La Poesia

La casa della poesia
non avrà mai porte





Il più grande sito italiano di poesie e racconti

Entra o Registrati Che metta del giusto animo il pellegrino che bussa alla casa della poesia.


La Poesia | Antologia completa | Testi più votati | Ricerca avanzata | Rss Feeds | Invio materiale

    Poesie e racconti
» Poesia antica greca e latina
» Poesia dialettale italiana
» Poesia italiana
» Poesie inedite
» Poesie straniere tradotte
» Racconti inediti e/o celebri

  Filtra le poesie e racconti
Più lette
Più votate dagli utenti

  Felice Pagnani
Disegni
Sito Poesia
In ricordo

   Iscrivermi alla newsletter
Iscrivendoti alla newsletter riceverai la info dei nuovi materiali pubblicati.
Nome E-mail

Titolo/Autore Testi    ricerca avanzata
Pubblicata il: settembre 08, 2014 | Da: Francesco della Rocca
Categoria: Poesie inedite | Totali visite: 1635 | Valorazione

Occhio al medio ambiente | Invia per per e-mail

  
Francesco della Rocca

Sentieri d'origine
Oltre l'immagine
Scorre su rii di lamiera
La storia che lenta va

Vedo in ci il mutamento delle Ebridi
Fa freddo e sentendo i brividi
Stringendo la mano
Il cobalto tra gli iridi
Il mio occhio se ne va

Il sale sale alle narici in un turbine elettrico
Fiumara di persone senza destinazione
In un obbiettivo placido
Che si apre e si chiude sopra un volto umido

Il fotogramma e la madre in grembo
Dal sapore acre con un gesto volge
Lo sguardo altrove oltre l'aldil

Su bicchieri di porpora si accende intenso
Il color della vita ricolmo di vite
Tra note mediterranee su terre arse
Dai dardi solari capelli e girasoli
Sul promontorio marittimo
Che ottempera ad ogni vostro proposito

La regina dei gitani favella forestiera
Con una lingua rigida ride e balugina
Tra le foglie di amaranto
Rivive la mia mente nel suo canto

Sui marciapiedi del porto
Fichi d'india e pescherecci
Mi perdo nella sua immagine
Altercando tra il reale e il mondo onirico

Contiguo alle sottane
Unico l'effluvio di fiori esotici
Che inebria il mio mondo mistico
Tra danze e tinte brune al margine della sera
Sul suono dei tacchi di signora
Abbraccio seco la mattina

Imbocco la via della salsedine
Sotto il cielo ondulato
Castelli sopra cattedrali di sabbia
Dove il sangue garante
Tra i passi sfrenati e le grida stridenti
Del limone nativo che ottenebra le menti
E le ombre si muovono a mantici aperti
Tra tarante e suoni armonici

E la pelle che si fa scura
Il guizzo delle labbra
Lo sguardo azzurro di un unico mare
Su un isola dipinta tra nuvole e fili d'oro
La lingua mi parla il mio capo si estranea

Su quei morbidi pendii
Mi perdo ad assaporare le gocce
Cadendo sul ventre morbido
Languido assaporo il mare oceanico

Scendendo dalla zattera
Lungo quelle lunghe rive costellate
Da conchiglie rossi coralli
Giungendo di proposito sinuose
Le mie mani toccano l'origine

I piedi salendo sul predellino
Di ritorno verso il mondo
Appoggiati sul mio mento
Si accompagnano al fruscio
Dolce e lontano del vento.


 Commenti degli utenti

Non ci sono commenti...



Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Violation Search
1 2 3 4 5
Come ti è sembrato?     Scarso
Eccellente    


Ti proponiamo i Poesie inedite più letti

» Ciro Sorrentino SULLE VERDI COLLINE
» Adele Boccabella - Linfinito di un bacio
» Stessa Merda,Altro giorno
» biancanevo - passa il tempo
» Jorges Luis Borges LAMICIZIA
Gli ultimi Poesie inedite pubblicati

» Carmine Ianniello - Stagno
» Carmine Ianniello - Orizzonte
» Gattina
» Lasciami trovare un attimo
» Chemistry is life
» Adieu - Risveglio


    Una pubblicazione proposta fra le tante presenti nel sito
Ma ancora ricordo tutto amore la paura della falsit e dell'ipocrisia la paura che un giorno tu possa andare via il sogno di una vita in comune sapere che nulla ci pu separare o donna uomo.. forte nell'animo e nel polso

    Statistiche generali
Pubblicazioni
6785
Autori registrati
8642
Totali visite
19347020
Categorie
35

Eliminare i file cookie | Torna su   

2000, 2020 © La-Poesia.it | Fondato da Felice Pagnani e adesso curato da Manuel Pagnani.