La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 19, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Racconti inediti e/o celebri | Totali visite: 527 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Vittorio Baccelli

RADICI

All'interno dei colori d'un fiore sono alla ricerca del mio io, pian piano mi addentro nelle zone limite tra una sfumatura e l'altra ed infine scorgo la configurazione frattale pi familiare, l'insieme di Mandelbrot.
Mi spingo parallelo al perimetro fino ad un lungo braccio, il pi lungo dell'insieme e mi appare la configurazione della croce nella quale mi identifico.
Mi lascio scivolare sulle morbide linee della croce, ne assaporo i contorni familiari, la percorro in ogni suo spazio, infine mi tuffo nel suo centro addentrandomi nuovamente in un pi piccolo insieme che percorro fino al braccio, poi individuo la croce e di nuovo mi tuffo verso un ancor pi piccolo insieme e cos via assaporando l'autosomiglianza.
E' un gioco, una ragione di vita, un atto mistico che potrei condurre all'infinito.
L'uomo ha scoperto molto tempo fa queste zone di confine, poi ogni singolo individuo si identificato in una piccola porzione di esse ed il frammento divenuto il nome e l'individuo.
Il tutto ebbe inizio con le scoperte sulle geometrie frattali, dall'insieme di Cantor e di Julia all'attrattore di Lorenz e poi il principio d'indeterminazione di Werner Heisenberg ed ancora Lorenz con la teoria del battito d'ali d'una farfalla: il cosiddetto effetto farfalla.
Il caos svelava i suoi segreti mentre i sistemi complessi collassavano uno ad uno.
Ed anche la pluirimillenaria civilt umana collass sotto la spinta e la realizzazione delle universali leggi del caos.
Ed il collasso port nuova conoscenza, le zone limite, di frontiera, si rivelarono fonti di vita.
Lo sviluppo delle equazioni differenziali, degli algoritmi, le zone di attrazione magnetica, i campi gravitazionali, le variazioni cromatiche, tutto portava ad un nuovo mondo che divenne percepibile all'uomo senza l'ausilio dei computer.
E l'umanit trov la propria ragione di essere, le proprie radici, il proprio futuro, ove individuo e specie s'intersecavano in volute geometriche sempre pi complesse.
Ed nell'insieme di Mandelbrot che l'umanit ha incontrato altre culture.
L'insieme ovunque e lo vado ricercando nei colori dei fiori, nei raggi del nostro sole, nel magnetismo terrestre, nella bioenergia del mio o degli altri corpi.
Nell'armonia del caos la vita diviene una continua ricerca, un crogiuolo di conoscenze e di esperienze.
Gradualmente abbiamo preso dimestichezza con le nuove realt e man mano che la conoscenza s'ingigantiva le percezioni delle zone di frontiera si sono fatte pi visibili, pi reali, poi estremamente concrete. Il tutto svelando i suoi misteri risulta estremamente armonico, l'energia ci nutre, passiamo la maggior parte delle nostre giornate ad affinare l'esplorazione degli insiemi che si concatenano all'infinito, da soli o in gruppo.
Sappiamo d'aver imboccato la strada che porta ad una nuova civilt, di tipo ben diverso da quelle nel nostro passato.
L'evoluzione del caos modificando le percezioni sta modificando anche i nostri corpi.
Domani sar una giornata speciale, con alcuni miei simili navigher in un nodo gravitazionale che solo di recente stato individuato, mi addentrer nelle radici dell'umanit e nel suo destino, ne assaporer le coincidenze.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Racconti inediti e/o celebri più letti

» Oscar Wilde LA BALLATA DEL CARCERE DI READING
» Howard Phillips Lovecraft LESTRANEO
» Saint Germain IO SONO COSCIENZA, INTELLIGENZA, VOLONTA 3
» Saint Germain PENSARE E CREARE 5
» Marchese de Sade SERAPHINE
Gli ultimi Racconti inediti e/o celebri pubblicati

» monik elena _ io e te
» Sandrino Aquilani - Gli alberi
» Marina Lolli - Aprile 1949-Giugno 2012
» Ferruccio Frontini-Acca
» Non Tutti sanno chi sono - Desiree Dal Pin
» ZioPier - I colori del buio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Venuta era madonna al mio languire con dolce aspetto umano allegra e bella in sonno a consolarme; et io prendendo ardire di dirli quanti affanni ho speso in vano, vidila con pietate a se' chiamarme, dicendo: "A che sospire? a che ti struggi et ardi di lontano? non sai tu che quell'arme che fer la piaga, ponno il duol finire?" Intanto il sonno si partia pian piano; ond'io, per ingannarme, lungo spazio volsi gli occhi aprire; ma da la bianca mano, che si' stretta tenea, senti' lasciarme. Autore: J.Sannazaro (Napoli 1455 - 1530) Corrente: esponente della poesia pastorale. Jacopo Sannazaro. Nel madrigale riportato e' riconoscibile una apparizione sacra nel sogno, tema gia' caro alla lirica amorosa.

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6543
Autori registrati
3082
Totali visite
9973264
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2013 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e ripubblicato nel 2013 dalla redazione di Latamclick.