La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 22, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesia italiana | Totali visite: 1384 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
Sono tornato ai vostri ultimi regni,
nella pace delle vallate
e delle rupi,
sui sentieri
senza pi orme.
Ho ritrovato l'odore del mirto
e della menta selvatica.
Mi ha sorriso il muschio
come un talismano di smeraldo dimenticato.
Ho ritrovato sui ventosi altopiani
l'indicibile musica del risveglio del vento
e il vorticoso respiro dell'infinito.
Ho riascoltato di notte l'infausto incanto
delle invisibili civette.
E ho trasalito come per un rimorso
d'un' inesplicabile colpa.
Non fuggite da me
Angeli del Silenzio e della Solitudine!
Ho bisogno di voi.
Ho camminato tanto.
Sono un sopravvissuto.
E ora sono quasi
vicino alle mie origini primigenie.
Sento le foglie umide
tendermi le loro bocche
come coppe inebrianti di purezza.
Sar passato un secolo
o una sola notte:
non importa pi il tempo
ora che quest'alba
mi guarda come ad un bimbo.
I gridi degli anni
che sono trascorsi
non sono che un'eco remota.
Era qui il miracolo della perduta innocenza
qui dove ho portato
il mio ansito di fuggiasco.
Qui mi ha spinto quest'arsura
di fresche sorgive
come un cervo ferito.
Forse solo nell'ultimo istante
potr cogliere per sempre
l'intera, viva, pura vostra luce,
Angeli del Silenzio e della Solitudine.
Per intanto abbiate piet di me!


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesia italiana più letti

» Roberto Benigni SE MUORE LEI
» Sant Agostino SE AMI PER LA PRIMA VOLTA
» San Francesco d' Assisi DOLCE SENTIRE
» ISABELLA BASIGLIO - IO SONO IL LUPO
» Antonio De Curtis Toto PREGHIERA DEL CLOWN
Gli ultimi Poesia italiana pubblicati

» E ora che pi non ci sei
» DIVERSO
» First Time
» Luciano D'Agostino - LA VALIGIA
» Luciano D'Agostino - Il FIORE E LA NOTTE
» Le luci della notte


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Nel molle giro di un sorriso ci sentiamo legare da un turbine di germogli di desiderio. Ci vendemmia il sole... da L'ALLEGRIA - IL PORTO SEPOLTO

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6764
Autori registrati
4343
Totali visite
15739660
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.