La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 24, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 631 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Stelvio Mestrovich
S I M B I O S I


Mi trovo alla stazione ferroviaria di Brno, l'antica Bruenn, capitale della Moravia. Ci sono ancora le scritte in tre lingue. Nell'ordine: in ceco, in russo e in tedesco. Mi piace vedere le stazioni delle citt che visito. Ognuna di esse racchiude una storia tangibile, popolare e fluida, spesso pi interessante di quella del duomo o del castello.
Qui il movimento plurietnico. Tutto si confonde all'interno di una pregevole struttura architettonica, ricca di acuti artistici. Senza scendere nei particolari, appare chiaro che la citt ha avuto i suoi momenti di gloria. E la stazione, come accennavo prima, un significativo biglietto da visita per il turista attento.
Cammino sulla banchina, vicino al primo binario. Non molto lontano da me, se ne sta un soldato dell' Armata Rossa. E' in servizio e incute rispetto. Mi fermo a debita distanza per fumare una sigaretta, ma invano cerco i fiammiferi. Li ho dimenticati da qualche parte. Lui, allora, che mi aveva gi notato, si avvicina e tira fuori l'accendino. Mi chino un po', con la sigaretta tra le labbra. Poi l'osservo. Ha gli zigomi pronunciati e gli occhi di mora acerba. Capelli a spazzola, biondi. La bocca dura, priva di espressione. Un guizzo come di simpatia nei miei confronti balza in quelle pupille lontane. Acerbe. Gli dico 'grazie', quindi dekuji in lingua ceca. Lui abbozza un sorriso, dopodich torna al suo posto.
Un treno, intanto, si fermato sul terzo binario. Vi scendono per lo pi studenti e coppie di anziani. I macchinisti salutano e parlano col capostazione. Un merci transita sul primo e mi toglie la visuale. E il soldato che fa? Apparentemente l buono, che guarda. In realt, e io lo so, passa al setaccio ogni persona che entra ed esce dalla stazione. E' il suo compito. Che gli piaccia o meno.
E a me prende la voglia di entrare nella sala movimenti. La porta chiusa. Si potr vederla o sar proibito? Sento che la mia indecisione controllata. Qualcuno (lui!) sta sorvegliando le mie mosse. Allora mi giro e gli punto gli occhi addosso. 'Posso?' , gli chiedo con una mimica infantile. Il soldato si volta dall'altra parte. E' la sua maniera di dirmi di s. Ma non faccio in tempo a bussare, che mi blocco con la mano sul battente della porta. Un urlo concitato , proveniente dalle bigliettere, invade la stazione. Lui, il ragazzo dagli occhi di mora acerba, sta in guardia. Come se presagisse qualcosa di poco buono, libera la pistola dalla fondina.
Un'ombra mi passa davanti. Dietro di lei voci che intimano l' 'alt!' Il soldato in ginocchio e prende la mira. Quell'ombra, quel guizzo non si ferma. Poi uno sparo. E un altro ancora. Il fuggiasco cade esanime sotto uno degli orologi della nadrazi, della stazione. Accorro per primo a vedere, ma il soldato mi respinge brutalmente. Il morto un ragazzino. Uno zingaro. Massimo diciassettenne. Un ladro, dicono. Aveva rubato una catenina d'oro. Qualcosa di giallo esce dal pugno della mano sinistra. Il corpo del reato.
Tremo. Mi agito. E' forse un sogno? Un brutto sogno? Guardo altrove. In alto. Il cielo grigio. Classico dei sogni. Mi perdo nel lembo incolore. Ignoro per quanto tempo. Sento caldo, abbasso lo sguardo e mi trovo alla stazione. In un'altra stazione. Una vecchia locomotiva sbuffante sta arrivando sull'unico binario. Su un legno leggo il nome del posto. Buffalo City. Mi vicino un tenente dell'Unione. Rigido ed elegantissimo. Pure lui con i capelli a spazzola, biondi. Sta fumando un sigaro . Si accorto della mia presenza, ma continua ad osservare un punto lontano, oltre la palla arancione del sole. Dal treno scendono facce da film western. Io mi appoggio a uno steccato. Il contatto reale. Che mi succede? Poi degli spari. Stanno inseguendo qualcuno. Dal polverone esce una sagoma che corre. E' un fulmine. Si fa largo tra la gente. Attraversa l'unico binario. A pochi passi dalla locomotiva che rantola ancora. Il tenentino sgrana i suoi occhi di mora acerba. Senza dire niente a nessuno, impugna il revolver e prende la mira. Seguono due colpi. Il fuggiasco alza le mani prima di cadere in avanti. Quando trascinano il cadavere davanti la sala d'aspetto, mi accorgo che un giovane indiano. E' un ladro, ripetono. Ha rubato una catenina d'oro. Ha avuto ci che si meritava. C' chi si complimenta col tenente dell'Unione. Che ha gettato via il sigaro. Ma che continua a guardare oltre la palla di fuoco del sole.
La stazione un po' l'anima della storia. E la storia un po' il nostro destino che si ripete. A pensarci bene ... Mi scuoto. Ho avuto un giramento di testa? Dove sono? Perch tutti mi osservano incuriositi?
No, non stato tutto un sogno. A Brno c'ero veramente. Il quattro maggio dell'anno che non dico.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
-

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9966989
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.