dotti studiosi della Bibbia, comprendono chiaramente ci che intendo.

detto che: In principio era il Verbo, il Verbo era con Dio e il Verbo era Dio. Cos era in principio riguardo a Dio. Tutte le cose furono fatte da lui e senza di lui nessuna cosa fu fatta. Tu imparerai ora qui come la mia Parola era in principio, come essa era con me e come essa era io, me stesso; come tutte le cose furono fatte da me e dalla mia Parola e che senza di me e della mia Parola nulla di quanto esiste stato fatto.

Orbene, la parola, secondo l'intelletto umano, simbolo di un'idea, vale a dire rappresenta, d corpo, esprime un'idea.

Tu, vedi, sei una Parola, il simbolo di un'idea. Cos un diamante, una violetta, un cavallo. Se tu sei capace di scorgere l'idea dietro il simbolo, tu conosci l'anima, ovvero la realt della manifestazione che appare come un uomo, un diamante, una violetta, un cavallo. Quindi Parola, nella precedente citazione, significa Idea; un'idea latente, non manifestata, che aspetta di essere espressa o pensata in una forma o in un'altra.

La Parola che era in principio e che era con me, era quindi non solo un'idea, ma la mia idea di me stesso in espressione in un nuovo stato e condizione che tu chiami vita terrena.

Questa idea era Io, perch era parte di me, essendo ancora latente e immanifesta dentro di me, poich era la sostanza, essenza del mio Essere, che esso stesso un'idea, l'Idea Una, originaria.

Tutte le cose furono fatte da me per mezzo dell'azione vitalizzante di questa mia Idea, pensata in espressione; nulla nella vita terrena fu o potr mai essere espresso senza avere la mia Idea come causa prima e fondamentale, come principio del suo essere.

Questa mia idea ora in processo di sviluppo, ossia d'essere pensata in espressione esterna; alcuni chiamano evoluzione questo processo. Precisamente come prima spunta il germoglio dal tronco e poi si forma il bocciolo, poi si schiude il fiore, obbedendo all'impulso di esprimere la mia idea celata dentro la sua anima, precisamente cos io svilupper tutti i miei strumenti d'espressione i quali, finalmente riuniti insieme, rappresenteranno completamente la mia Idea, esprimendola dalle loro anime nello splendore della sua perfezione.

Al presente questi strumenti sono di tal natura che per esprimere la mia idea richiedono molte lingue, molti tipi, dal pi semplice al pi complesso, e composti di un numero quasi infinito di parole. Ma quando io avr completamente esternato la mia Idea, cio avr perfezionato i miei molti strumenti d'espressione, allora la mia Idea splender in ogni parola, ognuna essendo infatti una parte o un aspetto perfetto della mia Idea, tutte scelte e disposte in modo da essere realmente una sola parola, irradiante la sublime intelligenza del mio intento. Allora le lingue si saranno mescolate e fuse in un solo linguaggio, tutte le parole in una Parola, poich tutti gli strumenti saranno divenuti carne e tutta la carne sar divenuta Una carne, cio lo strumento perfetto per la completa espressione della mia Idea in una Parola.

Allora la mia Idea, avendo possibilit di venire espressa da quelle perfette parole, splender attraverso i suoi strumenti di espressione, attraverso le personalit, i loro corpi, le loro menti, i loro intelletti; e la Parola sar divenuta carne, cio sar carne.

Il che significa che tutte le parole per mezzo del potere rigenerante della mia Idea, avranno evoluto attraverso la carne, trasmutandola, spiritualizzandola e rendendola cos pura e trasparente che la personalit non avr pi in s nulla di terreno che possa impedirne l'espressione impersonale; quindi il mio Intento potr irradiare perfettamente e divenire del tutto manifesto, amalgamando cos di nuovo tutte le parole e tutta la carne in Una Parola. La Parola che era in principio e che ora splende attraverso tutta la carne creata come il Sole di Gloria.

Questo il piano e lo scopo della mia Creazione e di tutte le cose manifeste.

Un barlume del processo della mia Creazione, ossia del pensare la mia Idea di me stesso in espressione terrena, sar data da quanto segue.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Stasera interroghiamo il muro, cerchiamo risposte che non si possono dire, forse percepire, proiettare, mimare. Nero su bianco, ma un nero pi ardente che inchiostro, un bianco pi fulgente che foglio, giungono

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9959932
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.