La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: gennaio 01, 2017 | Da: Angelo G
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 1208 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Angelo G

Al miliziano di Raqqa

Non trovi? Siamo figli di una stessa notte
di questa notte buia e senza stelle
ed arranchiamo ad una stessa sorte
di sentir sangue e freddo sulla pelle.

Per siamo anche figli di uno stesso padre
veniamo insieme dal cammin di Abramo
tu ci odi e ci ritieni stirpi ladre
ma il Dio di tutti disse a lui "ti amo".

Mi odi? Eppur condividiamo il cielo
che Lui ci ha dato in cambio del sudore,
mi odi eppur sai ben ch'amore vero
soltanto dato a chi d'amor fattore.

Mi odi e sai anche tu che esiste un posto
bellissimo per cui tu vuoi spirare
quel Paradiso che anche a me proposto
ma che penso superfluo l'affrettare.

E sai ch'ogne sospiro non vano
n quest'ardente sabbia del deserto
n quel mio freddo che non lontano
ed anche te prepara al cielo aperto.

Sai ch'ogne lacrima, ogni patimento
in Paradiso far a entrambi onore
ma che al di sopra d'ogni fondamento
il Dio comune a noi prescrisse Amore.

Non trovi? Per Amor si mosse Abramo
e f sue gesta ed ebbe amor per quelle,
se sotto il cielo scuro Amor compiamo
noi come lui, vedrem di notte stelle.
Mi odi? Io ti amo
fratello.


Al miliziano occidentale

Guardala, la tua nemica
cos bella
di sera.
Rifulge tutta la citt
di luci
stasera.

Tu dici che il diavolo ha dentro
che empia e corrotta e perduta
che merita morte il suo centro
che strepita ma gi caduta
e un sogno di morte per lei dentro meriti
ardente di brama d'averla ai tuoi piedi
distrutta, annientata per un Dio che i meriti
empi suoi ha visto e punito e non vedi
che lei, la citt, una sera
ha cullato
i tuoi primi gemiti.

E' bella la tua nemica
con luci corrotte
la sera
bella come quel giorno
ch'accolse il tuo pianto
di sera.

E' bella come ai tempi nei quali ti ha cresciuto
che i luoghi profani tu hai amato
bella come la madre bella che hai avuto
che mai la sua terra ha obliato.
Ma tu, quella terra, hai mai conosciuto?
Non ci sei mai andato.
E' la terra estranea ad averti cresciuto
qui che di sera sei nato.

Guardala, la tua nemica
tu vuoi che soccomba
stasera.
Guardala, chi ti ha cresciuto
d'amore rimbomba
la sera.

Forse, guerriero
in lei vuoi scoppiar la tua bomba
ma certo, davvero
in lei vuoi che sia la tua tomba.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Carmine Ianniello - Stagno
» Carmine Ianniello - Orizzonte
» Gattina
» Lasciami trovare un attimo
» Chemistry is life
» Adieu - Risveglio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Le ceneri di Gramsci V Non dico l'individuo, il fenomeno dell'ardore sensuale e sentimentale... altri vizi esso ha, altro il nome e la fatalit del suo peccare... Ma in esso impastati quali comuni, prenatali vizi, e quale

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6785
Autori registrati
8594
Totali visite
19300579
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.