La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: giugno 23, 2013 | Da: Redazione
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 1201 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Redazione
Sono Manuel figlio di Felice, contento di portar avanti il lavoro di mio padre.
VOCI NEL SILENZIO

Frugo dentro il mio groviglio
in quel mormorio di rami vetusti
dove voci nel silenzio
luce cercano nel buio;
vie, cunicoli, sentieri
tra la dolce tempesta
mi conducono al bivio
dove il passo sosta.
Cigolii di pensieri come cavalli
scalpitanti nella mente
ormai l'auriga aspettano
per liberar la fronte prigioniera
che sostar mi fa irrequieto
nell'oscura nebbia di sempre.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Carmine Ianniello - Stagno
» Carmine Ianniello - Orizzonte
» Gattina
» Lasciami trovare un attimo
» Chemistry is life
» Adieu - Risveglio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
di Stelvio Mestrovich A proposito di tale opera e in pieno conflitto sacro-profano, larguto Maestro pesarese scrisse persino una lettera al buon Dio. In francese, naturalmente. Buon Dio, ecco terminata questa povera piccola Messa. Io sono nato per lopera buffa, Tu lo sai bene ! Poca scienza, poco cuore, ecco fatto! Sii dunque benedetto e concedimi il Paradiso Quale commiato! Una sottile preghiera, Rossini poteva scherzare anche con il Padreterno, per svelare tutta la sua fragilit, per palesare i suoi difetti e i suoi pregi, per richiamare lattenzione dei posteri su un giudizio che non fosse spietato,

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6785
Autori registrati
8634
Totali visite
19337820
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.